Altro

Una Steakhouse Stalwart di San Francisco ottiene un lifting


La steakhouse di Alfred brilla sotto la nuova proprietà

I lampadari e le cabine e le pareti rosse danno un'atmosfera classica da steakhouse.

Quando entri nell'Alfred's, il ristorante recentemente rinnovato del gruppo Daniel Patterson, non avrai alcun dubbio che questo posto sia qui da generazioni. Le cabine rosse e i lampadari sono gli stessi che hanno accolto clienti abituali come Frank Sinatra e il potente duo di Joe Di Maggio e Marilyn Monroe. L'atmosfera è quanto di più simile si possa trovare in una classica steakhouse della costa orientale e avere ancora il clima della California settentrionale.

Ci sono accenti della vecchia scuola: Martini e Manhattan sono serviti con una ricarica nello shaker, ostriche fresche - Kumamoto e Marin Miyagi - sono nel menu giornaliero, e c'è una buona selezione di Champagne al bicchiere (Val de Mer Chablis, rosato) e anche un'ampia scelta di mezze bottiglie. Ordina la tua bistecca con la tradizionale gamma di salse (bordelaise di coda di bue, rafano montato, salsa verde, Béarnaise al burro marrone) e alcuni contorni classici: non perderti le patatine Kennebec e la crema di spinaci.

Ma questa è una steakhouse, quindi la carne riceve un'attenzione speciale. Le bistecche di Alfred provengono dalla Flannery Beef locale e sono naturalmente allevate con una dieta a base di erba al 100%. Il Gruppo Patterson ha preso possesso di Alfred's lo scorso anno con la promessa di continuare la tradizione della steakhouse fondata da Alfred Bacchini.

Bacchini aprì il suo primo ristorante nel 1928, trasferendosi dall'Italia con in tasca solo un apocrifo “pezzo d'oro da 20 dollari e un biglietto del treno per San Francisco”. La prima posizione era in via Vallejo. Nel 1970 accettò di vendere il suo ristorante alla famiglia Petri. La famiglia trasferì Alfred's nella sua posizione attuale in Merchant Street, che da oltre 60 anni ospitava lo storico ristorante Blue Fox.

Questo è sicuramente un appuntamento (passa a San Valentino per uno speciale da $ 85 porterhouse per due) che offre ancora esperienze da non perdere. Prova le loro banane Foster flambè al tavolo. È sia delizioso che pirotecnico.

Alfred's si trova al 659 di Merchant St. Il pranzo viene servito il giovedì e il venerdì, mentre la cena viene servita tutti i giorni. Per prenotazioni, chiama (415) 781-7058 o prenota tramite OpenTable.


14 ristoranti e trattorie per eccellenza di San Francisco

Si dice che Billy West abbia fondato lo Zuni Café "con un cuore enorme ed esattamente diecimila dollari."

La città può essere piccola, meno di un decimo delle dimensioni di Los Angeles, ma non commettere errori: San Francisco è un gigante culinario.

Se stai cercando di pascolare in città, la sfida è capire da dove cominciare. Fortunatamente, questi 14 punti caldi, da North Beach al confine della Missione, ti daranno un vero assaggio di San Francisco. Alcuni si occupano di cibi classici della California risalenti all'era della corsa all'oro. Altri servono creazioni moderne. Sono costituiti da bistrot chic e bancarelle per soli contanti, ritrovi del passato e santuari della cucina contemporanea, un ricco crogiolo di opzioni.

"Questa città ha sempre attratto persone da ogni parte,", afferma Richie Alioto, ristoratore di San Francisco di terza generazione. "Puoi assaggiarlo nella nostra scena culinaria."

Il nonno di Alioto, Nunzio, veniva dalla Sicilia. Nel 1925 ha aperto Alioto, un chiosco di frutti di mare a Fisherman's Wharf che è cresciuto fino a diventare il ristorante da 160 posti che Richie ora gestisce. Qui, il granchio di Dungeness è protagonista di una miriade di piatti. La migliore scommessa per assaporare la sua carne dolce e delicata? La ricetta semplice del cugino Nunzio: granchio saltato con aglio, limone, erbe aromatiche, burro e vino bianco, poi arrostito.

Quando Alioto ha aperto, Dungeness era abbondante ed economico. Ora è spesso trattata come una prelibatezza, come ad Anchor & Hope, un luogo del centro dove il granchio è apparso come un coronamento in cima al riccio di mare panna cotta.

Il cibo ricco regna a North Beach, lo storico quartiere italiano della città. Qui, Tommaso si distingue per le sue pizze (cotte nel più antico forno a legna della West Coast) e i piatti abbondanti di spaghetti e polpette, profumati con i sapori casalinghi della tua nonna Cena della domenica. Al contrario, Che Fico, vicino a Piazza Alamo, opera all'avanguardia italiana, integrando pizze, pasta e arrosti di stagione con piatti elevati ispirati al comfort food ebraico romano, come il fegato d'anatra alla griglia condito con daikon viola e cipolla marmellata.

I Five Guys Xiao Long Bao del Dragon Beaux sono ripieni di uova di granchio, tartufo nero, cavolo riccio, maiale e barbabietole.

Dragon Beaux, un dim sum e un palazzo di pentole calde nel distretto di Richmond, si occupa anche di cucina tradizionale aggiornata, come in una coalizione arcobaleno di gnocchi di zuppa, pelli macchiate di nero, giallo, verde e rosso da nero di seppia, curcuma, spinaci e barbabietole. Gli chef servono anche dim sum più tradizionali (adesivi per pentole, capesante siu mai), ma se hai voglia di un burrito di anatra arrosto, questo è il tuo posto.

Il burrito è la mascotte culinaria di San Francisco, un piatto qui perfezionato che molti dicono non è lo stesso da nessun'altra parte. Trovare il miglior burrito in città non è facile: una dozzina di gente del posto potrebbe consigliare una dozzina di taquerías. Ma qualcuno ti indicherà sicuramente La Taqueria, la fedele missione senza fronzoli, in particolare la sua carne asada, deliziosa carne di manzo alla griglia che diventa ancora migliore se spruzzata con salsa fatta in casa su un taco o avvolta in un burrito. Gli addetti ai lavori ordinano il loro stile di burritos dorado, grigliato per una pelle croccante.

I burritos sono una scelta economica in una città piena di opzioni alte e umili. Da un lato, c'è Avery in the Fillmore, dove $ 125 ti offre un menu di sette portate popolato da piatti come il lombo di agnello scottato con abalone e pomodori verdi in salamoia. Dall'altro, troverai prodotti di spicco a prezzi modici come Champa Garden nel quartiere di Ingleside. Qui, i focosi piatti thailandesi-laotiani includono nam khao, un'insalata di arancini di riso fritti conditi con salsa di pesce e salsiccia fermentata. Al Bayview, April Spears, chef-proprietaria di Auntie April's Chicken, Waffles, & Soul Food, guarnisce gamberi e semola con salsa cremosa e condisce perfettamente il pollo fritto con un mix di spezie che preferirebbe non rivelare.

Non c'è nessun mistero dietro il famoso pollo arrosto allo Zuni Café in Market Street. Il pollo viene abbronzato in un forno a legna, adagiato su un'insalata di pane calda costellata di pinoli e ribes e rifinito con verdure. Il merito della ricetta va al defunto chef-proprietario di Zuni, Judy Rodgers, una pioniera in una città famosa per i primi culinari.

Ingredienti esotici regnano al True Laurel, un cocktail locale di David Barzelay, famoso per Lazy Bear.

Ultimamente, quella creatività si è diffusa dalla cucina al bar. Prendi, ad esempio, True Laurel, un elegante rifugio alla periferia della Missione che produce cocktail come il Mai O Mai, con rum panamense, orzata di pistacchio, curaçao, caffè-rum float e lime.

Mentre brindiamo al lievito madre, il pane che qui prolifera anche se non è autoctono, essendo arrivato dall'Europa. Boudin Bakery, con la sua vitrea posizione al Fisherman's Wharf, è l'ambasciatore del lievito naturale della città. Ma Tartine Bakery, vicino a Mission Dolores Park, è il punto di riferimento della gente del posto, dove le pagnotte di campagna, sfumate con un sapore di lievito naturale, rasentano il leggendario, e anche i panini mattutini spolverati di zucchero hanno una reputazione epica.

Tartine Bakery fa le fila all'isolato per i suoi famosi pani a lievitazione naturale.

La folla arriva presto a Tartine, facendo la fila lungo l'isolato per le gloriose chicche. L'attesa è valsa la pena, ma se hai bisogno di un balsamo più veloce per i tuoi golosi, potresti dirigerti a sud verso il gelato di Mitchell. Dall'avocado alla vaniglia, i sapori spaziano dal quotidiano all'esotico. La mia raccomandazione? Prendi l'ube (pagname viola), che è lussureggiante, inaspettato e delizioso, circa come San Francisco come San Francisco.

Se hai intenzione di viaggiare a San Francisco, parla gratuitamente con gli agenti di viaggio gratuiti AAA.

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta nell'inverno 2019. Alcuni fatti sono invecchiati senza grazia. Si prega di chiamare in anticipo per verificare le informazioni.


14 ristoranti e trattorie per eccellenza di San Francisco

Si dice che Billy West abbia fondato lo Zuni Café "con un cuore enorme ed esattamente diecimila dollari."

La città può essere piccola, meno di un decimo delle dimensioni di Los Angeles, ma non commettere errori: San Francisco è un gigante culinario.

Se stai cercando di pascolare in città, la sfida è capire da dove cominciare. Fortunatamente, questi 14 punti caldi, da North Beach al confine della Missione, ti daranno un vero assaggio di San Francisco. Alcuni si occupano di cibi classici della California risalenti all'era della corsa all'oro. Altri servono creazioni moderne. Sono costituiti da bistrot chic e bancarelle per soli contanti, ritrovi del passato e santuari della cucina contemporanea, un ricco crogiolo di opzioni.

"Questa città ha sempre attratto persone da ogni parte,", afferma Richie Alioto, ristoratore di San Francisco di terza generazione. "Puoi assaggiarlo nella nostra scena culinaria."

Il nonno di Alioto, Nunzio, veniva dalla Sicilia. Nel 1925 ha aperto Alioto, un chiosco di frutti di mare a Fisherman's Wharf che è cresciuto fino a diventare il ristorante da 160 posti che Richie ora gestisce. Qui, il granchio di Dungeness è protagonista di una miriade di piatti. La migliore scommessa per assaporare la sua carne dolce e delicata? La ricetta semplice del cugino Nunzio: granchio saltato con aglio, limone, erbe aromatiche, burro e vino bianco, poi arrostito.

Quando Alioto ha aperto, Dungeness era abbondante ed economico. Ora è spesso trattata come una prelibatezza, come ad Anchor & Hope, un luogo del centro dove il granchio è apparso come un coronamento in cima al riccio di mare panna cotta.

Il cibo ricco regna a North Beach, lo storico quartiere italiano della città. Qui, Tommaso si distingue per le sue pizze (cotte nel più antico forno a legna della West Coast) e i piatti abbondanti di spaghetti e polpette, che profumano dei sapori casalinghi della tua nonna Cena della domenica. Al contrario, Che Fico, vicino a Piazza Alamo, opera all'avanguardia italiana, integrando pizze, pasta e arrosti di stagione con piatti elevati ispirati al comfort food ebraico romano, come il fegato d'anatra alla griglia condito con daikon viola e cipolla marmellata.

I Five Guys Xiao Long Bao del Dragon Beaux sono ripieni di uova di granchio, tartufo nero, cavolo riccio, maiale e barbabietole.

Dragon Beaux, un dim sum e un palazzo di pentole calde nel distretto di Richmond, si occupa anche di cucina tradizionale aggiornata, come in una coalizione arcobaleno di gnocchi di zuppa, pelli macchiate di nero, giallo, verde e rosso da nero di seppia, curcuma, spinaci e barbabietole. Gli chef servono anche dim sum più tradizionali (adesivi per pentole, capesante siu mai), ma se hai voglia di un burrito di anatra arrosto, questo è il tuo posto.

Il burrito è la mascotte culinaria di San Francisco, un piatto qui perfezionato che molti dicono non è lo stesso da nessun'altra parte. Trovare il miglior burrito in città non è facile: una dozzina di gente del posto potrebbe consigliare una dozzina di taquerías. Ma qualcuno ti indicherà sicuramente La Taqueria, la fedele missione senza fronzoli, in particolare la sua carne asada, deliziosa carne di manzo alla griglia che diventa ancora migliore se spruzzata con salsa fatta in casa su un taco o avvolta in un burrito. Gli addetti ai lavori ordinano il loro stile di burritos dorado, grigliato per una pelle croccante.

I burritos sono una scelta economica in una città piena di opzioni alte e umili. Da un lato, c'è Avery in the Fillmore, dove $ 125 ti offre un menu di sette portate popolato da piatti come il lombo di agnello scottato con abalone e pomodori verdi in salamoia. Dall'altro, troverai prodotti di spicco a prezzi modici come Champa Garden nel quartiere di Ingleside. Qui, i focosi piatti thailandesi-laotiani includono nam khao, un'insalata di arancini di riso fritti conditi con salsa di pesce e salsiccia fermentata. Al Bayview, April Spears, chef-proprietaria di Auntie April's Chicken, Waffles, & Soul Food, guarnisce gamberi e semola con salsa cremosa e condisce perfettamente il pollo fritto con un mix di spezie che preferirebbe non rivelare.

Non c'è nessun mistero dietro il famoso pollo arrosto allo Zuni Café in Market Street. Il pollo viene abbronzato in un forno a legna, adagiato su un'insalata di pane calda costellata di pinoli e ribes e rifinito con verdure. Il merito della ricetta va al defunto chef-proprietario di Zuni, Judy Rodgers, un pioniere in una città famosa per i primi culinari.

Ingredienti esotici regnano al True Laurel, un cocktail locale di David Barzelay, famoso per Lazy Bear.

Ultimamente, quella creatività si è diffusa dalla cucina al bar. Prendi, ad esempio, True Laurel, un elegante rifugio alla periferia della Missione che produce cocktail come il Mai O Mai, con rum panamense, orzata di pistacchio, curaçao, caffè-rum float e lime.

Mentre brindiamo al lievito madre, il pane che qui prolifera anche se non è autoctono, essendo arrivato dall'Europa. Boudin Bakery, con la sua vitrea posizione al Fisherman's Wharf, è l'ambasciatore del lievito naturale della città. Ma Tartine Bakery, vicino a Mission Dolores Park, è il punto di riferimento della gente del posto, dove le pagnotte di campagna, sfumate con un sapore di lievito naturale, rasentano il leggendario, e anche i panini mattutini spolverati di zucchero hanno una reputazione epica.

Tartine Bakery fa le fila all'isolato per i suoi famosi pani a lievitazione naturale.

La folla arriva presto a Tartine, facendo la fila lungo l'isolato per le gloriose chicche. L'attesa è valsa la pena, ma se hai bisogno di un balsamo più veloce per i tuoi golosi, potresti dirigerti a sud verso il gelato di Mitchell. Dall'avocado alla vaniglia, i sapori spaziano dal quotidiano all'esotico. La mia raccomandazione? Prendi l'ube (pagname viola), che è lussureggiante, inaspettato e delizioso, circa come San Francisco come San Francisco.

Se hai intenzione di viaggiare a San Francisco, parla gratuitamente con gli agenti di viaggio gratuiti AAA.

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta nell'inverno 2019. Alcuni fatti sono invecchiati senza grazia. Si prega di chiamare in anticipo per verificare le informazioni.


14 ristoranti e trattorie per eccellenza di San Francisco

Si dice che Billy West abbia fondato lo Zuni Café "con un cuore enorme ed esattamente diecimila dollari."

La città può essere piccola, meno di un decimo delle dimensioni di Los Angeles, ma non commettere errori: San Francisco è un gigante culinario.

Se stai cercando di pascolare in città, la sfida è capire da dove cominciare. Fortunatamente, questi 14 punti caldi, da North Beach al confine della Missione, ti daranno un vero assaggio di San Francisco. Alcuni si occupano di cibi classici della California risalenti all'era della corsa all'oro. Altri servono creazioni moderne. Sono costituiti da bistrot chic e bancarelle per soli contanti, ritrovi del passato e santuari della cucina contemporanea, un ricco crogiolo di opzioni.

"Questa città ha sempre attratto persone da ogni parte,", afferma Richie Alioto, ristoratore di San Francisco di terza generazione. "Puoi assaggiarlo nella nostra scena culinaria."

Il nonno di Alioto, Nunzio, veniva dalla Sicilia. Nel 1925 ha aperto Alioto, un chiosco di frutti di mare a Fisherman's Wharf che è cresciuto fino a diventare il ristorante da 160 posti che Richie ora gestisce. Qui, il granchio di Dungeness è protagonista di una miriade di piatti. La migliore scommessa per assaporare la sua carne dolce e delicata? La ricetta semplice del cugino Nunzio: granchio saltato con aglio, limone, erbe aromatiche, burro e vino bianco, poi arrostito.

Quando Alioto ha aperto, Dungeness era abbondante ed economico. Ora è spesso trattata come una prelibatezza, come ad Anchor & Hope, un luogo del centro dove il granchio è apparso come un coronamento in cima al riccio di mare panna cotta.

Il cibo ricco regna a North Beach, lo storico quartiere italiano della città. Qui, Tommaso si distingue per le sue pizze (cotte nel più antico forno a legna della West Coast) e i piatti abbondanti di spaghetti e polpette, che profumano dei sapori casalinghi della tua nonna Cena della domenica. Al contrario, Che Fico, vicino a Piazza Alamo, opera all'avanguardia italiana, integrando pizze, pasta e arrosti di stagione con piatti elevati ispirati al comfort food ebraico romano, come il fegato d'anatra alla griglia condito con daikon viola e cipolla marmellata.

I Five Guys Xiao Long Bao del Dragon Beaux sono ripieni di uova di granchio, tartufo nero, cavolo riccio, maiale e barbabietole.

Dragon Beaux, un palazzo di dim sum e hot pot nel distretto di Richmond, si occupa anche di cucina tradizionale aggiornata, come in una coalizione arcobaleno di gnocchi di zuppa, pelli macchiate di nero, giallo, verde e rosso da nero di seppia, curcuma, spinaci e barbabietole. Gli chef servono anche dim sum più tradizionali (adesivi per pentole, capesante siu mai), ma se hai voglia di un burrito di anatra arrosto, questo è il tuo posto.

Il burrito è la mascotte culinaria di San Francisco, un piatto qui perfezionato che molti dicono non è lo stesso da nessun'altra parte. Trovare il miglior burrito in città non è facile: una dozzina di gente del posto potrebbe consigliare una dozzina di taquerías. Ma qualcuno ti indicherà sicuramente La Taqueria, la fedele missione senza fronzoli, in particolare la sua carne asada, deliziosa carne di manzo alla griglia che diventa ancora migliore se spruzzata con salsa fatta in casa su un taco o avvolta in un burrito. Gli addetti ai lavori ordinano il loro stile di burritos dorado, grigliato per una pelle croccante.

I burritos sono una scelta economica in una città piena di opzioni alte e umili. Da un lato, c'è Avery in the Fillmore, dove $ 125 ti offre un menu di sette portate popolato da piatti come il lombo di agnello scottato con abalone e pomodori verdi in salamoia. Dall'altro, troverai prodotti di spicco a prezzi modici come Champa Garden nel quartiere di Ingleside. Qui, i focosi piatti thailandesi-laotiani includono nam khao, un'insalata di arancini di riso fritti conditi con salsa di pesce e salsiccia fermentata. Al Bayview, April Spears, chef-proprietaria di Auntie April's Chicken, Waffles, & Soul Food, guarnisce gamberi e semola con salsa cremosa e condisce perfettamente il pollo fritto con un mix di spezie che preferirebbe non rivelare.

Non c'è nessun mistero dietro il famoso pollo arrosto allo Zuni Café in Market Street. Il pollo viene abbronzato in un forno a legna, adagiato su un'insalata di pane calda costellata di pinoli e ribes e rifinito con verdure. Il merito della ricetta va al defunto chef-proprietario di Zuni, Judy Rodgers, un pioniere in una città famosa per i primi culinari.

Ingredienti esotici regnano al True Laurel, un cocktail locale di David Barzelay, famoso per Lazy Bear.

Ultimamente, quella creatività si è diffusa dalla cucina al bar. Prendi, ad esempio, True Laurel, un elegante rifugio alla periferia della Missione che produce cocktail come il Mai O Mai, con rum panamense, orzata di pistacchio, curaçao, caffè-rum float e lime.

Mentre brindiamo al lievito madre, il pane che qui prolifera anche se non è autoctono, essendo arrivato dall'Europa. Boudin Bakery, con la sua vitrea posizione al Fisherman's Wharf, è l'ambasciatore del lievito naturale della città. Ma Tartine Bakery, vicino a Mission Dolores Park, è il punto di riferimento della gente del posto, dove le pagnotte di campagna, sfumate con un sapore di lievito naturale, rasentano il leggendario, e anche i panini mattutini spolverati di zucchero hanno una reputazione epica.

Tartine Bakery fa le fila all'isolato per i suoi famosi pani a lievitazione naturale.

La folla arriva presto a Tartine, facendo la fila lungo l'isolato per le gloriose chicche. L'attesa è valsa la pena, ma se hai bisogno di un balsamo più veloce per i tuoi golosi, potresti dirigerti a sud verso il gelato di Mitchell. Dall'avocado alla vaniglia, i sapori spaziano dal quotidiano all'esotico. La mia raccomandazione? Prendi l'ube (igname viola), che è lussureggiante, inaspettato e delizioso, circa come San Francisco come San Francisco.

Se hai intenzione di viaggiare a San Francisco, parla gratuitamente con gli agenti di viaggio gratuiti AAA.

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta nell'inverno 2019. Alcuni fatti sono invecchiati senza grazia. Si prega di chiamare in anticipo per verificare le informazioni.


14 ristoranti e trattorie per eccellenza di San Francisco

Si dice che Billy West abbia aperto lo Zuni Café "con un cuore enorme ed esattamente diecimila dollari."

La città può essere piccola, meno di un decimo delle dimensioni di Los Angeles, ma non commettere errori: San Francisco è un gigante culinario.

Se stai cercando di pascolare in città, la sfida è capire da dove cominciare. Fortunatamente, questi 14 punti caldi, da North Beach al confine della Missione, ti daranno un vero assaggio di San Francisco. Alcuni si occupano di cibi classici della California risalenti all'era della corsa all'oro. Altri servono creazioni moderne. Sono costituiti da bistrot chic e bancarelle di soli contanti, luoghi di ritrovo del passato e santuari della cucina contemporanea, un ricco crogiolo di opzioni.

"Questa città ha sempre attratto persone da ogni parte,", afferma Richie Alioto, ristoratore di San Francisco di terza generazione. "Puoi assaggiarlo nella nostra scena culinaria."

Il nonno di Alioto, Nunzio, veniva dalla Sicilia. Nel 1925 ha aperto Alioto, un chiosco di frutti di mare a Fisherman's Wharf che è cresciuto fino a diventare il ristorante da 160 posti che Richie ora gestisce. Qui, il granchio di Dungeness è protagonista di una miriade di piatti. La migliore scommessa per assaporare la sua carne dolce e delicata? La ricetta semplice del cugino Nunzio: granchio saltato con aglio, limone, erbe aromatiche, burro e vino bianco, poi arrostito.

Quando Alioto ha aperto, Dungeness era abbondante ed economico. Ora è spesso trattata come una prelibatezza, come ad Anchor & Hope, un luogo del centro dove il granchio è apparso come un coronamento in cima al riccio di mare panna cotta.

Il cibo ricco regna a North Beach, lo storico quartiere italiano della città. Qui, Tommaso si distingue per le sue pizze (cotte nel più antico forno a legna della West Coast) e i piatti abbondanti di spaghetti e polpette, che profumano dei sapori casalinghi della tua nonna Cena della domenica. Al contrario, Che Fico, vicino a Piazza Alamo, opera all'avanguardia italiana, integrando pizze, pasta e arrosti di stagione con piatti elevati ispirati al comfort food ebraico romano, come il fegato d'anatra alla griglia condito con daikon viola e cipolla marmellata.

I Five Guys Xiao Long Bao del Dragon Beaux sono ripieni di uova di granchio, tartufo nero, cavolo riccio, maiale e barbabietole.

Dragon Beaux, un dim sum e un palazzo di pentole calde nel distretto di Richmond, si occupa anche di cucina tradizionale aggiornata, come in una coalizione arcobaleno di gnocchi di zuppa, pelli macchiate di nero, giallo, verde e rosso da nero di seppia, curcuma, spinaci e barbabietole. Gli chef servono anche dim sum più tradizionali (adesivi per pentole, capesante siu mai), ma se hai voglia di un burrito di anatra arrosto, questo è il tuo posto.

Il burrito è la mascotte culinaria di San Francisco, un piatto qui perfezionato che molti dicono non sia lo stesso da nessun'altra parte. Trovare il miglior burrito in città non è facile: una dozzina di gente del posto potrebbe consigliare una dozzina di taquerías. Ma qualcuno ti indicherà sicuramente La Taqueria, la fedele missione senza fronzoli, in particolare la sua carne asada, deliziosa carne di manzo alla griglia che diventa ancora migliore se spruzzata con salsa fatta in casa su un taco o avvolta in un burrito. Gli addetti ai lavori ordinano il loro stile di burritos dorado, grigliato per una pelle croccante.

I burritos sono una scelta economica in una città piena di opzioni alte e umili. Da un lato, c'è Avery in the Fillmore, dove $ 125 ti offre un menu di sette portate popolato da piatti come il lombo di agnello scottato con abalone e pomodori verdi in salamoia. Dall'altro, troverai prodotti di spicco a prezzi modici come Champa Garden nel quartiere di Ingleside. Qui, i focosi piatti thailandesi-laotiani includono nam khao, un'insalata di arancini di riso fritti conditi con salsa di pesce e salsiccia fermentata. Al Bayview, April Spears, chef-proprietaria di Auntie April's Chicken, Waffles, & Soul Food, guarnisce gamberi e semola con salsa cremosa e condisce perfettamente il pollo fritto con un mix di spezie che preferirebbe non rivelare.

Non c'è nessun mistero dietro il famoso pollo arrosto allo Zuni Café in Market Street. Il pollo viene abbronzato in un forno a legna, adagiato su un'insalata di pane calda costellata di pinoli e ribes e rifinito con verdure. Il merito della ricetta va al defunto chef-proprietario di Zuni, Judy Rodgers, un pioniere in una città famosa per i primi culinari.

Ingredienti esotici regnano al True Laurel, un locale per cocktail di David Barzelay, famoso per Lazy Bear.

Ultimamente, quella creatività si è diffusa dalla cucina al bar. Prendi, ad esempio, True Laurel, un elegante rifugio alla periferia della Missione che produce cocktail come il Mai O Mai, con rum panamense, orzata di pistacchio, curaçao, caffè-rum float e lime.

Mentre brindiamo al lievito madre, il pane che qui prolifera anche se non è autoctono, essendo arrivato dall'Europa. Boudin Bakery, con la sua vitrea posizione al Fisherman's Wharf, è l'ambasciatore del lievito naturale della città. Ma Tartine Bakery, vicino a Mission Dolores Park, è il punto di riferimento della gente del posto, dove le pagnotte di campagna, sfumate con un sapore di lievito naturale, rasentano il leggendario, e anche i panini mattutini spolverati di zucchero hanno una reputazione epica.

Tartine Bakery fa le fila all'isolato per i suoi famosi pani a lievitazione naturale.

La folla arriva presto a Tartine, facendo la fila lungo l'isolato per le gloriose chicche. L'attesa è valsa la pena, ma se hai bisogno di un balsamo più veloce per i tuoi golosi, potresti dirigerti a sud verso il gelato di Mitchell. Dall'avocado alla vaniglia, i sapori spaziano dal quotidiano all'esotico. La mia raccomandazione? Prendi l'ube (igname viola), che è lussureggiante, inaspettato e delizioso, circa come San Francisco come San Francisco.

Se hai intenzione di viaggiare a San Francisco, parla gratuitamente con gli agenti di viaggio gratuiti AAA.

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta nell'inverno 2019. Alcuni fatti sono invecchiati senza grazia. Si prega di chiamare in anticipo per verificare le informazioni.


14 ristoranti e trattorie per eccellenza di San Francisco

Si dice che Billy West abbia fondato lo Zuni Café "con un cuore enorme ed esattamente diecimila dollari."

La città può essere piccola, meno di un decimo delle dimensioni di Los Angeles, ma non commettere errori: San Francisco è un gigante culinario.

Se stai cercando di pascolare in città, la sfida è capire da dove cominciare. Fortunatamente, questi 14 punti caldi, da North Beach al confine della Missione, ti daranno un vero assaggio di San Francisco. Alcuni si occupano di cibi classici della California risalenti all'era della corsa all'oro. Altri servono creazioni moderne. Sono costituiti da bistrot chic e bancarelle per soli contanti, ritrovi del passato e santuari della cucina contemporanea, un ricco crogiolo di opzioni.

"Questa città ha sempre attratto persone da ogni parte,", afferma Richie Alioto, ristoratore di San Francisco di terza generazione. "Puoi assaggiarlo nella nostra scena culinaria."

Il nonno di Alioto, Nunzio, veniva dalla Sicilia. Nel 1925 ha aperto Alioto, un chiosco di frutti di mare a Fisherman's Wharf che è cresciuto fino a diventare il ristorante da 160 posti che Richie ora gestisce. Qui, il granchio di Dungeness è protagonista di una miriade di piatti. La migliore scommessa per assaporare la sua carne dolce e delicata? La ricetta semplice del cugino Nunzio: granchio saltato con aglio, limone, erbe aromatiche, burro e vino bianco, poi arrostito.

Quando Alioto ha aperto, Dungeness era abbondante ed economico. Ora è spesso trattata come una prelibatezza, come ad Anchor & Hope, un luogo del centro dove il granchio è apparso come un coronamento in cima al riccio di mare panna cotta.

Il cibo ricco regna a North Beach, lo storico quartiere italiano della città. Qui, Tommaso si distingue per le sue pizze (cotte nel più antico forno a legna della West Coast) e i piatti abbondanti di spaghetti e polpette, profumati con i sapori casalinghi della tua nonna Cena della domenica. Al contrario, Che Fico, vicino a Piazza Alamo, opera all'avanguardia italiana, integrando pizze, pasta e arrosti di stagione con piatti elevati ispirati al comfort food ebraico romano, come il fegato d'anatra alla griglia condito con daikon viola e cipolla marmellata.

I Five Guys Xiao Long Bao del Dragon Beaux sono ripieni di uova di granchio, tartufo nero, cavolo riccio, maiale e barbabietole.

Dragon Beaux, un dim sum e un palazzo di pentole calde nel distretto di Richmond, si occupa anche di cucina tradizionale aggiornata, come in una coalizione arcobaleno di gnocchi di zuppa, pelli macchiate di nero, giallo, verde e rosso da nero di seppia, curcuma, spinaci e barbabietole. Gli chef servono anche dim sum più tradizionali (adesivi per pentole, capesante siu mai), ma se hai voglia di un burrito di anatra arrosto, questo è il tuo posto.

Il burrito è la mascotte culinaria di San Francisco, un piatto qui perfezionato che molti dicono non è lo stesso da nessun'altra parte. Trovare il miglior burrito in città non è facile: una dozzina di gente del posto potrebbe consigliare una dozzina di taquerías. Ma qualcuno ti indicherà sicuramente La Taqueria, la fedele missione senza fronzoli, in particolare la sua carne asada, deliziosa carne di manzo alla griglia che diventa ancora migliore se spruzzata con salsa fatta in casa su un taco o avvolta in un burrito. Gli addetti ai lavori ordinano i loro burritos in stile dorado, grigliati per una pelle croccante.

I burritos sono una scelta economica in una città piena di opzioni alte e umili. Da un lato, c'è Avery in the Fillmore, dove $ 125 ti offre un menu di sette portate popolato da piatti come il lombo di agnello scottato con abalone e pomodori verdi in salamoia. Dall'altro, troverai prodotti di spicco a prezzi modici come Champa Garden nel quartiere di Ingleside. Qui, i focosi piatti thailandesi-laotiani includono nam khao, un'insalata di arancini di riso fritti conditi con salsa di pesce e salsiccia fermentata. Al Bayview, April Spears, chef-proprietaria di Auntie April's Chicken, Waffles, & Soul Food, guarnisce gamberi e semola con salsa cremosa e condisce perfettamente il pollo fritto con un mix di spezie che preferirebbe non rivelare.

Non c'è nessun mistero dietro il famoso pollo arrosto allo Zuni Café in Market Street. Il pollo viene abbronzato in un forno a legna, adagiato su un'insalata di pane calda costellata di pinoli e ribes e rifinito con verdure. Il merito della ricetta va al defunto chef-proprietario di Zuni, Judy Rodgers, un pioniere in una città famosa per i primi culinari.

Ingredienti esotici regnano al True Laurel, un cocktail locale di David Barzelay, famoso per Lazy Bear.

Ultimamente, quella creatività si è diffusa dalla cucina al bar. Prendi, ad esempio, True Laurel, un elegante rifugio alla periferia della Missione che produce cocktail come il Mai O Mai, con rum panamense, orzata di pistacchio, curaçao, caffè-rum float e lime.

Mentre brindiamo al lievito madre, il pane che qui prolifera anche se non è autoctono, essendo arrivato dall'Europa. Boudin Bakery, con la sua vitrea posizione al Fisherman's Wharf, è l'ambasciatore del lievito naturale della città. Ma Tartine Bakery, vicino a Mission Dolores Park, è il punto di riferimento della gente del posto, dove le pagnotte di campagna, sfumate con un sapore di lievito naturale, rasentano il leggendario, e anche i panini mattutini spolverati di zucchero hanno una reputazione epica.

Tartine Bakery fa le fila all'isolato per i suoi famosi pani a lievitazione naturale.

La folla arriva presto a Tartine, facendo la fila lungo l'isolato per le gloriose chicche. L'attesa è valsa la pena, ma se hai bisogno di un balsamo più veloce per i tuoi golosi, potresti dirigerti a sud verso il gelato di Mitchell. Dall'avocado alla vaniglia, i sapori spaziano dal quotidiano all'esotico. La mia raccomandazione? Prendi l'ube (pagname viola), che è lussureggiante, inaspettato e delizioso, circa come San Francisco come San Francisco.

If you're planning on traveling to San Francisco, talk to AAA Complimentary Travel Agents for free.

This article was first published in Winter 2019. Some facts my have aged gracelessly. Please call ahead to verify information.


14 Quintessential San Francisco Restaurants and Eateries

It's said that Billy West started Zuni Café "with a huge heart and exactly ten thousand dollars."

The city may be small—less than one-tenth the size of Los Angeles—but make no mistake: San Francisco is a culinary giant.

If you're looking to graze around town, the challenge is figuring out where to start. Luckily, these 14 hot spots, from North Beach to the edge of the Mission, will give you a true taste of San Francisco. Some deal in classic California foods dating to the Gold Rush era. Others serve modern creations. They consist of chic bistros and cash-only stands, throwback hangouts and shrines to contemporary cuisine—a rich melting pot of options.

"This city has always attracted people from all over," says Richie Alioto, a third-generation San Francisco restaurateur. "You can taste that in our dining scene."

Alioto's grandfather, Nunzio, came from Sicily. In 1925 he opened Alioto's, a seafood stand on Fisherman's Wharf that grew into the 160-seat restaurant Richie now runs. Here, Dungeness crab stars in myriad dishes. The best bet for savoring its sweet, delicate meat? Cousin Nunzio's simple recipe: crab sautéed with garlic, lemon, herbs, butter, and white wine, then roasted.

Back when Alioto's opened, Dungeness was plentiful and cheap. Now it's often treated as a delicacy, as at Anchor & Hope, a downtown spot where crab has appeared as a crowning garnish atop sea urchin panna cotta.

Rich food reigns in North Beach, the city's historic Italian district. Here, Tommaso's stands out for its pizzas (baked in the West Coast's oldest wood-fired oven) and heaping plates of spaghetti and meatballs, redolent with the homey flavors of your nonna's Sunday supper. By contrast, Che Fico, near Alamo Square, operates on the Cal-Italian cutting edge, complementing seasonal pizzas, pastas, and roasts with elevated fare inspired by Roman Jewish comfort food, such as grilled duck liver dressed with purple daikon and onion marmellata.

The Five Guys Xiao Long Bao at Dragon Beaux are filled with crab roe, black truffles, kale, pork, and beets.

Dragon Beaux, a dim sum and hot pot palace in the Richmond District, also deals in traditional cooking updated, as in a rainbow coalition of soup dumplings, skins stained black, yellow, green, and red by squid ink, turmeric, spinach, and beets. The chefs also serve more traditional dim sum (pot stickers, scallop siu mai), but if you're craving a roasted duck burrito, this is your place.

The burrito is San Francisco's culinary mascot, a dish perfected here that many say just isn't the same anywhere else. Finding the best burrito in town isn't easy: A dozen locals might recommend a dozen taquerías. But someone will surely point you to no-frills Mission stalwart La Taqueria— specifically to its carne asada, delicious grilled beef that gets even better when splashed with house-made salsa on a taco, or wrapped in a burrito. Insiders order their burritos dorado style, grilled for a crispy skin.

Burritos are a budget-friendly choice in a town full of options haute and humble. On one hand, there's Avery in the Fillmore, where $125 gets you a seven-course menu populated by such dishes as seared lamb loin with abalone and pickled green tomatoes. On the other, you'll find modestly priced standouts such as Champa Garden in the Ingleside neighborhood. Here, the fiery Thai-Laotian dishes include nam khao, a salad of fried rice balls spiked with fish sauce and fermented sausage. In the Bayview, April Spears, chef-owner of Auntie April's Chicken, Waffles, & Soul Food, tops shrimp and grits with creamy gravy, and seasons perfectly fried chicken with a mix of spices that she would rather not reveal.

There's no mystery behind the renowned roast chicken at Zuni Café on Market Street. The chicken is bronzed in a brick oven, plated over a warm bread salad studded with pine nuts and currants, and finished with greens. Credit for the recipe goes to Zuni's late chef-owner, Judy Rodgers, a pioneer in a city famed for culinary firsts.

Exotic ingredients reign at True Laurel, a cocktail spot from David Barzelay of Lazy Bear fame.

Lately, that creativity has spread from the kitchen to the bar. Take, for instance, True Laurel, a sleek hideaway on the outskirts of the Mission that turns out such cocktails as the Mai O Mai, featuring Panamanian rum, pistachio orgeat, curaçao, coffee-rum float, and lime.

While we're raising glasses, let's toast to sourdough—the bread that proliferates here even though it's not native, having come from Europe. Boudin Bakery, with its glassy Fisherman's Wharf location, is the city's sourdough ambassador. But Tartine Bakery, near Mission Dolores Park, is the locals' go-to, where the country loaves, tinged with a sourdough tang, verge on legendary, and the sugar-dusted morning buns have an epic reputation too.

Tartine Bakery draws lines down the block for its famous sourdough loaves.

The crowds arrive early at Tartine, queuing down the block for the glorious goodies. The wait is worth it, but if you need a quicker salve for your sweet tooth, you might head south to Mitchell's Ice Cream. From avocado to vanilla, the flavors range from everyday to exotic. My recommendation? Get the ube (purple yam), which is lush, unexpected, and delightful—about as San Francisco as San Francisco gets.

If you're planning on traveling to San Francisco, talk to AAA Complimentary Travel Agents for free.

This article was first published in Winter 2019. Some facts my have aged gracelessly. Please call ahead to verify information.


14 Quintessential San Francisco Restaurants and Eateries

It's said that Billy West started Zuni Café "with a huge heart and exactly ten thousand dollars."

The city may be small—less than one-tenth the size of Los Angeles—but make no mistake: San Francisco is a culinary giant.

If you're looking to graze around town, the challenge is figuring out where to start. Luckily, these 14 hot spots, from North Beach to the edge of the Mission, will give you a true taste of San Francisco. Some deal in classic California foods dating to the Gold Rush era. Others serve modern creations. They consist of chic bistros and cash-only stands, throwback hangouts and shrines to contemporary cuisine—a rich melting pot of options.

"This city has always attracted people from all over," says Richie Alioto, a third-generation San Francisco restaurateur. "You can taste that in our dining scene."

Alioto's grandfather, Nunzio, came from Sicily. In 1925 he opened Alioto's, a seafood stand on Fisherman's Wharf that grew into the 160-seat restaurant Richie now runs. Here, Dungeness crab stars in myriad dishes. The best bet for savoring its sweet, delicate meat? Cousin Nunzio's simple recipe: crab sautéed with garlic, lemon, herbs, butter, and white wine, then roasted.

Back when Alioto's opened, Dungeness was plentiful and cheap. Now it's often treated as a delicacy, as at Anchor & Hope, a downtown spot where crab has appeared as a crowning garnish atop sea urchin panna cotta.

Rich food reigns in North Beach, the city's historic Italian district. Here, Tommaso's stands out for its pizzas (baked in the West Coast's oldest wood-fired oven) and heaping plates of spaghetti and meatballs, redolent with the homey flavors of your nonna's Sunday supper. By contrast, Che Fico, near Alamo Square, operates on the Cal-Italian cutting edge, complementing seasonal pizzas, pastas, and roasts with elevated fare inspired by Roman Jewish comfort food, such as grilled duck liver dressed with purple daikon and onion marmellata.

The Five Guys Xiao Long Bao at Dragon Beaux are filled with crab roe, black truffles, kale, pork, and beets.

Dragon Beaux, a dim sum and hot pot palace in the Richmond District, also deals in traditional cooking updated, as in a rainbow coalition of soup dumplings, skins stained black, yellow, green, and red by squid ink, turmeric, spinach, and beets. The chefs also serve more traditional dim sum (pot stickers, scallop siu mai), but if you're craving a roasted duck burrito, this is your place.

The burrito is San Francisco's culinary mascot, a dish perfected here that many say just isn't the same anywhere else. Finding the best burrito in town isn't easy: A dozen locals might recommend a dozen taquerías. But someone will surely point you to no-frills Mission stalwart La Taqueria— specifically to its carne asada, delicious grilled beef that gets even better when splashed with house-made salsa on a taco, or wrapped in a burrito. Insiders order their burritos dorado style, grilled for a crispy skin.

Burritos are a budget-friendly choice in a town full of options haute and humble. On one hand, there's Avery in the Fillmore, where $125 gets you a seven-course menu populated by such dishes as seared lamb loin with abalone and pickled green tomatoes. On the other, you'll find modestly priced standouts such as Champa Garden in the Ingleside neighborhood. Here, the fiery Thai-Laotian dishes include nam khao, a salad of fried rice balls spiked with fish sauce and fermented sausage. In the Bayview, April Spears, chef-owner of Auntie April's Chicken, Waffles, & Soul Food, tops shrimp and grits with creamy gravy, and seasons perfectly fried chicken with a mix of spices that she would rather not reveal.

There's no mystery behind the renowned roast chicken at Zuni Café on Market Street. The chicken is bronzed in a brick oven, plated over a warm bread salad studded with pine nuts and currants, and finished with greens. Credit for the recipe goes to Zuni's late chef-owner, Judy Rodgers, a pioneer in a city famed for culinary firsts.

Exotic ingredients reign at True Laurel, a cocktail spot from David Barzelay of Lazy Bear fame.

Lately, that creativity has spread from the kitchen to the bar. Take, for instance, True Laurel, a sleek hideaway on the outskirts of the Mission that turns out such cocktails as the Mai O Mai, featuring Panamanian rum, pistachio orgeat, curaçao, coffee-rum float, and lime.

While we're raising glasses, let's toast to sourdough—the bread that proliferates here even though it's not native, having come from Europe. Boudin Bakery, with its glassy Fisherman's Wharf location, is the city's sourdough ambassador. But Tartine Bakery, near Mission Dolores Park, is the locals' go-to, where the country loaves, tinged with a sourdough tang, verge on legendary, and the sugar-dusted morning buns have an epic reputation too.

Tartine Bakery draws lines down the block for its famous sourdough loaves.

The crowds arrive early at Tartine, queuing down the block for the glorious goodies. The wait is worth it, but if you need a quicker salve for your sweet tooth, you might head south to Mitchell's Ice Cream. From avocado to vanilla, the flavors range from everyday to exotic. My recommendation? Get the ube (purple yam), which is lush, unexpected, and delightful—about as San Francisco as San Francisco gets.

If you're planning on traveling to San Francisco, talk to AAA Complimentary Travel Agents for free.

This article was first published in Winter 2019. Some facts my have aged gracelessly. Please call ahead to verify information.


14 Quintessential San Francisco Restaurants and Eateries

It's said that Billy West started Zuni Café "with a huge heart and exactly ten thousand dollars."

The city may be small—less than one-tenth the size of Los Angeles—but make no mistake: San Francisco is a culinary giant.

If you're looking to graze around town, the challenge is figuring out where to start. Luckily, these 14 hot spots, from North Beach to the edge of the Mission, will give you a true taste of San Francisco. Some deal in classic California foods dating to the Gold Rush era. Others serve modern creations. They consist of chic bistros and cash-only stands, throwback hangouts and shrines to contemporary cuisine—a rich melting pot of options.

"This city has always attracted people from all over," says Richie Alioto, a third-generation San Francisco restaurateur. "You can taste that in our dining scene."

Alioto's grandfather, Nunzio, came from Sicily. In 1925 he opened Alioto's, a seafood stand on Fisherman's Wharf that grew into the 160-seat restaurant Richie now runs. Here, Dungeness crab stars in myriad dishes. The best bet for savoring its sweet, delicate meat? Cousin Nunzio's simple recipe: crab sautéed with garlic, lemon, herbs, butter, and white wine, then roasted.

Back when Alioto's opened, Dungeness was plentiful and cheap. Now it's often treated as a delicacy, as at Anchor & Hope, a downtown spot where crab has appeared as a crowning garnish atop sea urchin panna cotta.

Rich food reigns in North Beach, the city's historic Italian district. Here, Tommaso's stands out for its pizzas (baked in the West Coast's oldest wood-fired oven) and heaping plates of spaghetti and meatballs, redolent with the homey flavors of your nonna's Sunday supper. By contrast, Che Fico, near Alamo Square, operates on the Cal-Italian cutting edge, complementing seasonal pizzas, pastas, and roasts with elevated fare inspired by Roman Jewish comfort food, such as grilled duck liver dressed with purple daikon and onion marmellata.

The Five Guys Xiao Long Bao at Dragon Beaux are filled with crab roe, black truffles, kale, pork, and beets.

Dragon Beaux, a dim sum and hot pot palace in the Richmond District, also deals in traditional cooking updated, as in a rainbow coalition of soup dumplings, skins stained black, yellow, green, and red by squid ink, turmeric, spinach, and beets. The chefs also serve more traditional dim sum (pot stickers, scallop siu mai), but if you're craving a roasted duck burrito, this is your place.

The burrito is San Francisco's culinary mascot, a dish perfected here that many say just isn't the same anywhere else. Finding the best burrito in town isn't easy: A dozen locals might recommend a dozen taquerías. But someone will surely point you to no-frills Mission stalwart La Taqueria— specifically to its carne asada, delicious grilled beef that gets even better when splashed with house-made salsa on a taco, or wrapped in a burrito. Insiders order their burritos dorado style, grilled for a crispy skin.

Burritos are a budget-friendly choice in a town full of options haute and humble. On one hand, there's Avery in the Fillmore, where $125 gets you a seven-course menu populated by such dishes as seared lamb loin with abalone and pickled green tomatoes. On the other, you'll find modestly priced standouts such as Champa Garden in the Ingleside neighborhood. Here, the fiery Thai-Laotian dishes include nam khao, a salad of fried rice balls spiked with fish sauce and fermented sausage. In the Bayview, April Spears, chef-owner of Auntie April's Chicken, Waffles, & Soul Food, tops shrimp and grits with creamy gravy, and seasons perfectly fried chicken with a mix of spices that she would rather not reveal.

There's no mystery behind the renowned roast chicken at Zuni Café on Market Street. The chicken is bronzed in a brick oven, plated over a warm bread salad studded with pine nuts and currants, and finished with greens. Credit for the recipe goes to Zuni's late chef-owner, Judy Rodgers, a pioneer in a city famed for culinary firsts.

Exotic ingredients reign at True Laurel, a cocktail spot from David Barzelay of Lazy Bear fame.

Lately, that creativity has spread from the kitchen to the bar. Take, for instance, True Laurel, a sleek hideaway on the outskirts of the Mission that turns out such cocktails as the Mai O Mai, featuring Panamanian rum, pistachio orgeat, curaçao, coffee-rum float, and lime.

While we're raising glasses, let's toast to sourdough—the bread that proliferates here even though it's not native, having come from Europe. Boudin Bakery, with its glassy Fisherman's Wharf location, is the city's sourdough ambassador. But Tartine Bakery, near Mission Dolores Park, is the locals' go-to, where the country loaves, tinged with a sourdough tang, verge on legendary, and the sugar-dusted morning buns have an epic reputation too.

Tartine Bakery draws lines down the block for its famous sourdough loaves.

The crowds arrive early at Tartine, queuing down the block for the glorious goodies. The wait is worth it, but if you need a quicker salve for your sweet tooth, you might head south to Mitchell's Ice Cream. From avocado to vanilla, the flavors range from everyday to exotic. My recommendation? Get the ube (purple yam), which is lush, unexpected, and delightful—about as San Francisco as San Francisco gets.

If you're planning on traveling to San Francisco, talk to AAA Complimentary Travel Agents for free.

This article was first published in Winter 2019. Some facts my have aged gracelessly. Please call ahead to verify information.


14 Quintessential San Francisco Restaurants and Eateries

It's said that Billy West started Zuni Café "with a huge heart and exactly ten thousand dollars."

The city may be small—less than one-tenth the size of Los Angeles—but make no mistake: San Francisco is a culinary giant.

If you're looking to graze around town, the challenge is figuring out where to start. Luckily, these 14 hot spots, from North Beach to the edge of the Mission, will give you a true taste of San Francisco. Some deal in classic California foods dating to the Gold Rush era. Others serve modern creations. They consist of chic bistros and cash-only stands, throwback hangouts and shrines to contemporary cuisine—a rich melting pot of options.

"This city has always attracted people from all over," says Richie Alioto, a third-generation San Francisco restaurateur. "You can taste that in our dining scene."

Alioto's grandfather, Nunzio, came from Sicily. In 1925 he opened Alioto's, a seafood stand on Fisherman's Wharf that grew into the 160-seat restaurant Richie now runs. Here, Dungeness crab stars in myriad dishes. The best bet for savoring its sweet, delicate meat? Cousin Nunzio's simple recipe: crab sautéed with garlic, lemon, herbs, butter, and white wine, then roasted.

Back when Alioto's opened, Dungeness was plentiful and cheap. Now it's often treated as a delicacy, as at Anchor & Hope, a downtown spot where crab has appeared as a crowning garnish atop sea urchin panna cotta.

Rich food reigns in North Beach, the city's historic Italian district. Here, Tommaso's stands out for its pizzas (baked in the West Coast's oldest wood-fired oven) and heaping plates of spaghetti and meatballs, redolent with the homey flavors of your nonna's Sunday supper. By contrast, Che Fico, near Alamo Square, operates on the Cal-Italian cutting edge, complementing seasonal pizzas, pastas, and roasts with elevated fare inspired by Roman Jewish comfort food, such as grilled duck liver dressed with purple daikon and onion marmellata.

The Five Guys Xiao Long Bao at Dragon Beaux are filled with crab roe, black truffles, kale, pork, and beets.

Dragon Beaux, a dim sum and hot pot palace in the Richmond District, also deals in traditional cooking updated, as in a rainbow coalition of soup dumplings, skins stained black, yellow, green, and red by squid ink, turmeric, spinach, and beets. The chefs also serve more traditional dim sum (pot stickers, scallop siu mai), but if you're craving a roasted duck burrito, this is your place.

The burrito is San Francisco's culinary mascot, a dish perfected here that many say just isn't the same anywhere else. Finding the best burrito in town isn't easy: A dozen locals might recommend a dozen taquerías. But someone will surely point you to no-frills Mission stalwart La Taqueria— specifically to its carne asada, delicious grilled beef that gets even better when splashed with house-made salsa on a taco, or wrapped in a burrito. Insiders order their burritos dorado style, grilled for a crispy skin.

Burritos are a budget-friendly choice in a town full of options haute and humble. On one hand, there's Avery in the Fillmore, where $125 gets you a seven-course menu populated by such dishes as seared lamb loin with abalone and pickled green tomatoes. On the other, you'll find modestly priced standouts such as Champa Garden in the Ingleside neighborhood. Here, the fiery Thai-Laotian dishes include nam khao, a salad of fried rice balls spiked with fish sauce and fermented sausage. In the Bayview, April Spears, chef-owner of Auntie April's Chicken, Waffles, & Soul Food, tops shrimp and grits with creamy gravy, and seasons perfectly fried chicken with a mix of spices that she would rather not reveal.

There's no mystery behind the renowned roast chicken at Zuni Café on Market Street. The chicken is bronzed in a brick oven, plated over a warm bread salad studded with pine nuts and currants, and finished with greens. Credit for the recipe goes to Zuni's late chef-owner, Judy Rodgers, a pioneer in a city famed for culinary firsts.

Exotic ingredients reign at True Laurel, a cocktail spot from David Barzelay of Lazy Bear fame.

Lately, that creativity has spread from the kitchen to the bar. Take, for instance, True Laurel, a sleek hideaway on the outskirts of the Mission that turns out such cocktails as the Mai O Mai, featuring Panamanian rum, pistachio orgeat, curaçao, coffee-rum float, and lime.

While we're raising glasses, let's toast to sourdough—the bread that proliferates here even though it's not native, having come from Europe. Boudin Bakery, with its glassy Fisherman's Wharf location, is the city's sourdough ambassador. But Tartine Bakery, near Mission Dolores Park, is the locals' go-to, where the country loaves, tinged with a sourdough tang, verge on legendary, and the sugar-dusted morning buns have an epic reputation too.

Tartine Bakery draws lines down the block for its famous sourdough loaves.

The crowds arrive early at Tartine, queuing down the block for the glorious goodies. The wait is worth it, but if you need a quicker salve for your sweet tooth, you might head south to Mitchell's Ice Cream. From avocado to vanilla, the flavors range from everyday to exotic. My recommendation? Get the ube (purple yam), which is lush, unexpected, and delightful—about as San Francisco as San Francisco gets.

If you're planning on traveling to San Francisco, talk to AAA Complimentary Travel Agents for free.

This article was first published in Winter 2019. Some facts my have aged gracelessly. Please call ahead to verify information.


14 Quintessential San Francisco Restaurants and Eateries

It's said that Billy West started Zuni Café "with a huge heart and exactly ten thousand dollars."

The city may be small—less than one-tenth the size of Los Angeles—but make no mistake: San Francisco is a culinary giant.

If you're looking to graze around town, the challenge is figuring out where to start. Luckily, these 14 hot spots, from North Beach to the edge of the Mission, will give you a true taste of San Francisco. Some deal in classic California foods dating to the Gold Rush era. Others serve modern creations. They consist of chic bistros and cash-only stands, throwback hangouts and shrines to contemporary cuisine—a rich melting pot of options.

"This city has always attracted people from all over," says Richie Alioto, a third-generation San Francisco restaurateur. "You can taste that in our dining scene."

Alioto's grandfather, Nunzio, came from Sicily. In 1925 he opened Alioto's, a seafood stand on Fisherman's Wharf that grew into the 160-seat restaurant Richie now runs. Here, Dungeness crab stars in myriad dishes. The best bet for savoring its sweet, delicate meat? Cousin Nunzio's simple recipe: crab sautéed with garlic, lemon, herbs, butter, and white wine, then roasted.

Back when Alioto's opened, Dungeness was plentiful and cheap. Now it's often treated as a delicacy, as at Anchor & Hope, a downtown spot where crab has appeared as a crowning garnish atop sea urchin panna cotta.

Rich food reigns in North Beach, the city's historic Italian district. Here, Tommaso's stands out for its pizzas (baked in the West Coast's oldest wood-fired oven) and heaping plates of spaghetti and meatballs, redolent with the homey flavors of your nonna's Sunday supper. By contrast, Che Fico, near Alamo Square, operates on the Cal-Italian cutting edge, complementing seasonal pizzas, pastas, and roasts with elevated fare inspired by Roman Jewish comfort food, such as grilled duck liver dressed with purple daikon and onion marmellata.

The Five Guys Xiao Long Bao at Dragon Beaux are filled with crab roe, black truffles, kale, pork, and beets.

Dragon Beaux, a dim sum and hot pot palace in the Richmond District, also deals in traditional cooking updated, as in a rainbow coalition of soup dumplings, skins stained black, yellow, green, and red by squid ink, turmeric, spinach, and beets. The chefs also serve more traditional dim sum (pot stickers, scallop siu mai), but if you're craving a roasted duck burrito, this is your place.

The burrito is San Francisco's culinary mascot, a dish perfected here that many say just isn't the same anywhere else. Finding the best burrito in town isn't easy: A dozen locals might recommend a dozen taquerías. But someone will surely point you to no-frills Mission stalwart La Taqueria— specifically to its carne asada, delicious grilled beef that gets even better when splashed with house-made salsa on a taco, or wrapped in a burrito. Insiders order their burritos dorado style, grilled for a crispy skin.

Burritos are a budget-friendly choice in a town full of options haute and humble. On one hand, there's Avery in the Fillmore, where $125 gets you a seven-course menu populated by such dishes as seared lamb loin with abalone and pickled green tomatoes. On the other, you'll find modestly priced standouts such as Champa Garden in the Ingleside neighborhood. Here, the fiery Thai-Laotian dishes include nam khao, a salad of fried rice balls spiked with fish sauce and fermented sausage. In the Bayview, April Spears, chef-owner of Auntie April's Chicken, Waffles, & Soul Food, tops shrimp and grits with creamy gravy, and seasons perfectly fried chicken with a mix of spices that she would rather not reveal.

There's no mystery behind the renowned roast chicken at Zuni Café on Market Street. The chicken is bronzed in a brick oven, plated over a warm bread salad studded with pine nuts and currants, and finished with greens. Credit for the recipe goes to Zuni's late chef-owner, Judy Rodgers, a pioneer in a city famed for culinary firsts.

Exotic ingredients reign at True Laurel, a cocktail spot from David Barzelay of Lazy Bear fame.

Lately, that creativity has spread from the kitchen to the bar. Take, for instance, True Laurel, a sleek hideaway on the outskirts of the Mission that turns out such cocktails as the Mai O Mai, featuring Panamanian rum, pistachio orgeat, curaçao, coffee-rum float, and lime.

While we're raising glasses, let's toast to sourdough—the bread that proliferates here even though it's not native, having come from Europe. Boudin Bakery, with its glassy Fisherman's Wharf location, is the city's sourdough ambassador. But Tartine Bakery, near Mission Dolores Park, is the locals' go-to, where the country loaves, tinged with a sourdough tang, verge on legendary, and the sugar-dusted morning buns have an epic reputation too.

Tartine Bakery draws lines down the block for its famous sourdough loaves.

The crowds arrive early at Tartine, queuing down the block for the glorious goodies. The wait is worth it, but if you need a quicker salve for your sweet tooth, you might head south to Mitchell's Ice Cream. From avocado to vanilla, the flavors range from everyday to exotic. My recommendation? Get the ube (purple yam), which is lush, unexpected, and delightful—about as San Francisco as San Francisco gets.

If you're planning on traveling to San Francisco, talk to AAA Complimentary Travel Agents for free.

This article was first published in Winter 2019. Some facts my have aged gracelessly. Please call ahead to verify information.


Guarda il video: Affordable steak house in Bangkok (Ottobre 2021).