Altro

La guida definitiva per fare le patatine in casa


Quando trovi quella frittura ideale, dorata all'esterno, soffice e morbida all'interno, e non una goccia di troppo olio, non mollare mai: è l'unicorno del mondo delle patatine fritte. Se ti chiedi cosa succede davvero trasformare le patate in croccanti patatine fritte, potresti essere sorpreso di apprendere che i passaggi sono un po' più difficili del gettare bastoncini di patate nell'olio bollente, ma non sono affatto la sfida che potresti pensare.

Clicca qui per la guida definitiva alla presentazione di patatine fritte a casa.

Ecco la guida definitiva per fare le patatine in casa. Quelle patate croccanti sono difficili da resistere, e ora The Daily Meal è qui per darti tutte le informazioni di cui hai bisogno per friggere tu stesso un lotto. Dall'olio alle patate, stiamo approfondendo la scienza della cucina per darti lo sguardo più completo su questo classico amidacei. Divorerai un piatto fatto in casa della tua patata preferita in pochissimo tempo.

Sia che tu intingi le tue patatine nel ketchup puro, nell'aïoli all'aglio o che crei il perfetto equilibrio tra ketchup e maionese per “salsa di frittura, tutto quello che devi fare è seguire questa guida, scegliere la tua salsa e mangiarla subito per un sapore come non hai mai assaggiato prima.


La patata è fondamentale per la buona riuscita delle vostre patatine. Le patate ruggine, Bintje e la meno comune (almeno negli Stati Uniti) Maris Piper sono scelte eccellenti per la frittura. Il loro alto contenuto di amido si traduce in soffici patatine fritte. Altrettanto importante per la tua scelta di varietà di patate è il suo contenuto d'acqua; troppo e le tue patatine saranno mollicce, troppo poco e saranno croccanti in tutto.


Non tutto l'olio ha lo stesso punto di fumo. Poiché l'olio di frittura francese deve essere riscaldato a 400 gradi F, olio con un alto punto di fumo è fondamentale per tenere a bada i rilevatori di fumo. Oli vegetali con a sapore neutro tendono ad essere la scelta migliore. Cartamo, arachidi e olio di mais hanno tutti punti di fumo di almeno 440 gradi F. L'olio di colza ha un punto di fumo leggermente più basso a 400 gradi F, ma può essere utilizzato purché si guardi da vicino il termometro.


Angela Carlos è la direttrice cuoca del Daily Meal. Trovala su Twitter e twitta @angelaccarlos.


Questo è il modo migliore per fare le patatine in casa!

Ecco come è diverso (e migliore) rispetto al modo tradizionale di fare le patatine fritte.

1. Non è necessario immergere le patate in acqua (per sempre) prima.

Mettere a bagno le patate affettate in acqua aiuta a rimuovere l'amido in eccesso, il che rende le patatine più croccanti. Alcune ricette richiedono un ammollo notturno, mentre altre vogliono che tu cambi spesso l'acqua.

2. L'oro Yukon è il migliore.

NON RUSSA! Sono meno ricchi di amido e diventeranno croccanti senza mai sedersi in una ciotola d'acqua. Quando fritta, la consistenza burrosa interna è un sottile contrasto con la croccantezza esterna, ma credetemi, la gente se ne accorgerà.

3. Non hai bisogno di un termometro per caramelle.

Le ricette che richiedono la frittura sono spesso super specifiche. La temperatura dell'olio deve essere proprio così. Non con questo metodo. Si scopre che puoi mettere le patate *non ammollate* in una padella grande e profonda (o in un forno olandese), versarci sopra dell'olio freddo fino a quando non sono appena coperte, quindi portare il tutto a ebollizione. La temperatura esatta non ha molta importanza finché è calda e spumeggiante.

4. Devi friggerlo solo una volta.

Alla scuola di cucina mi hanno insegnato che bisogna friggere due volte: una volta a una temperatura tra i 325° ei 330° per farli seccare, poi ancora tra i 350° e i 360° per farli dorati e croccanti da bistrot. Quindi, perché non l'ho mai fatto a casa. Con questo metodo tutte le patatine entrano nello stesso momento e una volta fuori sono pronte da mangiare! Dopo averli conditi con il sale, ovviamente.


Questo è il modo migliore per fare le patatine in casa!

Ecco come è diverso (e migliore) rispetto al modo tradizionale di fare le patatine fritte.

1. Non è necessario immergere le patate in acqua (per sempre) prima.

Mettere a bagno le patate affettate in acqua aiuta a rimuovere l'amido in eccesso, il che rende le patatine più croccanti. Alcune ricette richiedono un ammollo notturno, mentre altre vogliono che tu cambi spesso l'acqua.

2. L'oro Yukon è il migliore.

NON RUSSA! Sono meno ricchi di amido e diventeranno croccanti senza mai sedersi in una ciotola d'acqua. Quando fritta, la consistenza burrosa interna è un sottile contrasto con la croccantezza esterna, ma credetemi, la gente se ne accorgerà.

3. Non hai bisogno di un termometro per caramelle.

Le ricette che richiedono la frittura sono spesso super specifiche. La temperatura dell'olio deve essere proprio così. Non con questo metodo. Si scopre che puoi mettere le patate *non ammollate* in una padella grande e profonda (o in un forno olandese), versarci sopra dell'olio freddo fino a quando non sono appena coperte, quindi portare il tutto a ebollizione. La temperatura esatta non ha molta importanza finché è calda e spumeggiante.

4. Devi friggerlo solo una volta.

Alla scuola di cucina mi hanno insegnato che bisogna friggere due volte: una volta a una temperatura tra i 325° ei 330° per farli seccare, poi ancora tra i 350° e i 360° per farli dorati e croccanti da bistrot. Quindi, perché non l'ho mai fatto a casa. Con questo metodo, tutte le patatine entrano contemporaneamente e una volta fuori sono pronte da mangiare! Dopo averli conditi con il sale, ovviamente.


Questo è il modo migliore per fare le patatine in casa!

Ecco come è diverso (e migliore) rispetto al modo tradizionale di fare le patatine fritte.

1. Non è necessario immergere le patate in acqua (per sempre) prima.

Mettere a bagno le patate affettate in acqua aiuta a rimuovere l'amido in eccesso, il che rende le patatine più croccanti. Alcune ricette richiedono un ammollo notturno, mentre altre vogliono che tu cambi spesso l'acqua.

2. L'oro Yukon è il migliore.

NON RUSSA! Sono meno ricchi di amido e diventeranno croccanti senza mai stare in una ciotola d'acqua. Quando fritta, la consistenza burrosa interna è un sottile contrasto con la croccantezza esterna, ma credetemi, la gente se ne accorgerà.

3. Non hai bisogno di un termometro per caramelle.

Le ricette che richiedono la frittura sono spesso super specifiche. La temperatura dell'olio deve essere proprio così. Non con questo metodo. Si scopre che puoi mettere le patate *non ammollate* in una padella grande e profonda (o in un forno olandese), versarci sopra dell'olio freddo fino a quando non sono appena coperte, quindi portare il tutto a ebollizione. La temperatura esatta non ha molta importanza finché è calda e spumeggiante.

4. Devi friggerlo solo una volta.

Alla scuola di cucina mi hanno insegnato che bisogna friggere due volte: una a una temperatura tra i 325° ei 330° per farli seccare, poi di nuovo tra i 350° e i 360° per farli dorati e croccanti da bistrot. Quindi, perché non l'ho mai fatto a casa. Con questo metodo, tutte le patatine entrano contemporaneamente e una volta fuori sono pronte da mangiare! Dopo averli conditi con il sale, ovviamente.


Questo è il modo migliore per fare le patatine in casa!

Ecco come è diverso (e migliore) rispetto al modo tradizionale di fare le patatine fritte.

1. Non è necessario immergere le patate in acqua (per sempre) prima.

Mettere a bagno le patate affettate in acqua aiuta a rimuovere l'amido in eccesso, il che rende le patatine più croccanti. Alcune ricette richiedono un ammollo notturno, mentre altre vogliono che tu cambi spesso l'acqua.

2. L'oro Yukon è il migliore.

NON RUSSO! Sono meno ricchi di amido e diventeranno croccanti senza mai stare in una ciotola d'acqua. Quando fritta, la consistenza burrosa interna è un sottile contrasto con la croccantezza esterna, ma credetemi, la gente se ne accorgerà.

3. Non hai bisogno di un termometro per caramelle.

Le ricette che richiedono la frittura sono spesso super specifiche. La temperatura dell'olio deve essere proprio così. Non con questo metodo. Si scopre che puoi mettere le patate *non ammollate* in una padella grande e profonda (o in un forno olandese), versarci sopra dell'olio freddo fino a quando non sono appena coperte, quindi portare il tutto a ebollizione. La temperatura esatta non ha molta importanza finché è calda e spumeggiante.

4. Devi friggerlo solo una volta.

Alla scuola di cucina mi hanno insegnato che bisogna friggere due volte: una volta a una temperatura tra i 325° ei 330° per farli seccare, poi ancora tra i 350° e i 360° per farli dorati e croccanti da bistrot. Quindi, perché non l'ho mai fatto a casa. Con questo metodo tutte le patatine entrano nello stesso momento e una volta fuori sono pronte da mangiare! Dopo averli conditi con il sale, ovviamente.


Questo è il modo migliore per fare le patatine in casa!

Ecco come è diverso (e migliore) rispetto al modo tradizionale di fare le patatine fritte.

1. Non è necessario immergere le patate in acqua (per sempre) prima.

Mettere a bagno le patate affettate in acqua aiuta a rimuovere l'amido in eccesso, il che rende le patatine più croccanti. Alcune ricette richiedono un ammollo notturno, mentre altre vogliono che tu cambi spesso l'acqua.

2. L'oro Yukon è il migliore.

NON RUSSA! Sono meno ricchi di amido e diventeranno croccanti senza mai stare in una ciotola d'acqua. Quando fritta, la consistenza burrosa interna è un sottile contrasto con la croccantezza esterna, ma credetemi, la gente se ne accorgerà.

3. Non hai bisogno di un termometro per caramelle.

Le ricette che richiedono la frittura sono spesso super specifiche. La temperatura dell'olio deve essere proprio così. Non con questo metodo. Si scopre che puoi mettere le patate *non ammollate* in una padella grande e profonda (o in un forno olandese), versarci sopra dell'olio freddo fino a quando non sono appena coperte, quindi portare a ebollizione il tutto. La temperatura esatta non ha molta importanza finché è calda e spumeggiante.

4. Devi friggerlo solo una volta.

Alla scuola di cucina mi hanno insegnato che bisogna friggere due volte: una volta a una temperatura tra i 325° ei 330° per farli seccare, poi ancora tra i 350° e i 360° per farli dorati e croccanti da bistrot. Quindi, perché non l'ho mai fatto a casa. Con questo metodo, tutte le patatine entrano contemporaneamente e una volta fuori sono pronte da mangiare! Dopo averli conditi con il sale, ovviamente.


Questo è il modo migliore per fare le patatine in casa!

Ecco come è diverso (e migliore) rispetto al modo tradizionale di fare le patatine fritte.

1. Non è necessario immergere le patate in acqua (per sempre) prima.

Mettere a bagno le patate affettate in acqua aiuta a rimuovere l'amido in eccesso, il che rende le patatine più croccanti. Alcune ricette richiedono un ammollo notturno, mentre altre vogliono che tu cambi spesso l'acqua.

2. L'oro Yukon è il migliore.

NON RUSSA! Sono meno ricchi di amido e diventeranno croccanti senza mai sedersi in una ciotola d'acqua. Quando fritta, la consistenza burrosa interna è un sottile contrasto con la croccantezza esterna, ma credetemi, la gente se ne accorgerà.

3. Non hai bisogno di un termometro per caramelle.

Le ricette che richiedono la frittura sono spesso super specifiche. La temperatura dell'olio deve essere proprio così. Non con questo metodo. Si scopre che puoi mettere le patate *non ammollate* in una padella grande e profonda (o in un forno olandese), versarci sopra dell'olio freddo fino a quando non sono appena coperte, quindi portare a ebollizione il tutto. La temperatura esatta non ha molta importanza finché è calda e spumeggiante.

4. Devi friggerlo solo una volta.

Alla scuola di cucina mi hanno insegnato che bisogna friggere due volte: una volta a una temperatura tra i 325° ei 330° per farli seccare, poi ancora tra i 350° e i 360° per farli dorati e croccanti da bistrot. Quindi, perché non l'ho mai fatto a casa. Con questo metodo, tutte le patatine entrano contemporaneamente e una volta fuori sono pronte da mangiare! Dopo averli conditi con il sale, ovviamente.


Questo è il modo migliore per fare le patatine in casa!

Ecco come è diverso (e migliore) rispetto al modo tradizionale di fare le patatine fritte.

1. Non è necessario immergere le patate in acqua (per sempre) prima.

Mettere a bagno le patate affettate in acqua aiuta a rimuovere l'amido in eccesso, il che rende le patatine più croccanti. Alcune ricette richiedono un ammollo notturno, mentre altre vogliono che tu cambi spesso l'acqua.

2. L'oro Yukon è il migliore.

NON RUSSA! Sono meno ricchi di amido e diventeranno croccanti senza mai sedersi in una ciotola d'acqua. Quando fritta, la consistenza burrosa interna è un sottile contrasto con la croccantezza esterna, ma credetemi, la gente se ne accorgerà.

3. Non hai bisogno di un termometro per caramelle.

Le ricette che richiedono la frittura sono spesso super specifiche. La temperatura dell'olio deve essere proprio così. Non con questo metodo. Si scopre che puoi mettere le patate *non ammollate* in una padella grande e profonda (o in un forno olandese), versarci sopra dell'olio freddo fino a quando non sono appena coperte, quindi portare il tutto a ebollizione. La temperatura esatta non ha molta importanza finché è calda e spumeggiante.

4. Devi friggerlo solo una volta.

Alla scuola di cucina mi hanno insegnato che bisogna friggere due volte: una volta a una temperatura tra i 325° ei 330° per farli seccare, poi ancora tra i 350° e i 360° per farli dorati e croccanti da bistrot. Quindi, perché non l'ho mai fatto a casa. Con questo metodo tutte le patatine entrano nello stesso momento e una volta fuori sono pronte da mangiare! Dopo averli conditi con il sale, ovviamente.


Questo è il modo migliore per fare le patatine in casa!

Ecco come è diverso (e migliore) rispetto al modo tradizionale di fare le patatine fritte.

1. Non è necessario immergere le patate in acqua (per sempre) prima.

Mettere a bagno le patate affettate in acqua aiuta a rimuovere l'amido in eccesso, il che rende le patatine più croccanti. Alcune ricette richiedono un ammollo notturno, mentre altre vogliono che tu cambi spesso l'acqua.

2. L'oro Yukon è il migliore.

NON RUSSO! Sono meno ricchi di amido e diventeranno croccanti senza mai sedersi in una ciotola d'acqua. Quando fritta, la consistenza burrosa interna è un sottile contrasto con la croccantezza esterna, ma credetemi, la gente se ne accorgerà.

3. Non hai bisogno di un termometro per caramelle.

Le ricette che richiedono la frittura sono spesso super specifiche. La temperatura dell'olio deve essere proprio così. Non con questo metodo. Si scopre che puoi mettere le patate *non ammollate* in una padella grande e profonda (o in un forno olandese), versarci sopra dell'olio freddo fino a quando non sono appena coperte, quindi portare a ebollizione il tutto. La temperatura esatta non ha molta importanza finché è calda e spumeggiante.

4. Devi friggerlo solo una volta.

Alla scuola di cucina mi hanno insegnato che bisogna friggere due volte: una volta a una temperatura tra i 325° ei 330° per farli seccare, poi ancora tra i 350° e i 360° per farli dorati e croccanti da bistrot. Quindi, perché non l'ho mai fatto a casa. Con questo metodo, tutte le patatine entrano contemporaneamente e una volta fuori sono pronte da mangiare! Dopo averli conditi con il sale, ovviamente.


Questo è il modo migliore per fare le patatine in casa!

Ecco come è diverso (e migliore) rispetto al modo tradizionale di fare le patatine fritte.

1. Non è necessario immergere le patate in acqua (per sempre) prima.

Mettere a bagno le patate affettate in acqua aiuta a rimuovere l'amido in eccesso, il che rende le patatine più croccanti. Alcune ricette richiedono un ammollo notturno, mentre altre vogliono che tu cambi spesso l'acqua.

2. L'oro Yukon è il migliore.

NON RUSSA! Sono meno ricchi di amido e diventeranno croccanti senza mai stare in una ciotola d'acqua. Quando fritta, la consistenza burrosa interna è un sottile contrasto con la croccantezza esterna, ma credetemi, la gente se ne accorgerà.

3. Non hai bisogno di un termometro per caramelle.

Le ricette che richiedono la frittura sono spesso super specifiche. La temperatura dell'olio deve essere proprio così. Non con questo metodo. Si scopre che puoi mettere le patate *non ammollate* in una padella grande e profonda (o in un forno olandese), versarci sopra dell'olio freddo fino a quando non sono appena coperte, quindi portare il tutto a ebollizione. La temperatura esatta non ha molta importanza finché è calda e spumeggiante.

4. Devi friggerlo solo una volta.

Alla scuola di cucina mi hanno insegnato che bisogna friggere due volte: una volta a una temperatura tra i 325° ei 330° per farli seccare, poi ancora tra i 350° e i 360° per farli dorati e croccanti da bistrot. Quindi, perché non l'ho mai fatto a casa. Con questo metodo, tutte le patatine entrano contemporaneamente e una volta fuori sono pronte da mangiare! Dopo averli conditi con il sale, ovviamente.


Questo è il modo migliore per fare le patatine in casa!

Ecco come è diverso (e migliore) rispetto al modo tradizionale di fare le patatine fritte.

1. Non è necessario immergere le patate in acqua (per sempre) prima.

Mettere a bagno le patate affettate in acqua aiuta a rimuovere l'amido in eccesso, il che rende le patatine più croccanti. Alcune ricette richiedono un ammollo notturno, mentre altre vogliono che tu cambi spesso l'acqua.

2. L'oro Yukon è il migliore.

NON RUSSA! Sono meno ricchi di amido e diventeranno croccanti senza mai stare in una ciotola d'acqua. Quando fritta, la consistenza burrosa interna è un sottile contrasto con la croccantezza esterna, ma credetemi, la gente se ne accorgerà.

3. Non hai bisogno di un termometro per caramelle.

Le ricette che richiedono la frittura sono spesso super specifiche. La temperatura dell'olio deve essere proprio così. Non con questo metodo. Si scopre che puoi mettere le patate *non ammollate* in una padella grande e profonda (o in un forno olandese), versarci sopra dell'olio freddo fino a quando non sono appena coperte, quindi portare a ebollizione il tutto. La temperatura esatta non ha molta importanza finché è calda e spumeggiante.

4. Devi friggerlo solo una volta.

Alla scuola di cucina mi hanno insegnato che bisogna friggere due volte: una volta a una temperatura tra i 325° ei 330° per farli seccare, poi ancora tra i 350° e i 360° per farli dorati e croccanti da bistrot. Quindi, perché non l'ho mai fatto a casa. Con questo metodo, tutte le patatine entrano contemporaneamente e una volta fuori sono pronte da mangiare! Dopo averli conditi con il sale, ovviamente.


Guarda il video: Gli Gnocchi di Patate, Preparazione facile e veloce per tutti! (Ottobre 2021).