Altro

La Lobby Lounge del Ritz-Carlton San Francisco: il posto perfetto


Il classico cheeseburger del Ritz-Carlton San Francisco, servito nella lounge della hall.

Con ampie vedute del centro cittadino San Francisco, The Ritz-Carlton San Francisco la lounge della hall è il luogo perfetto per un tè pomeridiano o un cocktail dopo cena.

L'ingresso in marmo, le finestre dal pavimento al soffitto, i moderni lampadari in foglia d'oro e le comode sedie gialle e grigie offrono un ambiente sofisticato. Il tè pomeridiano viene servito ogni primo e terzo sabato del mese e comprende cetrioli e formaggio di capra, insalata di uova, salmone affumicato e sandwich al prosciutto; focaccine fatte in casa con crema e marmellata del Devonshire; e una varietà di torte, crostate e pasticcini.

Ogni giorno vengono serviti anche pasti leggeri, tra cui patatine fritte con grasso d'anatra, pizza con forno a legna, un club sandwich con tacchino affumicato e un tradizionale cheeseburger. I cocktail artigianali includono il Blood and Sand con scotch, vermouth, succo d'arancia e quinoa maurin; l'El Diablo con tequila, mora e ginger beer; e l'Hemingway Daiquiri con rum, maraschino e pompelmo e succo di lime.

La JCB Tasting Lounge è una nuova lounge di degustazione di vini di lusso viola scuro che offre vini rari in un ambiente intimo. La lounge offre voli di degustazione e pasti leggeri insieme a una boutique al dettaglio che vende gioielli, regali e profumi personalizzati.


I 7 migliori bar dell'hotel a San Francisco

Il segreto meglio custodito di San Francisco è il bar dell'hotel. Spacca. È chic. Può portare alla perfetta avventura di una notte. Quando si desidera una nuova folla, una scena fresca o un ambiente più chic che vada al di là delle "dive" hipster della Mission o delle impostazioni dei fratelli della Marina, un bar dell'hotel è la soluzione migliore. Ecco la nostra top 7 a San Francisco.

Barra dell'orologio
Secondo solo a OneUp nella classifica dei bar degli hotel di Union Square, se non altro per lo spazio stesso, è il Clock Bar vicino alla hall del Westin St. Francis. Adoriamo la sua accogliente eleganza e la lista delle bevande è costantemente interessante e cambia con le stagioni - nota che è di proprietà e gestito dal gruppo Michael Mina. L'unico inconveniente è che questo posto è piccolo ed è spesso scomodo pieno, a seconda di quando arrivi. E le cose non sono economiche. Tuttavia, questo è un buon posto per portare un intenditore di cocktail se ti capita di essere nel quartiere.


La vista al Marriott
Al 39° piano di quello che Herb Caen ha notoriamente soprannominato "il jukebox", The View offre esattamente questo e poco altro: enormi finestre che incorniciano viste da un ponte all'altro e un'abbondante metratura per distendersi e godersi tutto. L'arredamento, come la clientela, potrebbe non essere il più alla moda della città, ma questo fa solo sembrare il posto una destinazione più esotica. (Suggerimento: evita il posto durante la stagione delle conferenze e trova uno dei tavoli ordinati al bar per ammirare la vista in solitudine.)
La vista al Marriott Marquis. 780 Missione (alla Quarta Strada)


Burritt Camera bellezza. (Foto: Yelp)

La stanza Burritt
Nascosta al secondo piano del boutique Mystic Hotel di Charlie Palmer, la Burritt Room offre cocktail preparati con maestria in un ambiente autenticamente noir. (Il vicolo dietro l'hotel è un ambiente cruciale in Il falco maltese.) Il tema dell'era del proibizionismo si sarebbe riprodotto se la stanza non mostrasse così tanti segni dell'età reale. Il posto perfetto per incontrare qualcuno alto, scuro e bello.
417 Stockton (a Sutter)


Big 4 presenta un pianista di fantasia. (Foto: Huntington Hotel)

Grande 4
Il bar dell'hotel più clandestino e nascosto della città è questo, all'interno dell'Huntington Hotel in cima a Nob Hill. La scena è generalmente dolce, forse un po' anziana, con un pianista che spesso solletica leggermente gli avori e un barista stagionato, membro di un sindacato d'albergo, che mescola Manhattan perfettamente accettabili con ciliegie al maraschino rosso vivo. Puoi ordinare del cibo qui, o almeno uno spuntino, ed è il posto perfetto per incontrare un vecchio amico, fare una chiacchierata seria o condurre una relazione segreta.
1075 California (a Taylor)


(Foto: Yelp)

OneUp
Il bar e lounge soppalco recentemente inaugurato presso il Grand Hyatt recentemente rinnovato (quello di Union Square) è davvero piuttosto carino. L'architetto Cass Calder Smith ha realizzato il design, e presenta molto legno, enormi finestre su Sutter Street e un'ottima e concisa lista di cocktail creata dalla star del bar Scott Beattie. È, probabilmente, il miglior bar di Union Square in questo momento, e una grande tregua dal caos una volta arrivate le vacanze.
345 Stockton (a Sutter)


Foto: wallyg

Il Pifferaio Magico Bar al Palace Hotel
Il pifferaio magico ha un aspetto migliore che mai dopo aver quasi perso il suo omonimo dipinto Maxfield Parrish, che è stato restaurato e restituito al bar dopo che una protesta pubblica ha fatto cambiare idea ai proprietari sulla vendita. Con colori vivaci e i toni caldi e luminosi caratteristici di Parrish, il dipinto proietta un bagliore accogliente sul bar, che serve pranzo [pdf] e cena [pdf] oltre a cocktail di classe come il loro caratteristico martini. È il posto perfetto per un drink dopo il lavoro (o durante il lavoro) se ti piacciono le pareti rivestite in legno e l'eleganza della vecchia scuola.


La hall del St. Regis vanta un nuovo arredamento. Fantasia. (Foto: St. Regis/Starwood)

La lobby dell'Hotel St. Regis
Il St. Regis Hotel Lobby è riuscito a fare ciò che il vicino Four Seasons e il W Hotel non potevano: attirare una folla senza scatti con un design adatto alle strade e ai pedoni. Oltre a ottimi cocktail, ne hanno alcuni (se no?) il) i migliori snack gratuiti da bar della città (due scatoline contenenti cracker al formaggio e piselli al wasabi). Ma il motivo principale per andare qui è per l'atmosfera energica ma rilassante e chic. Con enormi finestre che si affacciano sulla Terza Strada addomesticate da tende diafane, è il luogo perfetto in città per sentirsi davvero in città. (Inoltre, poiché i murales sono una tradizione in tutti gli hotel St. Regis, gli enormi murales di Andrew Morrow, "Love" e "War", meritano uno sguardo attento.)
125 3rd Street (tra Minna e Mission)

Menzioni d'onore


Jay Barmann, Andrew Dalton, Rose Garrett e Brock Keeling hanno contribuito a questo articolo.


I 7 migliori bar dell'hotel a San Francisco

Il segreto meglio custodito di San Francisco è il bar dell'hotel. Spacca. È chic. Può portare alla perfetta avventura di una notte. Quando si desidera una nuova folla, una scena fresca o un ambiente più chic che vada al di là delle "dive" hipster della Mission o delle impostazioni dei fratelli della Marina, un bar dell'hotel è la soluzione migliore. Ecco la nostra top 7 a San Francisco.

Barra dell'orologio
Secondo solo a OneUp nella classifica dei bar degli hotel di Union Square, se non altro per lo spazio stesso, è il Clock Bar vicino alla hall del Westin St. Francis. Adoriamo la sua accogliente eleganza e la lista delle bevande è costantemente interessante e cambia con le stagioni - nota che è di proprietà e gestito dal Michael Mina Group. L'unico inconveniente è che questo posto è piccolo ed è spesso scomodo pieno, a seconda di quando arrivi. E le cose non sono economiche. Tuttavia, questo è un buon posto per portare un intenditore di cocktail se ti capita di essere nel quartiere.


La vista al Marriott
Al 39° piano di quello che Herb Caen ha notoriamente soprannominato "il jukebox", The View offre esattamente questo e poco altro: enormi finestre che incorniciano viste da un ponte all'altro e un'abbondante metratura per distendersi e godersi tutto. L'arredamento, come la clientela, potrebbe non essere il più alla moda della città, ma questo fa solo sembrare il posto una destinazione più esotica. (Suggerimento: evita il posto durante la stagione delle conferenze e trova uno dei tavoli ordinati al bar per ammirare la vista in solitudine.)
La vista al Marriott Marquis. 780 Missione (alla Quarta Strada)


Burritt Camera bellezza. (Foto: Yelp)

La stanza Burritt
Nascosta al secondo piano del boutique Mystic Hotel di Charlie Palmer, la Burritt Room offre cocktail preparati con maestria in un ambiente autenticamente noir. (Il vicolo dietro l'hotel è un ambiente cruciale in Il falco maltese.) Il tema dell'era del proibizionismo si sarebbe riprodotto se la stanza non mostrasse così tanti segni dell'età reale. Il posto perfetto per incontrare qualcuno alto, scuro e bello.
417 Stockton (a Sutter)


Big 4 presenta un pianista di fantasia. (Foto: Huntington Hotel)

Grande 4
Il bar dell'hotel più clandestino e nascosto della città è questo, all'interno dell'Huntington Hotel in cima a Nob Hill. La scena è generalmente dolce, forse un po' anziana, con un pianista che spesso solletica leggermente gli avori e un barista stagionato, membro di un sindacato d'albergo, che mescola Manhattan perfettamente accettabili con ciliegie al maraschino rosso vivo. Puoi ordinare del cibo qui, o almeno uno spuntino, ed è il posto perfetto per incontrare un vecchio amico, fare una chiacchierata seria o condurre una relazione segreta.
1075 California (a Taylor)


(Foto: Yelp)

OneUp
Il bar e lounge soppalco recentemente inaugurato presso il Grand Hyatt recentemente rinnovato (quello di Union Square) è davvero piuttosto carino. L'architetto Cass Calder Smith ha realizzato il design, e presenta molto legno, enormi finestre su Sutter Street e un'ottima e concisa lista di cocktail creata dalla star del bar Scott Beattie. È, probabilmente, il miglior bar di Union Square in questo momento, e una grande tregua dal caos una volta arrivate le vacanze.
345 Stockton (a Sutter)


Foto: wallyg

Il Pifferaio Magico Bar al Palace Hotel
Il pifferaio magico ha un aspetto migliore che mai dopo aver quasi perso il suo omonimo dipinto Maxfield Parrish, che è stato restaurato e restituito al bar dopo che una protesta pubblica ha fatto cambiare idea ai proprietari sulla vendita. Con colori vivaci e i toni caldi e luminosi caratteristici di Parrish, il dipinto proietta un bagliore accogliente sul bar, che serve pranzo [pdf] e cena [pdf] oltre a cocktail di classe come il loro caratteristico martini. È il posto perfetto per un drink dopo il lavoro (o durante il lavoro) se ti piacciono le pareti rivestite in legno e l'eleganza della vecchia scuola.


La hall del St. Regis vanta un nuovo arredamento. Fantasia. (Foto: St. Regis/Starwood)

La lobby dell'Hotel St. Regis
Il St. Regis Hotel Lobby è riuscito a fare ciò che il vicino Four Seasons e il W Hotel non potevano: attirare una folla senza scatti con un design adatto alle strade e ai pedoni. Oltre a ottimi cocktail, ne hanno alcuni (se no?) il) i migliori snack gratuiti da bar della città (due scatoline contenenti cracker al formaggio e piselli al wasabi). Ma il motivo principale per andare qui è per l'atmosfera energica ma rilassante e chic. Con enormi finestre che si affacciano sulla Terza Strada addomesticate da tende diafane, è il luogo perfetto in città per sentirsi davvero in città. (Inoltre, poiché i murales sono una tradizione in tutti gli hotel St. Regis, gli enormi murales di Andrew Morrow, "Love" e "War", meritano uno sguardo attento.)
125 3rd Street (tra Minna e Mission)

Menzioni d'onore


Jay Barmann, Andrew Dalton, Rose Garrett e Brock Keeling hanno contribuito a questo articolo.


I 7 migliori bar dell'hotel a San Francisco

Il segreto meglio custodito di San Francisco è il bar dell'hotel. Spacca. È chic. Può portare alla perfetta avventura di una notte. Quando si desidera una nuova folla, una scena fresca o un ambiente più chic che vada al di là delle "dive" hipster della Mission o delle impostazioni dei fratelli della Marina, un bar dell'hotel è la soluzione migliore. Ecco la nostra top 7 a San Francisco.

Barra dell'orologio
Secondo solo a OneUp nella classifica dei bar degli hotel di Union Square, se non altro per lo spazio stesso, è il Clock Bar vicino alla hall del Westin St. Francis. Adoriamo la sua accogliente eleganza e la lista delle bevande è costantemente interessante e cambia con le stagioni - nota che è di proprietà e gestito dal Michael Mina Group. L'unico inconveniente è che questo posto è piccolo ed è spesso scomodo pieno, a seconda di quando arrivi. E le cose non sono economiche. Tuttavia, questo è un buon posto per portare un intenditore di cocktail se ti capita di essere nel quartiere.


La vista al Marriott
Al 39° piano di quello che Herb Caen ha notoriamente soprannominato "il jukebox", The View offre esattamente questo e poco altro: enormi finestre che incorniciano viste da un ponte all'altro e un'abbondante metratura per distendersi e godersi tutto. L'arredamento, come la clientela, potrebbe non essere il più alla moda della città, ma questo fa solo sembrare il posto una destinazione più esotica. (Suggerimento: evita il posto durante la stagione delle conferenze e trova uno dei tavoli ordinati al bar per ammirare la vista in solitudine.)
La vista al Marriott Marquis. 780 Missione (alla Quarta Strada)


Burritt Camera bellezza. (Foto: Yelp)

La stanza Burritt
Nascosta al secondo piano del boutique Mystic Hotel di Charlie Palmer, la Burritt Room offre cocktail preparati con maestria in un ambiente autenticamente noir. (Il vicolo dietro l'hotel è un ambiente cruciale in Il falco maltese.) Il tema dell'era del proibizionismo si sarebbe riprodotto se la stanza non mostrasse così tanti segni dell'età reale. Il posto perfetto per incontrare qualcuno alto, scuro e bello.
417 Stockton (a Sutter)


Big 4 presenta un pianista di fantasia. (Foto: Huntington Hotel)

Grande 4
Il bar dell'hotel più clandestino e nascosto della città è questo, all'interno dell'Huntington Hotel in cima a Nob Hill. La scena è generalmente dolce, forse un po' anziana, con un pianista che spesso solletica leggermente gli avori e un barista stagionato, membro di un sindacato d'albergo, che mescola Manhattan perfettamente accettabili con ciliegie al maraschino rosso vivo. Puoi ordinare del cibo qui, o almeno uno spuntino, ed è il posto perfetto per incontrare un vecchio amico, fare una chiacchierata seria o condurre una relazione segreta.
1075 California (a Taylor)


(Foto: Yelp)

OneUp
Il bar e lounge soppalco recentemente inaugurato presso il Grand Hyatt recentemente rinnovato (quello di Union Square) è davvero piuttosto carino. L'architetto Cass Calder Smith ha realizzato il design, e presenta molto legno, enormi finestre su Sutter Street e un'ottima e concisa lista di cocktail creata dalla star del bar Scott Beattie. È, probabilmente, il miglior bar di Union Square in questo momento, e una grande tregua dal caos una volta arrivate le vacanze.
345 Stockton (a Sutter)


Foto: wallyg

Il Pifferaio Magico Bar al Palace Hotel
Il pifferaio magico ha un aspetto migliore che mai dopo aver quasi perso il suo omonimo dipinto Maxfield Parrish, che è stato restaurato e restituito al bar dopo che una protesta pubblica ha fatto cambiare idea ai proprietari sulla vendita. Con colori vivaci e i toni caldi e luminosi caratteristici di Parrish, il dipinto proietta un bagliore accogliente sul bar, che serve pranzo [pdf] e cena [pdf] oltre a cocktail di classe come il loro caratteristico martini. È il posto perfetto per un drink dopo il lavoro (o durante il lavoro) se ti piacciono le pareti rivestite in legno e l'eleganza della vecchia scuola.


La hall del St. Regis vanta un nuovo arredamento. Fantasia. (Foto: St. Regis/Starwood)

La lobby dell'Hotel St. Regis
Il St. Regis Hotel Lobby è riuscito a fare ciò che il vicino Four Seasons e il W Hotel non potevano: attirare una folla senza scatti con un design adatto alle strade e ai pedoni. Oltre a ottimi cocktail, ne hanno alcuni (se no?) il) i migliori snack gratuiti da bar della città (due scatoline contenenti cracker al formaggio e piselli al wasabi). Ma il motivo principale per andare qui è per l'atmosfera energica ma rilassante e chic. Con enormi finestre che si affacciano sulla Terza Strada addomesticate da tende diafane, è il luogo perfetto in città per sentirsi davvero in città. (Inoltre, poiché i murales sono una tradizione in tutti gli hotel St. Regis, gli enormi murales di Andrew Morrow, "Love" e "War", meritano uno sguardo attento.)
125 3rd Street (tra Minna e Mission)

Menzioni d'onore


Jay Barmann, Andrew Dalton, Rose Garrett e Brock Keeling hanno contribuito a questo articolo.


I 7 migliori bar dell'hotel a San Francisco

Il segreto meglio custodito di San Francisco è il bar dell'hotel. Spacca. È chic. Può portare alla perfetta avventura di una notte. Quando si desidera una nuova folla, una scena fresca o un ambiente più chic che vada al di là delle "dive" hipster della Mission o delle impostazioni dei fratelli della Marina, un bar dell'hotel è la soluzione migliore. Ecco la nostra top 7 a San Francisco.

Barra dell'orologio
Secondo solo a OneUp nella classifica dei bar degli hotel di Union Square, se non altro per lo spazio stesso, è il Clock Bar vicino alla hall del Westin St. Francis. Adoriamo la sua accogliente eleganza e la lista delle bevande è costantemente interessante e cambia con le stagioni - nota che è di proprietà e gestito dal Michael Mina Group. L'unico inconveniente è che questo posto è piccolo ed è spesso scomodo pieno, a seconda di quando arrivi. E le cose non sono economiche. Tuttavia, questo è un buon posto per portare un intenditore di cocktail se ti capita di essere nel quartiere.


La vista al Marriott
Al 39° piano di quello che Herb Caen ha notoriamente soprannominato "il jukebox", The View offre esattamente questo e poco altro: enormi finestre che incorniciano viste da un ponte all'altro e un'abbondante metratura per distendersi e godersi tutto. L'arredamento, come la clientela, potrebbe non essere il più alla moda della città, ma questo fa solo sembrare il posto una destinazione più esotica. (Suggerimento: evita il posto durante la stagione delle conferenze e trova uno dei tavoli ordinati al bar per ammirare la vista in solitudine.)
La vista al Marriott Marquis. 780 Missione (alla Quarta Strada)


Burritt Camera bellezza. (Foto: Yelp)

La stanza Burritt
Nascosta al secondo piano del boutique Mystic Hotel di Charlie Palmer, la Burritt Room offre cocktail preparati con maestria in un ambiente autenticamente noir. (Il vicolo dietro l'hotel è un ambiente cruciale in Il falco maltese.) Il tema dell'era del proibizionismo si sarebbe riprodotto se la stanza non mostrasse così tanti segni dell'età reale. Il posto perfetto per incontrare qualcuno alto, scuro e bello.
417 Stockton (a Sutter)


Big 4 presenta un pianista di fantasia. (Foto: Huntington Hotel)

Grande 4
Il bar dell'hotel più clandestino e nascosto della città è questo, all'interno dell'Huntington Hotel in cima a Nob Hill. La scena è generalmente dolce, forse un po' anziana, con un pianista che spesso solletica leggermente gli avori e un barista stagionato, membro di un sindacato d'albergo, che mescola Manhattan perfettamente accettabili con ciliegie al maraschino rosso vivo. Puoi ordinare del cibo qui, o almeno uno spuntino, ed è il posto perfetto per incontrare un vecchio amico, fare una chiacchierata seria o condurre una relazione segreta.
1075 California (a Taylor)


(Foto: Yelp)

OneUp
Il bar e lounge soppalco recentemente inaugurato presso il Grand Hyatt recentemente rinnovato (quello di Union Square) è davvero piuttosto carino. L'architetto Cass Calder Smith ha realizzato il design, e presenta molto legno, enormi finestre su Sutter Street e un'ottima e concisa lista di cocktail creata dalla star del bar Scott Beattie. È, probabilmente, il miglior bar di Union Square in questo momento, e una grande tregua dal caos una volta arrivate le vacanze.
345 Stockton (a Sutter)


Foto: wallyg

Il Pifferaio Magico Bar al Palace Hotel
Il pifferaio magico ha un aspetto migliore che mai dopo aver quasi perso il suo omonimo dipinto Maxfield Parrish, che è stato restaurato e restituito al bar dopo che una protesta pubblica ha fatto cambiare idea ai proprietari sulla vendita. Con colori vivaci e i toni caldi e luminosi caratteristici di Parrish, il dipinto proietta un bagliore accogliente sul bar, che serve pranzo [pdf] e cena [pdf] oltre a cocktail di classe come il loro caratteristico martini. È il posto perfetto per un drink dopo il lavoro (o durante il lavoro) se ti piacciono le pareti rivestite in legno e l'eleganza della vecchia scuola.


La hall del St. Regis vanta un nuovo arredamento. Fantasia. (Foto: St. Regis/Starwood)

La lobby dell'Hotel St. Regis
Il St. Regis Hotel Lobby è riuscito a fare ciò che il vicino Four Seasons e il W Hotel non potevano: attirare una folla senza scatti con un design adatto alle strade e ai pedoni. Oltre a ottimi cocktail, ne hanno alcuni (se no?) il) i migliori snack gratuiti da bar della città (due scatoline contenenti cracker al formaggio e piselli al wasabi). Ma il motivo principale per andare qui è per l'atmosfera energica ma rilassante e chic. Con enormi finestre che si affacciano sulla Terza Strada addomesticate da tende diafane, è il luogo perfetto in città per sentirsi davvero in città. (Inoltre, poiché i murales sono una tradizione in tutti gli hotel St. Regis, gli enormi murales di Andrew Morrow, "Love" e "War", meritano uno sguardo attento.)
125 3rd Street (tra Minna e Mission)

Menzioni d'onore


Jay Barmann, Andrew Dalton, Rose Garrett e Brock Keeling hanno contribuito a questo articolo.


I 7 migliori bar dell'hotel a San Francisco

Il segreto meglio custodito di San Francisco è il bar dell'hotel. Spacca. È chic. Può portare alla perfetta avventura di una notte. Quando si desidera una nuova folla, una scena fresca o un ambiente più chic che vada al di là delle "dive" hipster della Mission o delle impostazioni dei fratelli della Marina, un bar dell'hotel è la soluzione migliore. Ecco la nostra top 7 a San Francisco.

Barra dell'orologio
Secondo solo a OneUp nella classifica dei bar degli hotel di Union Square, se non altro per lo spazio stesso, è il Clock Bar vicino alla hall del Westin St. Francis. Adoriamo la sua accogliente eleganza e la lista delle bevande è costantemente interessante e cambia con le stagioni - nota che è di proprietà e gestito dal Michael Mina Group. L'unico inconveniente è che questo posto è piccolo ed è spesso scomodo pieno, a seconda di quando arrivi. E le cose non sono economiche. Tuttavia, questo è un buon posto per portare un intenditore di cocktail se ti capita di essere nel quartiere.


La vista al Marriott
Al 39° piano di quello che Herb Caen ha notoriamente soprannominato "il jukebox", The View offre esattamente questo e poco altro: enormi finestre che incorniciano viste da un ponte all'altro e un'abbondante metratura per distendersi e godersi tutto. L'arredamento, come la clientela, potrebbe non essere il più alla moda della città, ma questo fa solo sembrare il posto una destinazione più esotica. (Suggerimento: evita il posto durante la stagione delle conferenze e trova uno dei tavoli ordinati al bar per ammirare la vista in solitudine.)
La vista al Marriott Marquis. 780 Missione (alla Quarta Strada)


Burritt Camera bellezza. (Foto: Yelp)

La stanza Burritt
Nascosta al secondo piano del boutique Mystic Hotel di Charlie Palmer, la Burritt Room offre cocktail preparati con maestria in un ambiente autenticamente noir. (Il vicolo dietro l'hotel è un ambiente cruciale in Il falco maltese.) Il tema dell'era del proibizionismo si sarebbe riprodotto se la stanza non mostrasse così tanti segni dell'età reale. Il posto perfetto per incontrare qualcuno alto, scuro e bello.
417 Stockton (a Sutter)


Big 4 presenta un pianista di fantasia. (Foto: Huntington Hotel)

Grande 4
Il bar dell'hotel più clandestino e nascosto della città è questo, all'interno dell'Huntington Hotel in cima a Nob Hill. La scena è generalmente dolce, forse un po' anziana, con un pianista che spesso solletica leggermente gli avori e un barista stagionato, membro di un sindacato d'albergo, che mescola Manhattan perfettamente accettabili con ciliegie al maraschino rosso vivo. Puoi ordinare del cibo qui, o almeno uno spuntino, ed è il posto perfetto per incontrare un vecchio amico, fare una chiacchierata seria o condurre una relazione segreta.
1075 California (a Taylor)


(Foto: Yelp)

OneUp
Il bar e lounge soppalco recentemente inaugurato presso il Grand Hyatt recentemente rinnovato (quello di Union Square) è davvero piuttosto carino. L'architetto Cass Calder Smith ha realizzato il design, e presenta molto legno, enormi finestre su Sutter Street e un'ottima e concisa lista di cocktail creata dalla star del bar Scott Beattie. È, probabilmente, il miglior bar di Union Square in questo momento, e una grande tregua dal caos una volta arrivate le vacanze.
345 Stockton (a Sutter)


Foto: wallyg

Il Pifferaio Magico Bar al Palace Hotel
Il pifferaio magico ha un aspetto migliore che mai dopo aver quasi perso il suo omonimo dipinto Maxfield Parrish, che è stato restaurato e restituito al bar dopo che una protesta pubblica ha fatto cambiare idea ai proprietari sulla vendita. Con colori vivaci e i toni caldi e luminosi caratteristici di Parrish, il dipinto proietta un bagliore accogliente sul bar, che serve pranzo [pdf] e cena [pdf] oltre a cocktail di classe come il loro caratteristico martini. È il posto perfetto per un drink dopo il lavoro (o durante il lavoro) se ti piacciono le pareti rivestite in legno e l'eleganza della vecchia scuola.


La hall del St. Regis vanta un nuovo arredamento. Fantasia. (Foto: St. Regis/Starwood)

La lobby dell'Hotel St. Regis
Il St. Regis Hotel Lobby è riuscito a fare ciò che il vicino Four Seasons e il W Hotel non potevano: attirare una folla senza scatti con un design adatto alle strade e ai pedoni. Oltre a ottimi cocktail, ne hanno alcuni (se no?) il) i migliori snack gratuiti da bar della città (due scatoline contenenti cracker al formaggio e piselli al wasabi). Ma il motivo principale per andare qui è per l'atmosfera energica ma rilassante e chic. Con enormi finestre che si affacciano sulla Terza Strada addomesticate da tende diafane, è il luogo perfetto in città per sentirsi davvero in città. (Inoltre, poiché i murales sono una tradizione in tutti gli hotel St. Regis, gli enormi murales di Andrew Morrow, "Love" e "War", meritano uno sguardo attento.)
125 3rd Street (tra Minna e Mission)

Menzioni d'onore


Jay Barmann, Andrew Dalton, Rose Garrett e Brock Keeling hanno contribuito a questo articolo.


I 7 migliori bar dell'hotel a San Francisco

Il segreto meglio custodito di San Francisco è il bar dell'hotel. Spacca. È chic. Può portare alla perfetta avventura di una notte. Quando si desidera una nuova folla, una scena fresca o un ambiente più chic che vada al di là delle "dive" hipster della Mission o delle impostazioni dei fratelli della Marina, un bar dell'hotel è la soluzione migliore. Ecco la nostra top 7 a San Francisco.

Barra dell'orologio
Secondo solo a OneUp nella classifica dei bar degli hotel di Union Square, se non altro per lo spazio stesso, è il Clock Bar vicino alla hall del Westin St. Francis. Adoriamo la sua accogliente eleganza e la lista delle bevande è costantemente interessante e cambia con le stagioni - nota che è di proprietà e gestito dal Michael Mina Group. L'unico inconveniente è che questo posto è piccolo ed è spesso scomodo pieno, a seconda di quando arrivi. E le cose non sono economiche. Tuttavia, questo è un buon posto per portare un intenditore di cocktail se ti capita di essere nel quartiere.


La vista al Marriott
Al 39° piano di quello che Herb Caen ha notoriamente soprannominato "il jukebox", The View offre esattamente questo e poco altro: enormi finestre che incorniciano viste da un ponte all'altro e un'abbondante metratura per distendersi e godersi tutto. L'arredamento, come la clientela, potrebbe non essere il più alla moda della città, ma questo fa solo sembrare il posto una destinazione più esotica. (Suggerimento: evita il posto durante la stagione delle conferenze e trova uno dei tavoli ordinati al bar per ammirare la vista in solitudine.)
La vista al Marriott Marquis. 780 Missione (alla Quarta Strada)


Burritt Camera bellezza. (Foto: Yelp)

La stanza dei Burritt
Nascosta al secondo piano del boutique Mystic Hotel di Charlie Palmer, la Burritt Room offre cocktail preparati con maestria in un ambiente autenticamente noir. (Il vicolo dietro l'hotel è un ambiente cruciale in Il falco maltese.) Il tema dell'era del proibizionismo si sarebbe riprodotto se la stanza non mostrasse così tanti segni dell'età reale. Il posto perfetto per incontrare qualcuno alto, scuro e bello.
417 Stockton (a Sutter)


Big 4 presenta un pianista di fantasia. (Foto: Huntington Hotel)

Grande 4
Il bar dell'hotel più clandestino e nascosto della città è questo, all'interno dell'Huntington Hotel in cima a Nob Hill. La scena è generalmente dolce, forse un po' anziana, con un pianista che spesso solletica leggermente gli avori e un barista stagionato, membro di un sindacato d'albergo, che mescola Manhattan perfettamente accettabili con ciliegie al maraschino rosso vivo. Puoi ordinare del cibo qui, o almeno uno spuntino, ed è il posto perfetto per incontrare un vecchio amico, fare una chiacchierata seria o condurre una relazione segreta.
1075 California (a Taylor)


(Foto: Yelp)

OneUp
Il bar e lounge soppalco recentemente inaugurato presso il Grand Hyatt recentemente rinnovato (quello di Union Square) è davvero piuttosto carino. L'architetto Cass Calder Smith ha realizzato il design, e presenta molto legno, enormi finestre su Sutter Street e un'ottima e concisa lista di cocktail creata dalla star del bar Scott Beattie. È, probabilmente, il miglior bar di Union Square in questo momento, e una grande tregua dal caos una volta arrivate le vacanze.
345 Stockton (a Sutter)


Foto: wallyg

Il Pifferaio Magico Bar al Palace Hotel
Il pifferaio magico ha un aspetto migliore che mai dopo aver quasi perso il suo omonimo dipinto Maxfield Parrish, che è stato restaurato e restituito al bar dopo che una protesta pubblica ha fatto cambiare idea ai proprietari sulla vendita. Con colori vivaci e i toni caldi e luminosi caratteristici di Parrish, il dipinto proietta un bagliore accogliente sul bar, che serve pranzo [pdf] e cena [pdf] oltre a cocktail di classe come il loro caratteristico martini. È il posto perfetto per un drink dopo il lavoro (o durante il lavoro) se ti piacciono le pareti rivestite in legno e l'eleganza della vecchia scuola.


La hall del St. Regis vanta un nuovo arredamento. Fantasia. (Foto: St. Regis/Starwood)

La lobby dell'Hotel St. Regis
Il St. Regis Hotel Lobby è riuscito a fare ciò che il vicino Four Seasons e il W Hotel non potevano: attirare una folla senza scatti con un design adatto alle strade e ai pedoni. Oltre a ottimi cocktail, ne hanno alcuni (se no?) il) i migliori snack gratuiti da bar della città (due scatoline contenenti cracker al formaggio e piselli al wasabi). Ma il motivo principale per andare qui è per l'atmosfera energica ma rilassante e chic. Con enormi finestre che si affacciano sulla Terza Strada addomesticate da tende diafane, è il luogo perfetto in città per sentirsi davvero in città. (Inoltre, poiché i murales sono una tradizione in tutti gli hotel St. Regis, gli enormi murales di Andrew Morrow, "Love" e "War", meritano uno sguardo attento.)
125 3rd Street (tra Minna e Mission)

Menzioni d'onore


Jay Barmann, Andrew Dalton, Rose Garrett e Brock Keeling hanno contribuito a questo articolo.


I 7 migliori bar dell'hotel a San Francisco

Il segreto meglio custodito di San Francisco è il bar dell'hotel. Spacca. È chic. Può portare alla perfetta avventura di una notte. Quando si desidera una nuova folla, una scena fresca o un ambiente più chic che vada al di là delle "dive" hipster della Mission o delle impostazioni dei fratelli della Marina, un bar dell'hotel è la soluzione migliore. Ecco la nostra top 7 a San Francisco.

Barra dell'orologio
Secondo solo a OneUp nella classifica dei bar degli hotel di Union Square, se non altro per lo spazio stesso, è il Clock Bar vicino alla hall del Westin St. Francis. Adoriamo la sua accogliente eleganza e la lista delle bevande è costantemente interessante e cambia con le stagioni - nota che è di proprietà e gestito dal gruppo Michael Mina. L'unico inconveniente è che questo posto è piccolo ed è spesso scomodo pieno, a seconda di quando arrivi. E le cose non sono economiche. Tuttavia, questo è un buon posto per portare un intenditore di cocktail se ti capita di essere nel quartiere.


La vista al Marriott
Al 39° piano di quello che Herb Caen ha notoriamente soprannominato "il jukebox", The View offre esattamente questo e poco altro: enormi finestre che incorniciano viste da un ponte all'altro e un'abbondante metratura per distendersi e godersi tutto. L'arredamento, come la clientela, potrebbe non essere il più alla moda della città, ma questo fa solo sembrare il posto una destinazione più esotica. (Pro-Tip: Avoid the place during conference season and find one of the order-at-the-bar tables to take in the view in solitude.)
The View in the Marriott Marquis. 780 Mission (at Fourth Street)


Burritt Room beauty. (Photo: Yelp)

The Burritt Room
Tucked in the second floor of Charlie Palmer's boutiquey Mystic Hotel, the Burritt Room offers expertly made cocktails in an authentically noir setting. (The alley behind the hotel is a crucial setting in The Maltese Falcon.) The prohibition-era theme would feel played out if the room weren't showing so many signs of actual age. The perfect place to meet someone tall, dark and handsome.
417 Stockton (at Sutter)


Big 4 features a fancy piano man. (Photo: Huntington Hotel)

Big 4
The most clandestine and under-the-radar hotel bar in town is this one, inside the Huntington Hotel atop Nob Hill. The scene is generally mellow, maybe a bit elderly, with a piano player often lightly tickling the ivories and a weathered, hotel-union bartender mixing up perfectly acceptable Manhattans with bright red Maraschino cherries in them. You can order food here, or at least a snack, and it's the perfect place to meet an old friend, have a serious talk, or conduct a secret affair.
1075 California (at Taylor)


(Photo: Yelp)

OneUp
The recently unveiled mezzanine bar and lounge at the recently overhauled Grand Hyatt (the one at Union Square) is really quite pretty. Architect Cass Calder Smith did the design, and it features a lot of wood, huge windows onto Sutter Street, and a great, concise cocktail list created by bar star Scott Beattie. It is, probably, the best bar in Union Square right now, and a great respite from the chaos once the holidays arrive.
345 Stockton (at Sutter)


Photo: wallyg

The Pied Piper Bar at the Palace Hotel
The Pied Piper is looking better than ever after nearly losing its namesake Maxfield Parrish painting, which was restored and returned to the bar after a public outcry changed the owners' minds about selling it. With brightened colors and Parrish's signature warm and luminous tones, the painting casts a cozy glow over the bar, which serves lunch [pdf] and dinner [pdf] in addition to classy cocktails like their signature martini. It's the perfect spot for an after-work (or during work) drink if you're into wood-paneled walls and old-school elegance.


The lobby at St. Regis boasts new decor. Fancy. (Photo: St. Regis/Starwood)

The St. Regis Hotel Lobby
The St. Regis Hotel Lobby managed to do what nearby Four Seasons and W Hotel couldn't: draw in a jerk-free crowd with a street- and pedestrian-friendly design. In addition to great cocktails, they have some of (if not il) best free bar snacks in town (two little boxes containing cheese crackers and wasabi peas). But the main reason to go here is for the energetic yet relaxing and chic vibe. With massive windows facing Third Street tamed by diaphanous curtains, it's the perfect spot in the city to feel like you're really in the city. (Also, since murals are a tradition at all St. Regis hotels, Andrew Morrow's massive murals, “Love” and “War,” are worth a thoughtful glance.)
125 3rd Street (between Minna & Mission)

Honorable Mentions


Jay Barmann, Andrew Dalton, Rose Garrett, and Brock Keeling contributed to this article.


The 7 Best Hotel Bars In San Francisco

The best-kept secret in San Francisco is the hotel bar. It rocks. It's chic. It can lead to the perfect one-night stand. When you want a new crowd, a fresh scene, or a more chic setting that goes above and beyond the hipster-laced "dives" of the Mission or the bro settings of the Marina, a hotel bar is the best bet. Here are our top 7 in San Francisco.

Clock Bar
Second only to OneUp in the ranking of Union Square hotel bars, if only because of the space itself, is the Clock Bar off the lobby of the Westin St. Francis. We love the cozy elegance of it, and the drink list is consistently interesting and changes with the seasons -- note that it's owned and operated by the Michael Mina Group. The only drawback is this place is small and is often uncomfortably packed, depending on when you arrive. And stuff ain't cheap. Still, this is a good place to bring a cocktail connoisseur if you happen to be in the neighborhood.


The View at the Marriott
On the 39th floor of what Herb Caen famously dubbed "the jukebox," The View offers exactly that and little else: massive windows framing views from bridge to bridge and plentiful square footage to stretch out and enjoy it all. The decor, like the clientele, may not be the hippest in town, but that only makes the place feel like a more exotic destination. (Pro-Tip: Avoid the place during conference season and find one of the order-at-the-bar tables to take in the view in solitude.)
The View in the Marriott Marquis. 780 Mission (at Fourth Street)


Burritt Room beauty. (Photo: Yelp)

The Burritt Room
Tucked in the second floor of Charlie Palmer's boutiquey Mystic Hotel, the Burritt Room offers expertly made cocktails in an authentically noir setting. (The alley behind the hotel is a crucial setting in The Maltese Falcon.) The prohibition-era theme would feel played out if the room weren't showing so many signs of actual age. The perfect place to meet someone tall, dark and handsome.
417 Stockton (at Sutter)


Big 4 features a fancy piano man. (Photo: Huntington Hotel)

Big 4
The most clandestine and under-the-radar hotel bar in town is this one, inside the Huntington Hotel atop Nob Hill. The scene is generally mellow, maybe a bit elderly, with a piano player often lightly tickling the ivories and a weathered, hotel-union bartender mixing up perfectly acceptable Manhattans with bright red Maraschino cherries in them. You can order food here, or at least a snack, and it's the perfect place to meet an old friend, have a serious talk, or conduct a secret affair.
1075 California (at Taylor)


(Photo: Yelp)

OneUp
The recently unveiled mezzanine bar and lounge at the recently overhauled Grand Hyatt (the one at Union Square) is really quite pretty. Architect Cass Calder Smith did the design, and it features a lot of wood, huge windows onto Sutter Street, and a great, concise cocktail list created by bar star Scott Beattie. It is, probably, the best bar in Union Square right now, and a great respite from the chaos once the holidays arrive.
345 Stockton (at Sutter)


Photo: wallyg

The Pied Piper Bar at the Palace Hotel
The Pied Piper is looking better than ever after nearly losing its namesake Maxfield Parrish painting, which was restored and returned to the bar after a public outcry changed the owners' minds about selling it. With brightened colors and Parrish's signature warm and luminous tones, the painting casts a cozy glow over the bar, which serves lunch [pdf] and dinner [pdf] in addition to classy cocktails like their signature martini. It's the perfect spot for an after-work (or during work) drink if you're into wood-paneled walls and old-school elegance.


The lobby at St. Regis boasts new decor. Fancy. (Photo: St. Regis/Starwood)

The St. Regis Hotel Lobby
The St. Regis Hotel Lobby managed to do what nearby Four Seasons and W Hotel couldn't: draw in a jerk-free crowd with a street- and pedestrian-friendly design. In addition to great cocktails, they have some of (if not il) best free bar snacks in town (two little boxes containing cheese crackers and wasabi peas). But the main reason to go here is for the energetic yet relaxing and chic vibe. With massive windows facing Third Street tamed by diaphanous curtains, it's the perfect spot in the city to feel like you're really in the city. (Also, since murals are a tradition at all St. Regis hotels, Andrew Morrow's massive murals, “Love” and “War,” are worth a thoughtful glance.)
125 3rd Street (between Minna & Mission)

Honorable Mentions


Jay Barmann, Andrew Dalton, Rose Garrett, and Brock Keeling contributed to this article.


The 7 Best Hotel Bars In San Francisco

The best-kept secret in San Francisco is the hotel bar. It rocks. It's chic. It can lead to the perfect one-night stand. When you want a new crowd, a fresh scene, or a more chic setting that goes above and beyond the hipster-laced "dives" of the Mission or the bro settings of the Marina, a hotel bar is the best bet. Here are our top 7 in San Francisco.

Clock Bar
Second only to OneUp in the ranking of Union Square hotel bars, if only because of the space itself, is the Clock Bar off the lobby of the Westin St. Francis. We love the cozy elegance of it, and the drink list is consistently interesting and changes with the seasons -- note that it's owned and operated by the Michael Mina Group. The only drawback is this place is small and is often uncomfortably packed, depending on when you arrive. And stuff ain't cheap. Still, this is a good place to bring a cocktail connoisseur if you happen to be in the neighborhood.


The View at the Marriott
On the 39th floor of what Herb Caen famously dubbed "the jukebox," The View offers exactly that and little else: massive windows framing views from bridge to bridge and plentiful square footage to stretch out and enjoy it all. The decor, like the clientele, may not be the hippest in town, but that only makes the place feel like a more exotic destination. (Pro-Tip: Avoid the place during conference season and find one of the order-at-the-bar tables to take in the view in solitude.)
The View in the Marriott Marquis. 780 Mission (at Fourth Street)


Burritt Room beauty. (Photo: Yelp)

The Burritt Room
Tucked in the second floor of Charlie Palmer's boutiquey Mystic Hotel, the Burritt Room offers expertly made cocktails in an authentically noir setting. (The alley behind the hotel is a crucial setting in The Maltese Falcon.) The prohibition-era theme would feel played out if the room weren't showing so many signs of actual age. The perfect place to meet someone tall, dark and handsome.
417 Stockton (at Sutter)


Big 4 features a fancy piano man. (Photo: Huntington Hotel)

Big 4
The most clandestine and under-the-radar hotel bar in town is this one, inside the Huntington Hotel atop Nob Hill. The scene is generally mellow, maybe a bit elderly, with a piano player often lightly tickling the ivories and a weathered, hotel-union bartender mixing up perfectly acceptable Manhattans with bright red Maraschino cherries in them. You can order food here, or at least a snack, and it's the perfect place to meet an old friend, have a serious talk, or conduct a secret affair.
1075 California (at Taylor)


(Photo: Yelp)

OneUp
The recently unveiled mezzanine bar and lounge at the recently overhauled Grand Hyatt (the one at Union Square) is really quite pretty. Architect Cass Calder Smith did the design, and it features a lot of wood, huge windows onto Sutter Street, and a great, concise cocktail list created by bar star Scott Beattie. It is, probably, the best bar in Union Square right now, and a great respite from the chaos once the holidays arrive.
345 Stockton (at Sutter)


Photo: wallyg

The Pied Piper Bar at the Palace Hotel
The Pied Piper is looking better than ever after nearly losing its namesake Maxfield Parrish painting, which was restored and returned to the bar after a public outcry changed the owners' minds about selling it. With brightened colors and Parrish's signature warm and luminous tones, the painting casts a cozy glow over the bar, which serves lunch [pdf] and dinner [pdf] in addition to classy cocktails like their signature martini. It's the perfect spot for an after-work (or during work) drink if you're into wood-paneled walls and old-school elegance.


The lobby at St. Regis boasts new decor. Fancy. (Photo: St. Regis/Starwood)

The St. Regis Hotel Lobby
The St. Regis Hotel Lobby managed to do what nearby Four Seasons and W Hotel couldn't: draw in a jerk-free crowd with a street- and pedestrian-friendly design. In addition to great cocktails, they have some of (if not il) best free bar snacks in town (two little boxes containing cheese crackers and wasabi peas). But the main reason to go here is for the energetic yet relaxing and chic vibe. With massive windows facing Third Street tamed by diaphanous curtains, it's the perfect spot in the city to feel like you're really in the city. (Also, since murals are a tradition at all St. Regis hotels, Andrew Morrow's massive murals, “Love” and “War,” are worth a thoughtful glance.)
125 3rd Street (between Minna & Mission)

Honorable Mentions


Jay Barmann, Andrew Dalton, Rose Garrett, and Brock Keeling contributed to this article.


The 7 Best Hotel Bars In San Francisco

The best-kept secret in San Francisco is the hotel bar. It rocks. It's chic. It can lead to the perfect one-night stand. When you want a new crowd, a fresh scene, or a more chic setting that goes above and beyond the hipster-laced "dives" of the Mission or the bro settings of the Marina, a hotel bar is the best bet. Here are our top 7 in San Francisco.

Clock Bar
Second only to OneUp in the ranking of Union Square hotel bars, if only because of the space itself, is the Clock Bar off the lobby of the Westin St. Francis. We love the cozy elegance of it, and the drink list is consistently interesting and changes with the seasons -- note that it's owned and operated by the Michael Mina Group. The only drawback is this place is small and is often uncomfortably packed, depending on when you arrive. And stuff ain't cheap. Still, this is a good place to bring a cocktail connoisseur if you happen to be in the neighborhood.


The View at the Marriott
On the 39th floor of what Herb Caen famously dubbed "the jukebox," The View offers exactly that and little else: massive windows framing views from bridge to bridge and plentiful square footage to stretch out and enjoy it all. The decor, like the clientele, may not be the hippest in town, but that only makes the place feel like a more exotic destination. (Pro-Tip: Avoid the place during conference season and find one of the order-at-the-bar tables to take in the view in solitude.)
The View in the Marriott Marquis. 780 Mission (at Fourth Street)


Burritt Room beauty. (Photo: Yelp)

The Burritt Room
Tucked in the second floor of Charlie Palmer's boutiquey Mystic Hotel, the Burritt Room offers expertly made cocktails in an authentically noir setting. (The alley behind the hotel is a crucial setting in The Maltese Falcon.) The prohibition-era theme would feel played out if the room weren't showing so many signs of actual age. The perfect place to meet someone tall, dark and handsome.
417 Stockton (at Sutter)


Big 4 features a fancy piano man. (Photo: Huntington Hotel)

Big 4
The most clandestine and under-the-radar hotel bar in town is this one, inside the Huntington Hotel atop Nob Hill. The scene is generally mellow, maybe a bit elderly, with a piano player often lightly tickling the ivories and a weathered, hotel-union bartender mixing up perfectly acceptable Manhattans with bright red Maraschino cherries in them. You can order food here, or at least a snack, and it's the perfect place to meet an old friend, have a serious talk, or conduct a secret affair.
1075 California (at Taylor)


(Photo: Yelp)

OneUp
The recently unveiled mezzanine bar and lounge at the recently overhauled Grand Hyatt (the one at Union Square) is really quite pretty. Architect Cass Calder Smith did the design, and it features a lot of wood, huge windows onto Sutter Street, and a great, concise cocktail list created by bar star Scott Beattie. It is, probably, the best bar in Union Square right now, and a great respite from the chaos once the holidays arrive.
345 Stockton (at Sutter)


Photo: wallyg

The Pied Piper Bar at the Palace Hotel
The Pied Piper is looking better than ever after nearly losing its namesake Maxfield Parrish painting, which was restored and returned to the bar after a public outcry changed the owners' minds about selling it. With brightened colors and Parrish's signature warm and luminous tones, the painting casts a cozy glow over the bar, which serves lunch [pdf] and dinner [pdf] in addition to classy cocktails like their signature martini. It's the perfect spot for an after-work (or during work) drink if you're into wood-paneled walls and old-school elegance.


The lobby at St. Regis boasts new decor. Fancy. (Photo: St. Regis/Starwood)

The St. Regis Hotel Lobby
The St. Regis Hotel Lobby managed to do what nearby Four Seasons and W Hotel couldn't: draw in a jerk-free crowd with a street- and pedestrian-friendly design. In addition to great cocktails, they have some of (if not il) best free bar snacks in town (two little boxes containing cheese crackers and wasabi peas). But the main reason to go here is for the energetic yet relaxing and chic vibe. With massive windows facing Third Street tamed by diaphanous curtains, it's the perfect spot in the city to feel like you're really in the city. (Also, since murals are a tradition at all St. Regis hotels, Andrew Morrow's massive murals, “Love” and “War,” are worth a thoughtful glance.)
125 3rd Street (between Minna & Mission)

Honorable Mentions


Jay Barmann, Andrew Dalton, Rose Garrett, and Brock Keeling contributed to this article.


Guarda il video: RITZ-CARLTON SAN FRANCISCO - Club Level Suite - Delish Eats - Chrissy Field Beach (Settembre 2021).