Altro

Cos'è la birra condizionata in botte?

Cos'è la birra condizionata in botte?


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Sei mai entrato in una birreria o in un pub e hai notato che alcuni rubinetti avevano un aspetto e una distribuzione della birra diversi? O sei mai stato a un festival della birra, o a un evento della birra, in cui la birra veniva servita direttamente da un rubinetto nel lato di un contenitore di metallo appoggiato su un tavolo? Se è così, allora potresti aver già incontrato la birra condizionata in botte. In caso contrario, dopo aver letto questo articolo, spero che ne cerchi qualcuno.

Cos'è la birra condizionata in botte?

La birra condizionata in botte, o birra in botte, è una birra che viene sia condizionata che servita da una botte. Fino a quando la birra non viene messa nella botte, il processo di fermentazione è esattamente lo stesso: schiacciare, bollire, fermentare. Dopo che la birra ha terminato la fermentazione primaria, viene posta in una botte con chiarifica (una sostanza che fa cadere dalla sospensione le particelle sospese nel fluido) per aiutare a chiarire la birra. Spesso nella botte viene aggiunto anche zucchero per favorire la fermentazione secondaria e talvolta anche luppolo extra. La birra viene poi condizionata in botte. Il condizionamento è la penultima fase del processo di birrificazione quando la birra matura, si chiarifica e si carbonizza. Nel caso della birra condizionata in botte, nella birra è rimasta una piccola quantità di lievito che provoca la fermentazione secondaria, che carbonizza la birra. Il tempo di condizionamento dipende dallo stile di birra e può durare dalle 24 ore ai 16 giorni. Tradizionalmente, le botti vengono condizionate al pub dal pub, ma possono anche essere condizionate in birreria e spedite quando sono pronte. Quando la birra in botte è pronta, il lievito e altri sedimenti si depositano sul fondo, la birra viene gassata e servita direttamente dalla botte. La botte di birra è sempre non filtrata, non pastorizzata e sempre fresca.

Alcuni degli stili più comuni di birra che si trovano in una botte sono quelli inglesi: amara, dolce, marrone, chiara, ESB e così via. Tuttavia, ho visto altri stili, come l'American IPA in botte come Ballast Point Sculpin IPA, e ho anche provato la Rogue Chocolate stout in botte.

Ma qual è la differenza? Poiché le ale condizionate in botte non sono filtrate e non pastorizzate, contengono lievito vivo che continua ad aggiungere complessità, nuovi sapori e nuovi aromi a una birra. Le differenze esatte variano da birra a birra. La consistenza di una birra condizionata in botte sulla tua tavolozza è spesso più cremosa e liscia rispetto alla sua controparte senza botte. Inoltre, ci sono alcune birre che sono disponibili solo in botte.

Clicca qui per saperne di più sulle birre in botte.

— David Jensen, menuismo


Motivo del blocco: L'accesso dalla tua zona è stato temporaneamente limitato per motivi di sicurezza.
Tempo: Ven, 21 maggio 2021 16:53:13 GMT

A proposito di Wordfence

Wordfence è un plugin di sicurezza installato su oltre 3 milioni di siti WordPress. Il proprietario di questo sito utilizza Wordfence per gestire l'accesso al proprio sito.

Puoi anche leggere la documentazione per conoscere gli strumenti di blocco di Wordfence o visitare wordfence.com per saperne di più su Wordfence.

Generato da Wordfence at Fri, 21 May 2021 16:53:13 GMT.
L'ora del tuo computer: .


Ricetta della birra reale condizionata in botte?

Stavo ascoltando il Dr. Charlie Bamforth parlare di Real Ale (tra le altre cose) durante la sessione domenicale e ho deciso che la mia prossima birra sarebbe stata un tentativo di Real Ale. Riesco a trovare una ricetta generale per un Ordinary o Best Bitter, ma ho ancora alcune domande specifiche.

Il Dr. Bamforth ha detto che la Real Ale è stata spostata fuori dal primario molto giovane e trasferita nella botte insieme al luppolo secco, allo zucchero di adescamento e alla colla di pesce. Poi consegnato al pub dove il pubblicano lo tiene per due o tre settimane nella sua cella finché non lo spilla.

1. Quanto zucchero di priming? Sto sparando per 1,5 volumi di CO2.
2. Pensando di usare Danstar Nottingham, sarebbe un lievito adatto?
3. Quanto luppolo per il Dry hopping? Pianificazione dell'utilizzo di ECG per il bollitore e Fuggles per il luppolo secco.
4. Non ho la colla di pesce posso subgelitin?
5. Saranno sufficienti due o tre settimane nel barilotto banale?

Ho cercato nel forum, ma tutti i thread di Real Ale sembrano parlare principalmente di Beer Engine, re-breather e consumarlo entro 3 giorni. Capisco tutto che voglio solo concentrarmi sulla ricetta in questo momento. Lo spingerò con CO2, anche se la minor pressione sulla testa possibile. (CAMRA sia dannato).

Vecchio calzino

Membro ben noto

1. Non molto. Usa un calcolatore di priming (google it) per calcolare la quantità di cui avrai bisogno dato il tuo volume di birra, temperatura, tipo di zucchero, ecc. loro fusti, si trasferisce presto e il lievito (Ringwood) viene rimesso in moto dalla piccola quantità di ossigeno assorbita. Dal momento che stai infustando puoi sempre regolare la carbonatazione una volta che è alla spina.

2. Sarebbe, anche se di certo non è la mia varietà preferita (mi piace il 1968, accentua il carattere maltato e non è troppo fruttato).

3. Dipende da cosa stai facendo. Per un amaro non andrei oltre 1 oz, ma .5 oz è probabilmente più simile. Se stai facendo un blando o qualcosa del genere, probabilmente salterai il luppolo secco tutti insieme. Mi piace molto l'ECG, probabilmente lo uso per il bollitore e il dry hop.

4. Non ho mai usato la colla di pesce, ma credo che la gelatina abbia un impatto simile. A seconda della varietà che usi, potresti anche non averne bisogno. I ceppi a bassa flocculazione hanno bisogno di aiuto, ma molti ceppi inglesi sono stati selezionati per la flocculazione rapida (ad esempio il 1968 può essere fatto con la fermentazione e lasciato cadere brillantemente in <7 giorni).

5. Sì, 2-3 settimane dovrebbero essere un sacco di tempo perché si carbonizzi. Condiziono spesso il keg delle mie birre normali quando non c'è un posto libero nel kegerator, in questo modo quando una birra prende a calci la successiva è carbonata e pronta per essere usata (dopo 24 ore per raffreddarsi).


I segreti del condizionamento in botte britannico

Dalla preparazione della birra al servizio, i professionisti dall'altra parte dello stagno condividono alcuni dei trucchi del commercio della birra in botte.

"Posso far sentire la tua birra di merda", sorride il direttore del pub e cantiniere Robbie Douglas, sorprendendo il gruppo di birrai stranieri che visitano la sua cantina. "Ma quello che hai qui è una birra ben curata", rassicura Douglas, che gestisce il grand Crosse Keys (cantina nella foto sopra) nel centro di Londra, un pub che vende 4.000-5.000 pinte di birra in botte a settimana.

Sebbene una buona cura al pub sia una parte vitale della storia della botte - una scarsa cura nel pub può spazzare via il duro lavoro del birraio - c'è molto di più. A meno che la birra non sia adeguatamente prodotta e preparata per il condizionamento in botte, anche il miglior direttore di cantina non sarà in grado di farla cantare.

Al birrificio

Il primo passo è assicurarsi che ci siano zuccheri fermentescibili rimasti nella birra quando entra in botte, preferibilmente interrompendo la fermentazione leggermente in anticipo. “La fermentazione procede fino a quando non è vicina alla gravità finale, quindi la birra viene raffreddata per arrestare l'attività del lievito. Lascio che la birra si raffreddi a 8–10°C (46–50°F) e si stabilizzi a quella temperatura per un giorno o due, quindi travasato in botte”, afferma Tom Madeiros, che produce a Quercus Devon Ales nel sud-ovest dell'Inghilterra.

Altri funzionano in modo leggermente diverso. "La birra termina la fermentazione a circa 20 ° C (68 ° F) e la maggior parte del lievito utilizzato per la birra solo in botte non può fermentare completamente", afferma Dave Bailey della Hardknott Brewery nel nord dell'Inghilterra. “La birra viene poi fatta scendere a circa 12°C (54°F) e il lievito va in letargo. Il punto principale qui è consumare diacetile, da cui il termine "riposo di diacetile". Tuttavia, speriamo ancora di conservare un po' di zucchero".

Aggiunge che dal momento che produce principalmente birra in fusto e in bottiglia, invece del lievito solo in botte, preferisce un lievito aggressivo per ale della costa occidentale degli Stati Uniti che arriva molto facilmente al limite dell'attenuazione. “Togliamo il lievito dal cono e dal luppolo secco. Se riusciamo a far scendere la birra a 1°C (34°F), tanto meglio aggiungiamo anche un'aggiunta di chiarificanti a base di minerali per eliminare la foschia fredda. Dopo 3-5 giorni di dry hopping, trasferiamo quindi in una vasca luminosa, ma senza filtrare.

Una volta che la birra si è stabilizzata, i birrai hanno un'altra scelta. Alcuni travaseranno direttamente in botte, mentre altri preferiscono il condizionamento parziale nei serbatoi. “Fuller's ha sempre fatto il condizionamento del birrificio. Prima che negli anni '70 venissero installati serbatoi d'acciaio, veniva fatto in barrique", afferma John Keeling, direttore della produzione della Fuller's Brewery di Londra, focalizzata sulle botti. “La nostra birra aveva sempre due settimane quando ha lasciato il birrificio. Alcune persone pensano che sia barare, ma non lo è: aggiungere CO2 e filtrare sarebbe barare!”

Dice che qualunque sia il modo in cui travasi, la chiave è "ottenere il giusto conteggio del lievito. Non ha bisogno di un laboratorio, solo di un microscopio. Se hai, ad esempio, una pianta da 5 o 10 barili travasata tutta in botte, prima rimuovi quanto più lievito possibile nel recipiente di fermentazione. Quindi trasferire la birra in un serbatoio che può essere risvegliato, svegliarlo e misurare il conteggio del lievito. Se sono 0,5 milioni di cellule per millilitro [ml] e pensi che sia meglio a 1 ml, aggiungi più lievito. Lasciamo il nostro nella vasca di agitazione per una settimana - facciamo da soli gran parte della fermentazione secondaria - rende il London Pride più facile da curare.

“Il tempo necessario per la fermentazione secondaria dipende dal lievito, quanto è fattibile. Il nostro lievito è stato ben addestrato per la botte, si deposita facilmente", continua. “Non stai facendo molte elaborazioni con la birra in botte, quindi è più osservante. Un buon birraio otterrà [una birra particolare] giusta in tre birre: la prima non così buona, la seconda non troppo male e la terza perfetta".

L'elemento successivo, supponendo che tu voglia una birra chiara, sono le multe. "Se la birra deve essere travasata in botte direttamente dal recipiente di fermentazione, vengono aggiunti chiarificazioni ausiliarie a freddo", spiega Tom Madeiros di Quercus Devon Ales. “Se la birra deve essere trasferita in un serbatoio di condizionamento, le chiarificanti ausiliari possono essere aggiunte durante il trasferimento. In alternativa, durante il travaso in botte, si possono aggiungere le chiarificanti ausiliari prima che la birra venga messa in botte”.

Quanto agente di multa aggiungi? È qui che entra in gioco conoscere il numero di lieviti, afferma John Keeling. “Se non lo sapessimo già, riceveremmo consigli dal nostro fornitore di chiarificanti su come ridurlo a 1 ml. Ad esempio, aggiungiamo tre pinte di chiarificante per [288 pint]-barile per 1 ml".

Aggiunge che Fuller's controlla il numero di lieviti centrifugando la birra e poi riseminando con lievito fresco. Alcuni altri produttori di birra sostengono che questo rompe con la tradizione, ma Keeling afferma che fornisce un processo complessivamente più controllato, aggiungendo che anche con questo e il condizionamento del birrificio, la birra continuerà a condizionare anche nella cantina del pub.

Se il livello di zucchero residuo è troppo basso, puoi adescare le botti, in genere con glucosio liquido. "Apriamo le nostre botti: non sopporto la birra piatta!" afferma Heather MacDonald, birraio della nuova Wooha Brewing Co. in Scozia. "Ci rilassiamo presto [di priming], ma il priming è abbastanza comune nella produzione britannica per ottenere una buona fermentazione secondaria", concorda Keeling.

MacDonald aggiunge che mentre ha ventiquattro botti, sono solo per i clienti che possono prendersi cura della sua birra in modo appropriato: il resto di ciò che produce è condizionato in bottiglia. "Sono stata in troppi pub con birra in botte mal tenuta", dice. "In nessun modo sto mettendo tutta quell'energia e la faccio sprecare!"

Al Pub

Allora come ti prendi cura della botte? Mantenere una cantina pulita a 10-12°C (50-54°F) è la priorità assoluta, affermano i birrai, insieme alla pulizia regolare dei tubi: un grande pub come il Crosse Keys avrà un sistema automatizzato, che pulirà quattro volte una settimana.

“Avere almeno il doppio dello spazio di stivaggio [un fermo è il dispositivo su cui viene posizionata una botte per l'uso, ad es. , otto posizioni di fermo. I pub affollati potrebbero aver bisogno di più”, aggiunge Dave Bailey. Continua: "Date alla birra il tempo di stabilizzarsi: se è vera birra in botte, avrà dei sedimenti. Ventiquattro ore [per stabilirsi] sono abbastanza normali, ma non sorprenderti se ci vogliono due o tre giorni".

Robbie Douglas di Crosse Keys va oltre: "Cerchiamo di dare a tutto quattro giorni", dice. "Le birre più forti [secondo gli standard britannici] al 5-6 percento di gradazione alcolica potrebbero impiegare cinque [giorni]. Per cominciare, lasciamo riposare la botte per 24 ore dopo la consegna per stabilizzare la sua temperatura. Poi lo arrotoliamo vigorosamente [per risvegliare il lievito], lo mettiamo sul distillatore e lo sfiatiamo e lo scoliamo. [Una spile è un piccolo piolo di legno o sughero per fermare una botte.] La birra scende brillante in un giorno. Questa non è una condizione però, per questo ci vogliono due o tre giorni in più per il condizionamento secondario.

È un po 'diverso con la birra condizionata dal birrificio, secondo John Keeling. "Puoi lasciarlo sul pavimento della cantina a condizionare, lasciarlo riposare per 24 ore affinché si stabilizzi e poi servirlo", dice. “Diciamo di non spifferare perché perdi benzina. Se stai versando dolcemente, è per far uscire il gas perché la birra è troppo condizionata. "

Aggiunge: "Quanto tempo lo lasci sul fermo influirà sul sapore: c'è un momento in cui è giusto. Assaggialo: è abbastanza frizzante? Lascialo un giorno in più: è meglio o peggio? L'intera ragione per cui la birra in botte è così interessante è che ha questi alti e bassi. Ecco perché puoi bere la stessa birra in botte in due pub diversi e scoprire che ha un sapore diverso: dipende tutto dal pub e da ciò che piace ai clienti: in un pub, [i clienti] potrebbero preferirla fresca nell'altro potrebbero preferirla una un po' più vecchio».

Sapere qual è la chiave, ovviamente. Anche se questo dovrebbe essere semplice, la realtà è spesso tristemente diversa. Come conclude Dave Bailey, "La cosa peggiore per un bevitore di botti è un barista che, quando gli viene chiesto com'è una birra, risponde: 'Non lo so, non bere quella roba da solo.' Inoltre, conoscere le birre aiuta quando qualcuno si lamenta. Il personale del bar che non è in grado di dire se una birra è davvero sbagliata non fa bene allo stabilimento, al birraio o alla birra. Questo vale per botte e fusto, anche il fusto può andare storto".

Quanto spreca la botte?

Uno degli argomenti a volte usati contro la botte è che si traduce in spreco. Questo perché non importa quanto bene ti prendi cura della birra, devi buttarne un po' con il lievito che si deposita sul fondo, nella pancia della botte. Insieme allo spreco dovuto alla pulizia della linea, al campionamento e così via, la regola generale è che puoi aspettarti che un firkin da 72 pinte produca solo 66 pinte bevibili.

Inclina la botte per ottenere di più alla fine, e rischi di sollevare il sedimento, e quasi nessuno vuole la pinta torbida risultante e il mal di stomaco che teme che porterà! I pub aggirano questo problema utilizzando l'inclinazione automatica, che gradualmente e delicatamente ribalta la botte mentre si svuota e si schiarisce, lasciando solo 2 pinte di sedimento rimanenti.


Un ottimo modo per provare molte birre condizionate in botte allo stesso tempo è partecipare a un festival come Casks and Quesos o Festival of Firkins, che si svolge ogni anno durante la San Francisco Beer Week.

Se cerchi birra in botte presso la tua birreria o pub locale, assicurati di trovare un posto che abbia un alto fatturato sulla loro birra in botte e la conservi e la gestisca correttamente. A San Francisco, prova Magnolia Pub and Brewery, Toronado o Public House. A Denver, prova Falling Rock Taphouse. A New York City, prova The Ginger Man o The Blind Tiger. A Toronto, prova barVolo, che sta anche incoraggiando altri bar di Toronto a servire e gestire correttamente la birra in botte. Se hai problemi a trovare un posto con cask ale, mandami un messaggio su Twitter e cercherò di trovare qualcuno che ti aiuti.

David Jensen ha sede a San Francisco ed è lo scrittore e fotografo principale per Beer 47, un blog incentrato sulla birra artigianale, gli eventi sulla birra, la cucina con la birra e la produzione di birra fatta in casa. Oltre al blog, puoi trovare spesso David su Twitter come @beer47, che twitta notizie interessanti e accende conversazioni sulla birra artigianale sorseggiando la sua Double IPA preferita. Di giorno David è un ingegnere del software per una piccola azienda Internet.


Conclusione

Sebbene la botte ventilata fosse preferita da 4 a 3 (da 4 a 4 se includiamo l'opinione di Joe), le differenze tra i due erano molto lievi, con i giudici che si schieravano con la botte ventilata e i non giudici che si schieravano con lo sfiato. La differenza nel punteggio dei giudici è stata solo dell'1,4%, una vittoria difficilmente schiacciante per la botte ventilata.

In conclusione, direi che l'homebrewer medio non sacrificherebbe molto, se non altro, usando uno sfiato per prolungare la vita della loro birra condizionata in botte.


BIRRA CONDIZIONATA IN BOTTI – LA PROSSIMA GRANDE COSA

Quindi, sei riuscito a produrre Yeasty McYeastface New England IPA. Tesoro, sono una Star Fruit Star Anise Gose è stata la bella del ballo all'ultima festa della birra. Il Kvas invecchiato in botte di bourbon mostra tutti i segni di una bevanda di classe mondiale per quanto ne sai. La collaborazione dello studio di yoga: VrikSaisona è un successo travolgente. Il food truck a tema maiale, The Hambulance, è in programma per i prossimi due fine settimana presso la tap room. Anche il refrigeratore a glicole sembra funzionare correttamente. Ti starai chiedendo: "Qual è il prossimo programma che possiamo assemblare e lanciare?" La risposta è birra condizionata in botte.

(Se stai già producendo birra condizionata in botte, vai al negozio di articoli da regalo. Abbiamo alcuni deliziosi malti britannici di Bairds Malt e Thomas Fawcett & Sons che susciterà sicuramente il tuo interesse. Non dimentichiamo i nostri amici di Loughran Family Malt che salutano dall'Isola di Smeraldo, sia.)

Se vuoi produrre birra in botte ci sono alcune cose che dovresti sapere. La birra in botte non è filtrata, non è pastorizzata, contiene lievito vivo e contiene zuccheri fermentescibili residui. A prima vista, assomiglia molto alla birra artigianale che viene prodotta oggi. Lo scopo del condizionamento in botte è chiarire la birra, conferire sapore e aroma attraverso il dry-hopping, aumentare la CO2 attraverso la fermentazione secondaria e migliorare il sapore attraverso la trasformazione del diacetile da parte del lievito. Queste caratteristiche si sommano a una birra unica che consente ai birrai e agli uomini e alle donne della cantina di far brillare la loro creatività e abilità. Il processo è abbastanza semplice, ma tieni presente alcune specifiche. L'Institute of Brewing & Distilling di Londra consiglia di travasare la birra in botti quando si trova a 0,5 gradi Plato al di sopra dell'attenuazione finale. Se travasato con troppo zucchero fermentescibile rimanente, la fermentazione secondaria sarà troppo attiva. Se inferiore, non verrà prodotta CO2 adeguata, producendo birra piatta. Il lievito in sospensione dovrebbe essere da circa 0,5 milioni di cellule/ml a 2 milioni di cellule/ml per garantire che ci siano abbastanza cellule per consumare quegli zuccheri residui e avere una fermentazione secondaria adeguata. Se vi siete persi quella finestra e la birra si è attenuata, nessun problema! Puoi anche aggiungere lo zucchero di priming per stimolare il lievito nella fase di fermentazione secondaria. La botte dovrebbe essere condizionata a 12-14 gradi C o circa 53-57 gradi F per circa 2 o 3 settimane. Questo dipende ovviamente dal livello zuccherino residuo e dalle caratteristiche del lievito impiegato.

Il luppolo e i prodotti del luppolo vengono aggiunti alla botte per conferire l'aroma del luppolo e dare un altro strato di complessità. Ci sono molti prodotti del luppolo là fuori che potrebbero essere usati in questa fase, incluso il CryoHops di YCH, che darebbe davvero un pugno di sapore e aroma alla botte. Questo può anche servire come punto di sperimentazione attraverso la prova di luppoli che non sono familiari in una birra della casa familiare che stai attualmente producendo. La maggior parte delle convenzioni sul luppolo sono andate in frantumi in questi giorni, ma tieni presente che stai tentando di elaborare una birra che avrà un appeal commerciale. Steve Hamburg di Cask Marque ha detto: "Anche se c'è un buco nel lato di una botte, non è un bidone della spazzatura", o qualcosa del genere. La sperimentazione è fantastica, ma alcuni sapori semplicemente non funzionano. Sii onesto con te stesso e non aver paura di ammettere che una combinazione aggiuntiva ha mancato il bersaglio.

Le chiarificazioni sono parte integrante della produzione di birra in botte brillante, o quasi brillante. Disponiamo di forme di colla di pesce e Nalco 1072, un agente chiarificante SiO2. Se stai cercando un'opzione di multa vegana o vegetariana, Nalco 1072 fa per te. Ci sono alcune cose da tenere a mente riguardo alle multe. Non rimuoveranno le nebbie colloidali da contaminazione metallica, contaminazione batterica, cellule di lievito morte e cellule di lievito selvaggio. Esistono tassi di utilizzo ottimali e potrebbero essere necessarie alcune prove per capire cosa funziona meglio per il tuo birrificio. Di più non è sempre meglio, poiché a volte un eccesso di chiarifica può anche causare l'allentamento dei sedimenti, con conseguente torbidità della birra.

L'erogazione della birra in botte può essere un argomento sfumato. CAMRA – la campagna per Real Ale e Cask Marque fanno un lavoro notevole sull'argomento. Per una comprensione approfondita, assicurati di visitare i loro siti web. In generale, dovrebbe essere servito fresco, 10-14 gradi C o 50-57 gradi F. Idealmente, posizionare la botte dove erogare 24 ore prima del servizio questo consentirà ai sedimenti di depositarsi e compattarsi. L'ultimo consiglio è che la botte dovrebbe essere consumata entro un periodo di 2-3 giorni per ottenere i migliori risultati.

Ci sono diversi grandi eventi di birra in botte in tutto il Midwest tra cui: Day of the Living Ales a Chicago, IL l'Istmus Cask Ale Fest a Madison WI il Michigan Cask Ale Festival e il Brewers of Indiana Guild Microbrewers Fest, che presenta una tenda di birra in botte all'interno il festival–un festival nel festival non meno–brillante!

Se sei interessato a farlo nel tuo birrificio, Country Malt Group ha malto e luppoli da tutto il mondo. Abbiamo tutto ciò di cui hai bisogno da botti e spilli attraverso i nostri partner di NDL Keg, Oregon Fruit Products, Keystones e Cholaca: puro cacao liquido. Abbiamo tutto ciò che ti serve per scolpire la botte di Cherry Wood Chocolate Cherry Robust Porter che si distingue e richiede attenzione dai recenti convertiti di birra artigianale al più avaro dei recensori su Untappd.


Ordina adesso

Spedizione sempre gratuita!*

+ fino a 3 regali bonus!

Grazie mille per l'eccellente servizio clienti! Non c'è sensazione migliore di quando trovi una grande azienda che offre un prodotto che ti piace e ha un servizio clienti di qualità superiore. Non mancherò di lasciare una recensione sul tuo sito web. Per saperne di più Grazie mille per l'eccellente servizio clienti! Non c'è sensazione migliore di quando trovi una grande azienda che offre un prodotto che ti piace e ha un servizio clienti di qualità superiore. Non mancherò di lasciare una recensione sul tuo sito web. J. Unsworth

Ogni volta che ho avuto contatti con Craft Beer Club ricevo ospitalità radicale e lo ADORO! Ecco perché continuo a rinnovare la birra! :)k Inoltre è delizioso Per saperne di più Ogni volta che ho avuto contatti con Craft Beer Club ricevo un'ospitalità radicale e lo ADORO! Ecco perché continuo a rinnovare la birra! :)k Inoltre è delizioso! R. Zimmerman

È un grande regalo, il migliore che gli ho fatto nei nostri 5 anni e mezzo insieme. Grazie ancora per il meraviglioso servizio clienti! Per saperne di più John ama le sue birre artigianali e mi piace che abbia l'opportunità di assaggiare da ogni parte, da luoghi che altrimenti non sarebbe in grado di fare. È un grande regalo! C. Phelps


Che diavolo è una Cream Ale?

Potresti avere l'impressione che noi, i guru della birra di ACB, comprendiamo tutto ciò che c'è da sapere sulla birra, eppure stiamo ancora imparando, proprio come chiunque altro. Ed è questa sete di conoscenza che ci spinge ad approfondire le storie dietro le birre che beviamo, proteggendoti così dall'imbarazzo di non sapere esattamente cosa hai deciso di versarti in bocca.

Man mano che i giorni e i fili d'erba si allungano, cresce anche il nostro bisogno di rimanere idratati mentre spingi macchine pesanti attraverso il cortile. Eppure avere una birra chiamata Cream Ale non suona esattamente come l'opzione migliore per soddisfare quella sete. O lo fa?

Meno male che ti sei sintonizzato sull'ultimo episodio della nostra serie in corso (rullo di tamburi per favore&hellip) &ldquoWhat the Hell Is a Cream Ale?&rdquo

Con l'enorme afflusso di immigrati tedeschi alla fine del XIX secolo, la popolarità degli stili lager e pilsner è esplosa, soprattutto in tutta l'America centrale. A causa delle temperature generalmente più fredde e delle preferenze locali, i produttori di birra del nordest erano principalmente produttori di birra, quindi hanno escogitato una strategia per tenere il passo.

Prima del proibizionismo, molti birrai nordamericani producevano una birra dal corpo leggero nota come "birra per uso attuale" (non era fatta per stare sullo scaffale), che è effettivamente ciò che è una Cream Ale: una birra fermentata a freddo. Proprio come la kölsch ale fermentata a freddo prodotta a Colonia, in Germania, la Cream Ale ad alta fermentazione ha un corpo leggero, ha meno esteri fruttati e non prevalgono né il malto né il luppolo.

Anche se una birra alla crema differisce dalla kölsch in un modo importante: l'aggiunta di riso e/o mais coadiuvanti per alleggerire il corpo. Storicamente, le birre alla crema dominanti del nord-est sono state la Narragansett del Rhode Island e la Genesee di Rochester, NY, ma dal proibizionismo sono state prodotte a livello nazionale con Rainier, Olympia, Old Style e persino Natural Ice tecnicamente adatte alla definizione.

Quindi, se hai comprato una birra alla crema nella speranza che fosse cremosa o forse anche una birra scura al malto, probabilmente non sei il primo o l'ultimo a farlo. Riceviamo questa delusione, ma mentre parliamo, quelle birre alla crema stanno cambiando lo stile come lo conosciamo.

Cream Ales che ci piacciono e che dovresti provare:

mucca macchiata , Nuova Birra Glarona (New Glarus, WI) Amiamo questa birra perché non sembra una tradizionale cream ale. Sebbene sia prodotta con mais, è anche non filtrata, condizionata in botte e pesa un 4,8% frantumabile.

Cali Creamin&rsquo Vanilla Cream Ale , Madre Terra Brew Co. (Vista, CA) &ndash Questo produttore di birra della contea di San Diego del nord ha colto al volo lo stile della birra alla crema e ha aumentato il quoziente di panna. Più simile a una soda alla crema, ha un sottile sapore di vaniglia con un morbido 5,2% di ottano che si abbina perfettamente a una gita in spiaggia.

Caffè normale , Produzione di cartone (Atlantic Highlands, NJ) &ndash Mentre una birra alla crema di caffè imperiale è esattamente in linea con la guida di stile BJCP, siamo rimasti stupefatti dalla loro linea di tre varietà di ale al 12%. The Regular Coffee (un Jersey &ldquomilk + 2 sugars&rdquo), Irish Coffee (Regular rifinito su legno irlandese + menta piperita) e Café Y&rsquo Churro (Regular con vaniglia + cannella) sono da non perdere se riesci a metterci le mani sopra.

Kiwanda Cream Ale , Birra Pellicano (Pacific City, OR) &ndash Situato appena adiacente a Cape Kiwanda, la posizione di Pelican sulla costa dell'Oregon è qualcosa da vedere. Lo stesso vale per la loro crema al 5,1% con lo stesso nome, che da sola ha ottenuto 8 medaglie GABF, di cui quattro d'oro.

Quando si guarda alla storia e al disprezzo generale che molti hanno pagato a quello che è stato tradizionalmente uno stile economico e prodotto in serie, ora è ancora più impressionante vedere i nostri birrai artigianali assumere lo stile senza abbandono. Quindi, che tu preferisca una birra chiara, fredda e poco costosa che esca dallo stampo della birra chiara o molte delle nuove fantastiche opzioni che arrivano ogni giorno sulla scena dell'artigianato, sarai sicuramente sorpreso da questa ale fermentata fredda unicamente americana.


Cos'è la birra condizionata in botte?

Per i primi trent'anni della storia di CAMRA, la maggior parte delle birre meglio aromatizzate nel Regno Unito erano il tipo di "real ale" che viene servita da un tipo di botte chiamato "cask". Durante la conservazione nella cantina di un pub, la birra all'interno di queste botti sviluppa il suo carattere, o "condizione", fino a una settimana, grazie alla presenza di lievito vivo nella birra. Viene quindi servito senza l'iniezione di anidride carbonica.

Questa ulteriore maturazione dovrebbe aggiungere eleganza al carattere della birra, mentre l'assenza di iniezione di gas ne rende più dolce la carbonatazione.

I grandi sforzi di CAMRA, inclusa la pubblicità dei migliori punti vendita per queste birre "condizionate in botte" e l'organizzazione di centinaia di festival della birra ogni anno che le servivano, le hanno promosse davanti ai marchi industriali che erano arrivati ​​a dominare il commercio della birra nel Regno Unito alla fine del 20esimo secolo.

Il termine "real ale" è stato associato alla birra servita dalla cantina di un pub tramite pompe alte e tirate a mano montate sulla barra, con la marca della birra nominata su una clip attaccata intorno alla parte più stretta del manico. Alcuni verrebbero serviti direttamente dalla botte, attraverso un semplice tap.

Come ogni prodotto artigianale, una birra in botte richiede un trattamento e una conservazione particolari per essere consumata al meglio. La temperatura della cantina deve essere abbastanza costante e né troppo calda né troppo fredda, la botte deve rimanere indisturbata e il suo tempo di conservazione rispettato e le tubazioni attraverso le quali scorre al bar devono essere mantenute ben pulite. Una birra in botte servita in un pub britannico rimane una parte essenziale della cultura britannica.