Altro

Cosa sta succedendo a Washington, DC: 22 giugno 2015


L'estate è l'ora dei festival e dei pasti all'aperto nel distretto, e il divertimento enogastronomico di questa settimana include cocktail patriottici abbinati a una storia di alcol in America, barbecue e una gara di torta di granchio. I prezzi sono vari quanto gli argomenti di questi eventi, quindi c'è un prezzo del biglietto adatto al budget di tutti.

Decimo concorso annuale di torta di granchio dell'American Institute of Wine and Food
Prendiamo sul serio le nostre torte di granchio nel DMV e non rifiutiamo mai l'occasione di provarne una per vedere se soddisfa i nostri standard di qualità. Ogni anno, il American Institute of Wine and Food's mette le torte di granchio in primo piano e l'evento di quest'anno si terrà domenica 28 giugno, dalle 12 alle 15, a La fonte di Wolfgang Puck. Il concorso si svolge per raccogliere fondi per programmi educativi, stage culinari e borse di studio e include granchio blu del Maryland verificato dal Dipartimento preparato da otto chef locali, con Scott Drewno, chef esecutivo di The Source, in qualità di presentatore. I biglietti possono essere acquistati in linea e sono $ 85 a persona.

Il 23° Festival annuale del barbecue del Campidoglio Safeway National d'America
Pioggia o sole, ondata di caldo o no, il Festival annuale Safeway National Capitol BBQ, alias Safeway Barbecue Battle, è uno degli eventi gastronomici e musicali preferiti d'America e quest'anno si terrà sabato 27 e domenica 28 giugno in Pennsylvania Avenue NW, in vista del Campidoglio. I proventi vanno a sostenere DC Children's Charities, The Capital Area Food Bank e USO of Metropolitan Washington, e chef di tutto il paese competono per vino una porzione di $ 40.000 in contanti e premi nei concorsi sanciti dalla Kansas City Barbecue Society che includono:

- Campionato nazionale di maiale BBQ del National Pork Board
- Lo chef militare Cook-Off a beneficio dell'USO
- Concorso USDA Choice Beef
- Open Nature Lamb Contest
- Safeway Select Rib Contest
- Il miglior concorso di pollo BBQ d'America

Inoltre, c'è musica dal vivo e intrattenimento su tre palchi, dimostrazioni di cucina dello chef e mostre interattive. Puoi acquista i biglietti online per un solo giorno, oppure c'è il pass di due giorni per $ 21,49 a persona che include campioni di cibo gratuiti, accesso alle fasi e altro; il pass per feste VIP da $ 50 include aree private per mangiare e bere, malloppo speciale e molto altro.

Concorso patriottico di cocktail
Celebra l'amore americano per la bevanda a il Patriotic Cocktail Competition della National Archives Foundation mercoledì 1 luglio dalle 18:30 alle 21:00. Questo fantastico concorso va a sostenere la National Archives Foundation, è ospitato presso la Lawrence F. O'Brien Gallery degli Archives e lo sfondo del concorso è la mostra intitolata "Spirited Republic: Alcohol in American History". Una giuria di esperti assaggerà i cocktail preparati da dieci dei migliori barman americani e poi sarai libero di visitare la mostra. È un'occasione per assaggiare le voci dei cocktail, socializzare con giudici e concorrenti e approfondire la tua storia di alcol. Il costo è di $65 a persona ed è possibile acquistare i biglietti in linea.

Imparentato

Summer Whitford è l'editore di D.C. City Guide presso The Daily Meal e the DC Wine Examiner. Puoi seguirla su Twitter @FoodandWineDiva.


Cronologia storica

Altri siti sono i benvenuti Collegamento a questa pagina, ma non per riprodurre o riutilizzare i nostri contenuti protetti da copyright. Si prega di consultare la nostra politica di ristampa per i dettagli su come richiedere il permesso di ristampare il contenuto di ProCon.org.

2900 aC-1599 dC

2900 aC - L'imperatore cinese Fu Hsi fa riferimento alla marijuana come medicina popolare

Imperatore Fu Hsi
Fonte: jaars.org (consultato il 25 maggio 2010)

Robert Deitch Canapa: rivisitazione della storia americana: la pianta dalla storia divisa, 2003

2700 aC - L'imperatore cinese Shen Nung ha detto di scoprire le proprietà curative della marijuana

"Secondo la leggenda cinese, l'imperatore Shen Nung (circa 2700 a.C. noto anche come Chen Nung) [considerato il padre della medicina cinese] scoprì le proprietà curative della marijuana e quelle di altri due pilastri della medicina erboristica cinese, il ginseng e l'efedra".

1500 aC - Primo riferimento scritto alla marijuana medica nella farmacopea cinese

"L'uso della cannabis per scopi di guarigione precede la storia registrata. Il primo riferimento scritto si trova nella farmacopea cinese del XV secolo aC, la Rh-Ya".

1450 aC - Riferimenti del Libro dell'Esodo Olio della Santa Unzione a base di cannabis

"L'olio della Santa Unzione, come descritto nella versione originale ebraica della ricetta in Esodo (30:22-23), conteneva oltre sei libbre di kaneh-bosem, una sostanza identificata da rispettati etimologi, linguisti, antropologi, botanici e altri ricercatori come cannabis, estratta in circa sei litri di olio d'oliva, insieme a una varietà di altre erbe profumate. Gli antichi unti erano letteralmente inzuppati in questa potente miscela".

Chris Bennett "Gesù era uno sballato?", High Times Magazine, 10 febbraio 2003

"I sostenitori della marijuana suggeriscono che la ricetta per l'olio dell'unzione passato da Dio a Mosè includeva la cannabis, o kaneh-bosm in ebraico. Indicano versioni che richiedono canna profumata, che dicono sia stata erroneamente cambiata con la pianta di calamo nella versione di Re Giacomo della Bibbia».

Shannon Kari "La cannabis è coinvolta nell'unzione di Cristo?", National Post, 22 aprile 2010

[ Nota dell'editore: The Revell Bible Dictionary (1990), di Lawrence O. Richards, stima che gli eventi del Libro dell'Esodo si siano verificati intorno al 1450 a.C.]

1213 aC - Gli egiziani usano la cannabis per il glaucoma, l'infiammazione e i clisteri

Il polline di cannabis si trova sulla mummia di Ramesse II, morto nel 1213 a.C. Le prescrizioni per la cannabis nell'antico Egitto includono il trattamento per gli occhi (glaucoma), l'infiammazione e il raffreddamento dell'utero, nonché la somministrazione di clisteri.

Lise Manniche, PhD Un'erba dell'antico Egitto, 1989

1000 aC - Bhang, una bevanda a base di cannabis e latte, viene utilizzata in India come anestetico

Il Bhang, una bevanda alla cannabis generalmente mescolata con il latte, è usata come anestetico e antiflegmatico in India. La cannabis inizia ad essere utilizzata in India per curare un'ampia varietà di malattie umane.

Commissione nazionale degli Stati Uniti sulla marijuana e l'abuso di droghe "Marihuana, un segnale di incomprensione", druglibrary.org, 1972

700 aC - L'uso medico della marijuana in Medio Oriente registrato nel Venidad

Profeta persiano e filosofo Zoroastro
Fonte: Foreignpolicyjournal.com (consultato il 21 luglio 2011)

600 aC - Il trattato di medicina indiano cita la cannabis come cura per la lebbra

"La cannabis è stata utilizzata in India nelle primissime applicazioni mediche. La gente credeva che potesse accelerare la mente, prolungare la vita, migliorare il giudizio, abbassare la febbre, indurre il sonno e curare la dissenteria. Il primo lavoro importante per esporre gli usi della cannabis in [indiano] la medicina era il trattato ayurvedico [un sistema di medicina indiana] di Sushruta Samhita scritto nel 600 aC. All'interno del Sushrita, la cannabis è citata come un antiflemmatico e una cura per la lebbra."

200 aC - Cannabis medica utilizzata nell'antica Grecia

Nell'antica Grecia, la cannabis è usata come rimedio per il mal d'orecchi, l'edema e l'infiammazione.

Commissione nazionale degli Stati Uniti sulla marijuana e l'abuso di droghe "Marihuana, un segnale di incomprensione", druglibrary.org, 1972

1 AD - Il testo cinese antico raccomanda la marijuana per più di 100 disturbi

Ideogramma cinese per la marijuana ("ma")
Fonte: Marijuana as Medicine: Beyond the Controversy, 2000

Janet Joy, PhD Alison Mack Marijuana as Medicine: Beyond the Controversy, 2001

30 - Gesù usa presumibilmente l'olio dell'unzione fatto con la cannabis

"Nel Nuovo Testamento della Bibbia, Gesù. unse [i suoi discepoli] con [un] potente olio enteogenico [sostanza psicoattiva], inviando i 12 apostoli a fare lo stesso [intorno all'anno 30 d.C.]. Allo stesso modo, dopo la morte di Gesù, Giacomo suggerisce che chiunque della comunità cristiana fosse malato dovrebbe chiamare gli anziani per ungerlo con olio nel nome di Gesù".

Chris Bennett "Gesù era uno sballato?", High Times Magazine, 10 febbraio 2003

"Allora, Gesù ha usato la cannabis? Penso di sì. La parola Cristo significa 'l'unto' e Bennett sostiene che Cristo fu unto con il crisma, un olio a base di cannabis, che ha causato le sue visioni spirituali. L'antica ricetta per questo olio , registrato nell'Esodo, includeva oltre 9 libbre di cime di cannabis fiorite (conosciute come kaneh-bosem in ebraico), estratte in un hin (circa 11? pinte) di olio d'oliva, con una varietà di altre erbe e spezie. unzioni e fumigazioni che, significativamente, hanno permesso a sacerdoti e profeti di vedere e parlare con Yahweh.Residui di cannabis, inoltre, sono stati rilevati in vasi provenienti dalla Giudea e dall'Egitto in un contesto che ne indicava l'uso medicinale, oltre che visionario. descritto dall'apostolo Marco come cacciatore di demoni e guarigione mediante l'uso di questo santo crisma. In precedenza, dal tempo di Mosè fino al successivo profeta Samuele, l'olio dell'unzione santa veniva usato dal sacerdozio sciamanico levita per ricevere le "rivelazioni del Signore". '. I prescelti erano intrisi di questo potente olio di cannabis."

Carl Ruck, PhD "Gesù usava la cannabis?" Il Sunday Times, 12 gennaio 2003

70 - Il testo medico romano cita la cannabis per curare il mal d'orecchi e sopprimere il desiderio sessuale

Illustrazione di una pianta di cannabis da De Materia
Medica

Fonte: Der Wiener Dioskurides: Codex Medicus
Graecus 1 der Österreichischen Nationalbibliothek,
1998

79 - Plinio il Vecchio scrive sulle proprietà medicinali della pianta di cannabis

"Plinio il Vecchio, un antico nobile, scienziato e storico romano, autore di Naturalis Historia (79 d.C.), [scrive] che 'Le radici [della pianta di cannabis] bollite nell'acqua alleviano i crampi alle articolazioni, anche la gotta e simili dolori violenti. .'"

Lumír Ondrej Hanuš, dottore in scienze, CSc, RNDr "Scoperta e isolamento di anandamide e altri endocannabinoidi", Chimica e Biodiversità, agosto 2007

200 - Il chirurgo cinese Hua T'o usa la resina di cannabis e il vino come anestetici

Il chirurgo cinese Hua T'o ha eseguito interventi chirurgici come "innesti d'organo, resezione dell'intestino, laparotomie (incisioni nel lombo) e toracotomie (incisioni nel torace). rese indolori per mezzo di ma-yo , un anestetico a base di resina di cannabis e vino».

Ernest L. Abel, PhD Marihuana, i primi dodicimila anni, 1980

800-900 - Cannabis usata come medicina nel mondo arabo da alcuni, etichettata come "veleno letale" da altri

"La cannabis era usata in medicina in tutto il mondo arabo in epoca romana, applicata a un'ampia varietà di disturbi (dall'emicrania alla sifilide) e come analgesico e anestetico. Il grande medico islamico del IX secolo Rhazès. La prescrisse ampiamente un contemporaneo, l'arabo medico Ibn Wahshiyah, ha avvertito dei potenziali effetti dell'hashish che ha scritto essere un veleno letale."

1500 - I medici musulmani usano la marijuana per ridurre la sessualità

"Dopo il 1500, una volta che l'Islam si è diffuso in India, i medici musulmani hanno usato le teorie persiane per guidare il loro uso della cannabis. Le loro applicazioni tendevano a sottolineare gli effetti tardivi, piuttosto che quelli precoci, quindi la usavano, ad esempio, come mezzo di ridurre la sessualità piuttosto che aumentarla".

Mia Touw "Gli usi religiosi e medicinali della cannabis in Cina, India e Tibet" Journal of Psychoactive Drugs, gennaio-marzo. 1981

1538 - Canapa usata durante il Medioevo

"Durante il Medioevo, la canapa era al centro dell'armadietto dei medicinali di qualsiasi erborista. William Turner, il naturalista considerato il primo botanico inglese, la loda nel suo New Herball, pubblicato nel 1538".

1578 - Il testo medico cinese descrive gli usi medici della marijuana

"Un testo medico cinese (1578 d.C.) [ Bencao Gangmu Materia Medica , di Li Shizhen] descrive l'uso della marijuana per curare il vomito, le infezioni parassitarie e l'emorragia. La marijuana continua ad essere usata in Cina come rimedio popolare per la diarrea e la dissenteria e per stimolare l'appetito."

Janet Joy, PhD Alison Mack Marijuana as Medicine: Beyond the Controversy, 2001

1600-1899

1600 - William Shakespeare potrebbe aver fumato cannabis

1611-1762 - I coloni di Jamestown portano la marijuana in Nord America

Illustrazione della colonia di Jamestown
Fonte: ushistormimages.com (consultato il 22 dicembre 2011)

Bernard Segal, PhD Prospettive sull'uso di droghe negli Stati Uniti, 1986

1621 - Il popolare libro inglese sulla salute mentale raccomanda la cannabis per curare la depressione

Il sacerdote inglese e studioso di Oxford Robert Burton suggerisce la cannabis come trattamento per la depressione nel suo influente e ancora popolare libro del 1621 L'anatomia della malinconia.

Lester Grinspoon, MD "History of Cannabis as a Medicine", Dichiarazione per l'udienza del giudice della DEA, 16 agosto 2005

1652 - L'erborista Nicholas Culpeper scrive sugli usi medici della canapa

"Il grande erborista britannico Nicholas Culpeper (1616-1654) scrisse nel suo [1652] The English Physitian (sic) che l'estratto di canapa 'allayeth Inflammations in the Head... allevia i dolori della gotta... nodi nei Joynts, [e] il dolori dei tendini e dei fianchi". La preparazione di Culpeper probabilmente aveva poca psicoattività poiché la cannabis nativa coltivata alle latitudini settentrionali ha un contenuto di tetraidrocannabinolo (THC) relativamente basso."

John P. Zajicek, PhD "Potenziale terapeutico della cannabis nella medicina del dolore", British Journal of Anesthesia, 29 maggio 2008

1745-1775 - George Washington coltiva la canapa

"Le voci del diario di [George] Washington indicano che coltivava canapa a Mount Vernon, la sua piantagione, per circa 30 anni [approssimativamente 1745-1775]. Secondo i suoi libri mastri agricoli, aveva un particolare interesse per l'uso medicinale della cannabis, e diversi delle sue voci di diario indicano che stava effettivamente coltivando Cannabis con un alto contenuto di Tetraidrocannabinolo (THC) - marijuana."

Robert Deitch La storia americana della canapa rivisitata: la pianta con una storia divisa, 2003

Pagina dal diario di George Washington datato agosto 1765. Fare clic sull'immagine per la pagina intera.
Fonte: Library of Congress (consultato il 31 agosto 2011)

1774-1824 - Thomas Jefferson coltiva la canapa a Monticello

"Thomas Jefferson coltivava canapa [come notato nei suoi diari di agricoltura del 1774-1824], ma non ci sono prove che suggeriscano che Jefferson fosse un fumatore abituale di canapa, tabacco o qualsiasi altra sostanza. Alcuni hanno indicato un presunto riferimento in Jefferson's Farm Book alla separazione delle piante di canapa maschili e femminili come prova che la coltivava a scopo di fumo ricreativo non esiste alcun riferimento nel Jefferson's Farm Book o in qualsiasi altro documento, sebbene George Washington abbia registrato una cosa del genere nel suo diario.

Thomas Jefferson Foundation "Spurious Quotations", Monticello.org (consultato il 23 settembre 2011)

Il libro della fattoria di Thomas Jefferson, 1774-1824, pagina 95. Fare clic per la pagina intera.
Fonte: Thomas Jefferson Papers: An Electronic Archive, Massachusetts Historical Society, 2003

1799 - Le forze di Napoleone portano la marijuana dall'Egitto alla Francia

Napoleone invade l'Egitto con forze che includono una squadra di spedizione scientifica. Oltre a scoprire la Stele di Rosetta, il team riporta la cannabis in Francia nel 1799. La cannabis è stata studiata per i suoi effetti antidolorifici e sedativi in ​​Europa ed è diventata più ampiamente accettata nella medicina occidentale.

Commissione nazionale degli Stati Uniti sulla marijuana e l'abuso di droghe "Marihuana, un segnale di incomprensione", druglibrary.org, 1972

1840 - La marijuana medica arriva nel Regno Unito tramite William O'Shaughnessy e secondo quanto riferito viene utilizzata dalla regina Vittoria per i crampi mestruali

Regina Vittoria
Fonte: Progetto Gutenberg, gutenberg.org
(consultato il 18 agosto 2011)

House of Lords Select Committee on Science and Technology "Ninth Report: Cannabis", sito web del Parlamento britannico, 11 novembre 1998

1840 - La marijuana diventa la medicina tradizionale in Occidente

Jacques-Joseph Moreau
Fonte: American Journal of Psychiatry
(consultato il 17 agosto 2011)

"Nel 19° secolo, la marijuana è emersa come medicina tradizionale in Occidente. Studi nel 1840 da parte di un medico francese di nome Jacques-Joseph Moreau [uno psichiatra francese] hanno scoperto che la marijuana sopprimeva il mal di testa, aumentava l'appetito e aiutava le persone a dormire."

1850 - Marijuana aggiunta alla farmacopea statunitense

Copertina della Farmacopea degli Stati Uniti del 1851
Fonte: antiquecannabisbook.com (consultato il 12 dicembre 2011)

Pagina 50 della Farmacopea degli Stati Uniti del 1851
Fonte: antiquecannabisbook.com (consultato il 18 novembre 2013)

1889 - Articolo in la lancetta Delinea l'uso della cannabis per l'astinenza da oppio

"Nel 1889, un articolo del Dr. E. A. Birch in la lancetta, allora come oggi una delle principali riviste mediche mondiali, ha delineato l'applicazione della cannabis per il trattamento dei sintomi di astinenza da oppio e idrato di cloralio: la miscela ha ridotto il desiderio di oppio e ha agito come un antiemetico [farmaco efficace contro vomito e nausea ]."

1893-1894 - La Indian Hemp Commission menziona diversi usi medici della cannabis

"La preoccupazione per la cannabis come intossicante porta il governo indiano a istituire la Indian Hemp Commission del 1893-1894 per esaminare la questione dell'uso di cannabis in India".

Il rapporto menziona l'uso della cannabis come "analgesico, restauratore di energia, emostatico, ecbolico [per indurre contrazioni] e antidiaretico". La cannabis è anche "menzionata come aiuto nel trattamento della febbre da fieno, del colera, della dissenteria, della gonorrea, del diabete, dell'impotenza, dell'incontinenza urinaria, del gonfiore dei testicoli, della granulazione delle piaghe aperte e delle ulcere croniche. Altri effetti benefici attribuiti alla cannabis sono la prevenzione dell'insonnia. , sollievo dall'ansia, protezione contro il colera, alleviare la fame e come aiuto alla concentrazione dell'attenzione."

Commissione nazionale degli Stati Uniti sulla marijuana e l'abuso di droghe "Marihuana, un segnale di incomprensione", druglibrary.org, 1972

1900-1949

1900 - Cannabis usata per asma, bronchite e perdita di appetito nell'Asia meridionale

"La cannabis era una delle droghe più importanti in India Materia Medica Al cambio di secolo. Era, ed è tuttora, ampiamente utilizzato nelle aree rurali del subcontinente indiano [Asia meridionale] per l'asma, la bronchite e la perdita di appetito".

Istituto nazionale per l'abuso di droghe (NIDA) Risultati della ricerca sulla marijuana: 1976, Sito web NIDA, 1977

1906 - La legge sugli alimenti e sui farmaci puri richiede l'etichettatura dei medicinali, compresa la cannabis

Etichetta per Piso's Cure, una medicina a base di cannabis, dopo l'approvazione del Pure Food and Drug Act del 1906
Fonte: antiquecannabisbook.com (consultato il 12 dicembre 2011)

"[O] n 30 giugno 1906 il presidente Roosevelt firmò il Food and Drugs Act, noto semplicemente come Wiley Act. La base della legge si basava sulla regolamentazione dell'etichettatura dei prodotti piuttosto che sull'approvazione pre-commercializzazione".

Food and Drug Administration (FDA) statunitense "FDA History - Part I", sito web della FDA (accessibile il 28 dicembre 2011)

"Una legge per impedire la produzione, la vendita o il trasporto di alimenti, droghe, medicinali e liquori adulterati o con marchi sbagliati o velenosi o deleteri, e per regolare il traffico al loro interno e per altri scopi.

Che, ai fini della presente legge, anche un articolo si considera contraffatto. se la confezione non riporta sull'etichetta una dichiarazione della quantità o proporzione di qualsiasi alcol, morfina, oppio, cocaina, eroina, alfa o beta eucaina, cloroformio, cannabis indica, idrato di cloralio o acetanilide, o qualsiasi derivato o preparato di qualsiasi di tali sostanze in esso contenute."

Pure Food and Drug Act (1906), sito web del National Center for Biotechnology Information, 30 giugno 1906

1911 - Il Massachusetts diventa il primo stato a mettere al bando la cannabis

"Sostenuti dalla fede dell'era progressista nel grande governo, gli anni '10 segnarono un'alta ondata di sentimenti proibizionisti in America. Nel 1914 e nel 1916, le iniziative di proibizione dell'alcol avrebbero fatto votare lo stato. Nel frattempo, il legislatore stava affrontando questioni morali come la prostituzione, il gioco d'azzardo in pista , lotte a premi, liquori e sesso orale. In mezzo a questa profusione di vizi, la canapa indiana [aka cannabis] era solo un ripensamento minore... gli stati vietarono la cannabis negli anni '10: Massachusetts nel 1911 (150 KB) Maine, Wyoming e Indiana nel 1913 New York City nel 1914 Utah e Vermont nel 1915 Colorado e Nevada nel 1917. Come in California, queste leggi sono state approvate non a causa di un uso diffuso o preoccupazione per la cannabis, ma come iniziative normative per scoraggiare l'uso futuro.

Dale Gieringer, PhD "Le origini dimenticate del proibizionismo della cannabis in California," Problemi di droga contemporanei, Estate 1999

gennaio 1915 - Il presidente Wilson firma l'Harrison Act, il modello per la futura legislazione sulla regolamentazione dei farmaci

Presidente Woodrow Wilson
Fonte: nobelprize.org (consultato il 30 agosto 2011)

"Il rappresentante Francis B. Harrison (D-NY) ha introdotto tre leggi nel 1913 per porre rimedio al problema [droga] controllando la produzione nazionale di oppio e regolando il commercio internazionale di oppio. Secondo le sue leggi, l'oppio poteva essere importato o esportato solo per scopi medicinali. Harrison propose anche che il governo "imponga una tassa speciale a tutte le persone che vendono, distribuiscono o regalano oppio o foglie di coca".

Il presidente Woodrow Wilson firmò tutte e tre le misure di Harrison in legge entro gennaio 1915.

L'Harrison Act, come era nota la proposta finale, richiedeva a ogni medico che prescriveva l'oppio o uno dei suoi derivati ​​di apporre un numero di serie, che poteva essere ottenuto solo dall'Internal Revenue Department, su ciascuna prescrizione. Ogni medico che desiderava prescrivere narcotici doveva registrarsi annualmente presso il governo federale".

Sebbene non si applichi alla marijuana, l'Harrison Act diventa il modello per la regolamentazione delle droghe a livello federale ed è considerato la base per il Marihuana Tax Act del 1937.

Dennis Joseph Pfennig, PhD "Risposte del primo Novecento al problema della droga", OAH Magazine of History, autunno 1991

1915-1927 - 10 Stati approvano le leggi sulla proibizione della marijuana

"[Nel 1915] lo Utah approva la legge statale anti-marijuana.

Altri stati hanno subito seguito l'esempio con le leggi sulla proibizione della marijuana, tra cui Wyoming (1915), Texas (1919), Iowa (1923), Nevada (1923), Oregon (1923), Washington (1923), Arkansas (1923) e Nebraska (1927). )." Lo stato di New York mette fuorilegge la cannabis nel 1927.

Drug WarRant.com "Perché la marijuana è illegale?", Drug War Rant.com (consultato il 14 luglio 2010)

1918 - Le aziende farmaceutiche statunitensi coltivano 60.000 libbre di cannabis all'anno

"Fino alla prima guerra mondiale, le forniture farmaceutiche di cannabis indica erano interamente importate dall'India (e occasionalmente dal Madagascar), in conformità con la farmacopea statunitense, che specificava che proveniva dalle sommità fiorite della varietà indiana.

Infine, nel 1913, l'Ufficio dell'industria vegetale del Dipartimento dell'agricoltura degli Stati Uniti annunciò di essere riuscito a coltivare cannabis domestica di qualità uguale a quella indiana. Quando le forniture straniere furono interrotte dalla prima guerra mondiale, gli Stati Uniti divennero autosufficienti nella cannabis. Nel 1918, venivano prodotte circa 60.000 sterline all'anno, tutte provenienti da aziende farmaceutiche a est del Mississippi".

Dale Gieringer, PhD "Le origini dimenticate del proibizionismo della cannabis in California," Problemi di droga contemporanei, Estate 1999

19 febbraio 1925 - La Lega delle Nazioni firma un trattato multilaterale che limita l'uso della cannabis ai soli scopi scientifici e medici

Alla Seconda Conferenza sull'oppio e alla Convenzione internazionale sull'oppio, sponsorizzata dalla Società delle Nazioni e firmata a Ginevra il 19 febbraio 1925, l'Egitto propone di aggiungere l'hashish (resina di cannabis) all'elenco dei narcotici coperti dalla convenzione. La convenzione autorizza l'uso della "canapa indiana" (cannabis) solo per scopi scientifici e medici. Vengono introdotte restrizioni all'importazione e all'esportazione di resina di cannabis. Questa convenzione è il primo trattato multilaterale che si occupa della cannabis.

Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNODC) "The Cannabis Problem: A Note on the Problem and the History of International Action", sito web dell'UNODC, 1 gennaio 1962

1928 - Cannabis aggiunta al "Dangerous Drugs Act" del Regno Unito

La cannabis viene aggiunta all'elenco delle droghe proibite nel "Dangerous Drugs Act del 1928" del Regno Unito. La cocaina è stata aggiunta nel 1920.

The Observer "100 Years of Altered States", osservatore.guardian.co.uk, 21 aprile 2002

anni '30 - L'uso della parola "Marijuana" aumenta negli Stati Uniti

"La valuta della parola [marijuana] è aumentata notevolmente negli Stati Uniti negli anni '30 nel contesto del dibattito sull'uso della droga, essendo il termine preferito come alternativa più esotica alle parole familiari canapa e cannabis.

Influenza di un'etimologia popolare dal nome personale spagnolo María-Juana o la sua forma familiare Marijuana è stato spesso suggerito in tal caso sembrerebbe essersi verificato in inglese."

anni '30 - Le aziende farmaceutiche americane vendono estratti di marijuana come medicinali

Flacone di tintura di cannabis Parke-Davis
Fonte: antiquecannabisbook.com (consultato il 22 dicembre 2011)

"Con l'accelerazione della domanda di farmaci a base di marijuana, le aziende farmaceutiche hanno tentato di produrre farmaci dalla canapa costantemente potenti e affidabili. Negli anni '30 almeno due società americane - Parke-Davis ed Eli Lily - vendevano estratti standardizzati di marijuana per l'uso come analgesico. , un antispasmodico e sedativo. Un altro produttore, Grimault & Company, commercializzava sigarette di marijuana come rimedio per l'asma."

Janet Joy, PhD Alison Mack Marijuana as Medicine: Beyond the Controversy, 2001

1930 - Harry J. Anslinger nominato commissario del Federal Bureau of Narcotics

"Nel 1930, il Congresso consolidò lo sforzo di controllo della droga nel Federal Bureau of Narcotics, guidato dal commissario infinitamente intraprendente, Harry Jacob Anslinger, che divenne l'architetto del proibizionismo nazionale. Il suo caso si basava su due affermazioni fantastiche: che la droga causava la pazzia che ha spinto le persone verso atti orrendi di criminalità."

New York Times "Il divieto federale sulla marijuana è radicato nel mito e nella xenofobia" New York Times, 29 luglio 2014

1933 - William Randolph Hearst gioca un ruolo nella denuncia della marijuana

"Nel 1933, la marijuana divenne l'obiettivo del controllo del governo. Storie sensazionalistiche collegavano atti violenti al consumo di cannabis. Molte delle storie più stravaganti apparvero sui giornali pubblicati da William Randolph Hearst. Secondo quanto riferito, Hearst aveva interessi finanziari nelle industrie del legname e della carta. . Potrebbe aver cercato di eliminare la concorrenza della canapa".

Mitchell Earleywine, PhD Capire la marijuana: un nuovo sguardo alle prove scientifiche, 2005

"Le prime leggi contro la cannabis negli Stati Uniti furono approvate nelle città di confine con il Messico. William Randolph Hearst era un magnate emergente dei giornali, che possedeva ventotto giornali a metà degli anni '20. Hearst poi lasciò cadere le parole cannabis e canapa dai suoi giornali e iniziò una campagna di propaganda contro la 'marijuana' (seguendo le orme di Anslinger). "

Julie Holland, dottore in medicina The Pot Book: una guida completa alla cannabis: il suo ruolo in medicina, politica, scienza e cultura, 2010

1936 - Il Bureau of Narcotics sollecita un'azione federale per il controllo della marijuana

"È difficile conoscere con precisione l'entità del consumo di marijuana negli anni '30. Lo stesso Ufficio Narcotici non ha mai fornito alcuna stima ufficiale. L'Ufficio ha parlato solo di 'uso diffuso'.

[Il commissario Harry] Anslinger sosteneva che tutto il consumo di droga era un complotto di "corruzione civica", un nemico pubblico che cercava di distruggere la comunità.

Durante il 1936 il Bureau titolava il pericolo della marijuana nel suo rapporto ["Traffic in Opium and Other Dangerous Drugs", 1936]. Per la prima volta ha sollecitato i controlli federali e ha presentato una descrizione del vizio, descrivendo terribili cambiamenti mentali e morali tra gli utenti".

Michael Schaller, PhD "Il divieto federale della marijuana", Giornale di storia sociale, Autunno 1970

1936 - Nuovi farmaci soppiantano la marijuana come trattamento per il dolore

"Entro la fine del 1936. tutti i 48 stati avevano emanato leggi per regolamentare la marijuana. Il suo declino in medicina fu accelerato dallo sviluppo dell'aspirina, della morfina e poi di altri farmaci derivati ​​dall'oppio, che contribuirono a sostituire la marijuana nel trattamento della dolore e altre condizioni mediche nella medicina occidentale".

1936 - Reefer Madness Avvertenze cinematografiche contro la marijuana

Locandina originale del film per Reefer Madness
Fonte: Amazon.com (consultato il 15 dicembre 2011)

"Reefer Madness è un racconto morale su come Reefer Addiction rovina la vita del suo giovane protagonista e fa uccidere molte altre persone, compromettersi sessualmente e farle rinchiudere in manicomi. Reefer Madness iniziò la sua vita cinematografica come un film ammonitore del 1936 intitolato Dillo ai tuoi figli. È stato finanziato da un piccolo gruppo della chiesa e aveva lo scopo di spaventare i bejeezus viventi di ogni genitore che lo vedesse. Poco dopo le riprese del film, tuttavia, è stato acquistato dal famigerato maestro del cinema di sfruttamento Dwain Esper (Narcotic, Marihuana, Maniac), che si è preso la libertà di inserire inquadrature salaci e schiaffi sul titolo più sexy di Reefer Madness, prima di distribuire esso sul circuito di sfruttamento. Oggi, il film è un fenomeno di culto sminuito solo da The Rocky Horror Picture Show, e 'Reefer Madness' è un vero e proprio slogan".

Kevin Murphy Dan Studney "Reefer Madness History", www.reefer-madness-movie.com (consultato il 30 maggio 2011)

4 maggio 1937 - L'American Medical Association si oppone alla proposta di legge sulla tassa sulla marijuana e sostiene la ricerca sulla cannabis medica

"Le udienze sulla proposta tassazione della marijuana si tennero dinanzi al Committee on Ways and Means tra il 27 aprile e il 4 maggio 1937.

L'ultimo testimone ad essere ascoltato è stato il dottor William C. Woodward, consigliere legislativo dell'American Medical Association (AMA). Ha annunciato la sua opposizione al disegno di legge. [e] ha cercato di dissipare qualsiasi impressione che l'AMA o l'opinione medica illuminata sponsorizzassero questa legislazione. La marijuana, sosteneva, era in gran parte una quantità sconosciuta, ma potrebbe avere usi importanti in medicina e psicologia".

Michael Schaller, PhD "The Federal Prohibition of Marihuana", Journal of Social History, Autunno 1970

"Non c'è nulla nell'uso medicinale della Cannabis che abbia alcuna relazione con la dipendenza da Cannabis. Uso la parola 'Cannabis' piuttosto che la parola 'marihuana', perché Cannabis è il termine corretto per descrivere la pianta e i suoi prodotti. Il termine 'marihuana' è una parola meticcia che si è insinuata in questo paese oltre il confine messicano e non ha alcun significato generale, tranne che si riferisce all'uso di preparati di cannabis per il fumo.

Dire, tuttavia, come è stato proposto qui, che l'uso del farmaco dovrebbe essere impedito da una tassa proibitiva, perde di vista il fatto che indagini future potrebbero mostrare che ci sono usi medici sostanziali per la Cannabis".

ottobre 1937 - La "legge sulla tassazione sulla marijuana" porta al declino delle prescrizioni di marijuana

Il commissario Harry J. Anslinger ispeziona un sequestro di droga.
Fonte: mostra della DEA "Target America: Opening Eyes to the Damage Drugs Cause", pubblicata su drugwarrant.net (consultato il 31 agosto 2011)

"Spronato da resoconti spettacolari degli effetti dannosi della marijuana sui suoi consumatori, dal presunto collegamento della droga con crimini violenti e dalla percezione che gli sforzi statali e locali per tenere sotto controllo l'uso della droga non stavano funzionando, il Congresso promulgò il Legge sulla tassazione sulla marijuana del 1937. Promosso da Harry Anslinger, Commissario del Federal Bureau of Narcotics di recente costituzione, l'atto imponeva requisiti di registrazione e rendicontazione e una tassa sui coltivatori, venditori e acquirenti di marijuana. Sebbene l'atto non proibisse completamente la marijuana, il suo effetto era lo stesso. (Poiché la marijuana non è stata inclusa nell'Harrison Narcotics Act nel 1914, il Marihuana Tax Act è stato il primo tentativo del governo federale di regolamentare la marijuana.)"

"Quando il governo federale approvò il Legge sulla tassa sulla marijuana nell'[ottobre] 1937, ogni stato aveva già emanato leggi che criminalizzavano il possesso e la vendita di marijuana. La legge federale, che era strutturata in modo simile all'Harrison Act del 1914, manteneva il diritto all'uso della marijuana per scopi medicinali, ma richiedeva ai medici e ai farmacisti che prescrivevano o dispensavano marijuana di registrarsi presso le autorità federali e di pagare una tassa annuale o un canone.

Dopo l'approvazione della legge, le prescrizioni di marijuana sono diminuite perché i medici generalmente hanno deciso che era più facile non prescrivere marijuana che affrontare il lavoro extra imposto dalla nuova legge".

Rosalie Liccardo Pacula, PhD "Leggi statali sulla marijuana medica: comprensione delle leggi e dei loro limiti", Journal of Public Health Policy, 2002

2 ottobre 1937 - Arrestato il primo venditore di marijuana condannato dalla legge federale degli Stati Uniti

Foto segnaletica di Samuel R. Caldwell.
Fonte: NORML.org (consultato il 21 febbraio 2012)

"Il giorno in cui fu promulgato il Marijuana Tax Stamp Act - 2 ottobre 1937 - l'FBI e la polizia di Denver, in Colorado, hanno fatto irruzione nel Lexington Hotel e hanno arrestato Samuel R. Caldwell, 58 anni, un lavoratore disoccupato e Moses Baca, 26 anni. Il 5 ottobre, Caldwell è entrato nei libri di storia come il primo venditore di marijuana condannato secondo la legge federale degli Stati Uniti.Il suo cliente, Baca, è stato dichiarato colpevole di possesso.

Caldwell è stato condannato a quattro anni di lavori forzati nel penitenziario di Leavenworth, più una multa di 1.000 dollari. Baca ha ricevuto 18 mesi di carcere. Entrambi gli uomini hanno scontato ogni giorno della loro pena. Un anno dopo che Caldwell fu scarcerato, morì".

1938 - Il Canada vieta la coltivazione della cannabis

"Nel 1938, il Canada proibì la coltivazione della cannabis. L'obiettivo era impedire l'uso di piacere della marijuana. Ai medici era ancora permesso prescrivere la tintura di cannabis, ma la burocrazia che accompagnava ogni prescrizione scoraggiava molti dall'offrirla ai pazienti".

1942 - Marijuana rimossa dalla farmacopea statunitense

"La marijuana è stata rimossa dalla farmacopea statunitense nel 1942, perdendo così il suo residuo manto di legittimità terapeutica".

American Medical Association (AMA) "Report 10 of the Council on Scientific Affairs", 1997

1938-1944 - Il rapporto LaGuardia conclude che la marijuana è meno pericolosa di quanto comunemente si pensi

Sede della New York Academy of Medicine a New York City
Fonte: nyc-architecture.com (consultato il 31 agosto 2011)

Nel 1938, il sindaco di New York Fiorello LaGuardia chiede alla New York Academy of Medicine di condurre un'indagine sulla marijuana. Il rapporto del 1944, intitolato "Il problema della marijuana nella città di New York", ma comunemente indicato come "Rapporto LaGuardia", conclude che molte affermazioni sui pericoli della marijuana sono esagerate o false.

Roger A. Roffman, DSW Robert S. Stephens, PhD Dipendenza dalla cannabis: la sua natura, conseguenze e trattamento, 2006

"La pratica del fumo di marijuana non porta alla dipendenza nel senso medico del termine. L'uso della marijuana non porta alla dipendenza da morfina o eroina o cocaina e non viene fatto alcuno sforzo per creare un mercato per questi narcotici stimolando la pratica di fumo di marijuana. La marijuana non è il fattore determinante nella commissione di gravi crimini. La pubblicità relativa agli effetti catastrofici del fumo di marijuana a New York City è infondata".

[ Nota dell'editore: leggi di più sul rapporto LaGuardia sulla nostra pagina sui rapporti del governo degli Stati Uniti]

1950-1969

1951 - Boggs Act stabilisce pene detentive minime per semplice possesso

"Nel 1951, il Congresso ha stabilito pene detentive minime obbligatorie per reati di droga. Chiamato per il suo sponsor, il rappresentante Hale Boggs (D-La.), il Boggs Act ha imposto condanne minime da due a cinque anni per i primi reati, compreso il semplice possesso. La legge non faceva distinzioni tra tossicodipendenti e trafficanti di droga ai fini della condanna.

La forza trainante del Boggs Act era l'errata convinzione che la tossicodipendenza fosse una malattia contagiosa e forse incurabile e che i tossicodipendenti dovessero essere messi in quarantena e costretti a sottoporsi a cure".

1956 - L'inclusione della marijuana nella legge sul controllo dei narcotici porta a sanzioni più severe per il possesso di marijuana

Il Congresso include la marijuana nel Narcotics Control Act del 1956, che si traduce in condanne obbligatorie più severe per i reati legati alla marijuana. Un possesso di marijuana per primo reato comporta una pena minima di 2-10 anni con una multa fino a $ 20.000.

Frontline "Busted: America's War on Marijuana", www.pbs.org (consultato il 21 luglio 2010)

1961 - La Convenzione delle Nazioni Unite fornisce le basi per il futuro divieto federale della marijuana

La Convenzione unica delle Nazioni Unite sugli stupefacenti del 1961 stabilisce la seguente regola all'articolo 49: "L'uso della cannabis per scopi diversi da quelli medici e scientifici deve essere interrotto il prima possibile, ma in ogni caso entro venticinque anni".

"Nel 1961, le Nazioni Unite hanno adottato la Convenzione Unica sugli Narcotici, i cui termini stabiliscono che ogni paese partecipante potrebbe "adottare le misure necessarie per prevenire l'uso improprio e il traffico illecito delle foglie della pianta di cannabis". ' Il Congresso ha approvato la partecipazione alla convenzione nel 1967 e tre anni dopo ha approvato il Comprehensive Drug Abuse Prevention and Control Act, che fornisce la base per gli attuali divieti federali sull'uso di marijuana".

National Academy of Sciences "An Analysis of Marijuana Policy", 1982

1964 - THC, principale componente psicoattivo della cannabis, identificato e sintetizzato per la prima volta

Nel 1964 il dott.Raphael Mechoulam, professore di chimica farmaceutica presso l'Università Ebraica di Gerusalemme, è il primo ad identificare il delta-9-tetraidrocannabinolo (THC), come il principale componente psicoattivo della cannabis. È anche il primo a sintetizzare il THC.

GW Pharmaceuticals "GW per sviluppare nuove opportunità di cannabinoidi con il professor Raphael Mechoulam", sito web di GW Pharmaceuticals, 21 gennaio 2003

1968 - L'Università del Mississippi diventa coltivatore ufficiale di marijuana per il governo federale

Marijuana coltivata all'Università del Mississippi per il governo degli Stati Uniti.
Fonte: sito web del National Geographic (consultato il 31 agosto 2011)

"Dal 1968 circa l'Università del Mississippi ha ottenuto una registrazione dalla DEA o dalla sua agenzia precedente per coltivare marijuana per uso governativo e attività di ricerca. [come] l'unico coltivatore di marijuana registrato dalla DEA. L'Università del Mississippi fornisce marijuana ai ricercatori per studi che vanno dalla ricerca chimica alla tossicologia preclinica negli animali al lavoro clinico sull'uomo".

8 aprile 1968 - Il presidente Johnson crea il Bureau of Narcotics and Dangerous Drugs (BNDD)

"Il drammatico aumento dell'uso della marijuana e di altre droghe durante gli ultimi anni '60 fu una questione di grande visibilità pubblica. In risposta, il presidente Johnson offrì il Piano di riorganizzazione n. 1 del 1968. Questa riorganizzazione fu effettiva l'8 aprile 1968 e pose il Federal Bureau of Narcotics (del Tesoro) e Bureau of Drug Abuse Control (della FDA) nel Dipartimento di Giustizia e lo hanno designato Bureau of Narcotics and Dangerous Drugs."

Commissione nazionale degli Stati Uniti sulla marijuana e l'abuso di droghe "Marihuana, un segnale di incomprensione", druglibrary.org, 1972

1 novembre 1968 - Il rapporto Wootton del Regno Unito rileva che la cannabis è meno pericolosa dell'alcol e di altre droghe

Il rapporto Wootton del 1 novembre 1968, scritto dal Comitato consultivo sulla dipendenza dalla droga del governo britannico, rileva che "il consumo a lungo termine di cannabis a dosi moderate non ha effetti dannosi. La cannabis è meno pericolosa degli oppiacei, delle anfetamine e dei barbiturici e anche meno pericoloso dell'alcol." L'influenza del rapporto si vede nelle future politiche britanniche sulle droghe che riducono le sanzioni per il possesso di marijuana del 50%.

Stephen Abrams, PhD "Soma, il rapporto Wootton e la riforma della legge sulla cannabis in Gran Bretagna durante gli anni '60 e '70", Un lettore di cannabis: problemi globali ed esperienze locali, www.emcdda.europa.eu, 2008

1970-1989

1970 - La legge sulle sostanze controllate classifica la marijuana come una droga con "uso medico non accettato"

Il Congresso approva il Controlled Substances Act (CSA) come parte del Comprehensive Drug Abuse Prevention and Control Act del 1970. Questa legge stabilisce per la prima volta nella storia degli Stati Uniti un "sistema unico di controllo sia per i narcotici che per gli psicotropi". Il CSA crea cinque tabelle per classificare le sostanze. La marijuana è inserita nella Tabella I, che sono farmaci "classificati come aventi un alto potenziale di abuso, nessun uso medico attualmente accettato nel trattamento negli Stati Uniti e una mancanza di sicurezza accettata per l'uso del farmaco o di altre sostanze sotto controllo medico. "

US Drug Enforcement Administration (DEA) "A Tradition of Excellence: The History of the DEA from 1973-2003", sito web della DEA (accessibile il 9 agosto 2010) US Drug Enforcement Administration (DEA) "Marijuana", sito web della DEA (accessibile a giugno 17, 2011)

"Il Congresso ha chiesto al Dipartimento della salute, dell'istruzione e del benessere la loro raccomandazione su dove inserire la marijuana nella legge sulle sostanze controllate.

La risposta, con lettera del 14.08.70, del sottosegretario alla sanità e agli affari scientifici [Roger O. Egeberg] è la seguente: «. È stata sollevata la questione se l'uso della pianta stessa produca "grave dipendenza psicologica o fisica" come richiesto da un criterio della tabella I o anche della tabella II. Poiché c'è ancora un notevole vuoto nella nostra conoscenza della pianta e degli effetti del farmaco attivo in essa contenuto, la nostra raccomandazione è che la marijuana venga conservata entro il programma I almeno fino al completamento di alcuni studi ora in corso per risolvere il problema. Se tali studi* rendono appropriato per il procuratore generale di modificare il posizionamento della marijuana in un programma diverso, può farlo in conformità con l'autorità prevista dalla sezione 201 del disegno di legge..'"

Jon Gettman, PHD "Responsabilità per dipendenza da marijuana - 1970", DrugScience.org (consultato il 12 dicembre 2011)

[ Nota dell'editore: *”Questi studi” sono stati conclusi nel rapporto della Commissione Schafer del 1972, che raccomandava di rimuovere la marijuana dal sistema di pianificazione e di depenalizzarla. Il presidente Nixon ha respinto la loro raccomandazione.]

1970 - Fondazione della NORML (Organizzazione Nazionale per la Riforma delle Leggi sulla Marijuana)

NORML, l'Organizzazione Nazionale per la Riforma delle Leggi sulla Marijuana, è stata fondata nel 1970 come gruppo di difesa di interesse pubblico senza scopo di lucro la cui missione è porre fine alla proibizione della marijuana.

1971 - Il Regno Unito introduce il sistema di classificazione dei farmaci

Il Misuse of Drugs Act del 1971 del Regno Unito introduce un sistema di classificazione dei farmaci e linee guida per la condanna. La cannabis viene inserita nella Classe B, la metà di tre classi.

British Broadcasting Corporation (BBC) "Dibattito sulla classificazione della cannabis", sito web della BBC, 31 ottobre 2009

1 maggio 1971 - Nixon dice che non legalizzerà la marijuana nonostante la Commissione Shafer

Il presidente Nixon ha avuto un incontro con Elvis Presley, che ha cercato di essere nominato agente federale generale presso l'Ufficio statunitense dei narcotici e delle droghe pericolose, nel 1970.
Fonte: National Archives and Records Administration (consultato il 31 agosto 2011)

In una conferenza stampa televisiva il 1 maggio 1971, rispondendo a una domanda sulla Conferenza della Casa Bianca sui giovani, che aveva votato per legalizzare la marijuana, il presidente Nixon disse:

"Come sapete, c'è una Commissione che dovrebbe farmi raccomandazioni su questo argomento in questo caso, tuttavia, ho opinioni così forti che le esprimerò. Sono contrario alla legalizzazione della marijuana. Anche se la Commissione lo raccomanda essere legalizzata, non seguirò quella raccomandazione. Non vedo alcuna giustificazione sociale o morale per legalizzare la marijuana. Penso che sarebbe esattamente il passo sbagliato. Semplicemente incoraggerebbe sempre più giovani a iniziare il lungo , triste strada che porta alle droghe pesanti e alla fine all'autodistruzione".

Richard Nixon, LLB "The President's News Conference", sito web del The American Presidency Project, 1 maggio 1971

17 giugno 1971 - Il presidente Nixon dichiara guerra alla droga

In una conferenza stampa del 17 giugno 1971, il presidente Nixon disse:

"Il nemico pubblico numero uno dell'America negli Stati Uniti è l'abuso di droghe. Per combattere e sconfiggere questo nemico, è necessario intraprendere una nuova offensiva a tutto campo.

Ho chiesto al Congresso di fornire l'autorità legislativa ei fondi per alimentare questo tipo di offensiva. Questa sarà un'offensiva mondiale che affronterà i problemi delle fonti di approvvigionamento, così come gli americani che potrebbero essere di stanza all'estero, ovunque si trovino nel mondo.

Ho portato il Dr. [Jerome H.] Jaffe alla Casa Bianca, riportando direttamente a me [come Consulente Speciale del Presidente per Narcotici e Droghe Pericolose], in modo che abbiamo non solo la responsabilità, ma anche l'autorità di vedere che questa offensiva in modo efficace e coordinato".

Richard Nixon, LLB "Osservazioni su un programma intensificato per la prevenzione e il controllo dell'abuso di droghe The President's News Conference", sito web del The American Presidency Project, 17 giugno 1971

1972 - La Commissione Nazionale sulla Marijuana e l'Abuso di Droghe ("Commissione Shafer") Raccomanda di Depenalizzare la Marijuana

"La Commissione Shafer bipartisan [Commissione nazionale sulla marijuana e l'abuso di droghe], nominata dal presidente Nixon sotto la direzione del Congresso [e presieduta dall'ex governatore della Pennsylvania Raymond Shafer], ha preso in considerazione le leggi sulla marijuana e ha stabilito che l'uso personale della marijuana dovrebbe essere depenalizzato. Nixon ha respinto la raccomandazione, ma nel corso degli anni '70, undici stati hanno depenalizzato la marijuana e la maggior parte degli altri ha ridotto le sanzioni".

Frontline "Busted: America's War on Marijuana", www.pbs.org (consultato il 21 luglio 2010)

"Il possesso di marijuana per uso personale non sarebbe più un reato, ma la marijuana posseduta in pubblico rimarrebbe di contrabbando soggetta a sequestro sommario e confisca. La distribuzione casuale di piccole quantità di marijuana senza remunerazione, o una remunerazione insignificante senza scopo di lucro non sarebbe più un reato».

Commissione nazionale degli Stati Uniti sulla marijuana e l'abuso di droghe "Marihuana, un segnale di incomprensione", druglibrary.org, 1972

1972 - Petizioni NORML DEA per riprogrammare Marijuana

Nel 1972, la NORML presenta una petizione amministrativa alla DEA. "La petizione della NORML chiedeva al governo federale di riclassificare la marijuana ai sensi del Controlled Substances Act come farmaco Schedule II in modo che i medici potessero prescriverla legalmente. Le autorità federali inizialmente si sono rifiutate di accettare la petizione fino a quando non sono state autorizzate a farlo dalla Corte d'Appello degli Stati Uniti nel 1974 , e poi si è rifiutato di processarlo adeguatamente fino a quando non è stato nuovamente ordinato dalla Corte nel 1982. Quattordici anni dopo l'istanza iniziale della NORML, nel 1986, la DEA ha finalmente tenuto udienze pubbliche sulla questione davanti a un giudice di diritto amministrativo.Due anni dopo [il 6 settembre , 1998], il giudice Francis Young ha stabilito [in materia di Marijuana Rescheduling Petition , Docket No. 86-22] che l'uso terapeutico della marijuana è stato riconosciuto da una rispettata minoranza della comunità medica e che ha soddisfatto gli standard di altri farmaci». La sentenza definitiva nel caso è stata emessa il 18 febbraio 1994.

1973 - Istituita la Drug Enforcement Agency (DEA)

Il Bureau of Narcotics and Dangerous Drugs (BNND) e l'Office of Drug Abuse Law Enforcement (ODALE) vengono fusi per formare la US Drug Enforcement Agency (DEA).

Frontline "Busted: America's War on Marijuana", www.pbs.org (consultato il 21 luglio 2010)

1974 - Istituito il NIDA, incaricato dei contratti per la coltivazione della marijuana a fini di ricerca

"Fin dalla sua istituzione nel 1974, il NIDA [National Institute on Drug Abuse] è stato l'unico amministratore di un contratto per coltivare cannabis (marijuana) a fini di ricerca e l'unica fonte legale per la cannabis negli Stati Uniti. A causa di accordi internazionali ( Convenzione unica sugli stupefacenti, 1961) che vieta a entità diverse dal governo federale di fornire legalmente cannabis, il NIDA è rimasto la sua unica fonte legale".

L'Università del Mississippi è incaricata dal NIDA di coltivare 1,5 o 6,5 acri di cannabis o di non coltivarne affatto, a seconda della domanda di ricerca. Il Research Triangle Institute (RTI) ha un contratto per la produzione e la distribuzione di sigarette di cannabis (giunti).

National Institute on Drug Abuse (NIDA) "Fornitura di marijuana e altri composti per la ricerca scientifica - Raccomandazioni del National Institute on Drug Abuse National Advisory Council", sito web NIDA, gennaio 1998

1976 - Marijuana depenalizzata nei Paesi Bassi

Amsterdam, Olanda
Fonte: "Le migliori destinazioni di viaggio per la marijuana al mondo", CNBC (consultato il 31 agosto 2011)

Craig Reinarman, PhD "The Limited Relevance of Drug Policy: Cannabis ad Amsterdam e a San Francisco," American Journal of Public Health, maggio 2004

24 novembre 1976 - La Corte Federale definisce l'uso della marijuana da parte di Robert Randall come una "necessità medica"

Robert Randall
Fonte: denverpost.com (consultato il 31 agosto 2011)

"Nel novembre del 1976, un uomo di Washington, DC [Robert Randall] affetto da glaucoma utilizzò la poco usata Common Law Doctrine of Necessity per difendersi dalle accuse penali di coltivazione di marijuana (US v. Randall). Il 24 novembre 1976, Il giudice federale James Washington ha stabilito che l'uso di marijuana da parte di Randall costituisce una "necessità medica".

Il giudice Washington ha respinto le accuse penali contro Randall. In concomitanza con questa decisione giudiziaria, le agenzie federali in risposta a una petizione del maggio 1976 presentata da Randall, iniziarono a fornire a questo paziente l'accesso lecito e approvato dalla FDA alle forniture governative di marijuana medica. Randall è stato il primo americano a ricevere marijuana per il trattamento di un disturbo medico".

Schaffer Online Library of Drug Policy "Significant Legal Cases", www.druglibrary.org (consultato il 15 luglio 2010)

1978 - Il programma di uso compassionevole IND del governo federale fornisce ai pazienti marijuana

"NIDA fornisce anche cannabis a sette pazienti sotto il cosiddetto "uso compassionevole" di applicazioni sperimentali di nuovi farmaci (IND). Nel 1978, come parte di una causa legale da parte del Dipartimento della salute e dei servizi umani, il NIDA ha iniziato a fornire cannabis ai pazienti i cui medici hanno richiesto e ricevuto tale USID dalla FDA."

National Institute on Drug Abuse (NIDA) "Fornitura di marijuana e altri composti per la ricerca scientifica - Raccomandazioni del National Institute on Drug Abuse National Advisory Council", sito web NIDA, gennaio 1998

1978 - Il New Mexico approva la prima legge statale che riconosce il valore medico della marijuana

"Nel 1978, il New Mexico ha approvato la prima legge statale che riconosce il valore medico della marijuana [Controlled Substances Therapeutic Research Act]. Negli anni successivi, più di 30 stati hanno approvato una legislazione simile".

Elsa Scott "Marinol: il piccolo sintetico che non poteva", Rivista High Times, luglio 1994

[ Nota del redattore : Vedi il testo completo del rapporto ufficiale del marzo 1983 sui progressi del programma sulla marijuana medica del New Mexico.]

1980 - Marinol, una versione sintetica di THC e marijuana affumicata testati su pazienti affetti da cancro

"Nel 1980, il National Cancer Institute (NCI) ha iniziato la distribuzione sperimentale di un nuovo farmaco chiamato Marinol, una forma orale di THC (il principale ingrediente attivo della marijuana), ai malati di cancro a San Francisco. Contemporaneamente, sei stati hanno condotto studi che confrontavano il fumo marijuana al THC orale in pazienti affetti da cancro che non avevano risposto ai tradizionali farmaci antivomitici. Questi studi sponsorizzati dallo stato hanno rivelato che migliaia di pazienti hanno trovato la marijuana più sicura e più efficace del THC sintetico. Nel frattempo, gli esperimenti dell'NCI hanno mostrato che alcuni pazienti hanno risposto bene al Marinol. Di fronte a due diverse raccomandazioni mediche, il governo ha scelto di chiudere gli studi statali e dare il via libera a Marinol".

Kambiz Akhavan "Marinol vs Marijuana: politica, scienza e cultura popolare", drugtext.org, 1997

1981 - I pazienti di marijuana medica legale formano un'organizzazione per aiutare gli altri ad ottenere l'accesso

"Nel 1981, Bob [Randall, il primo paziente legale di marijuana medica nell'ambito del programma IND] e Alice [O'Leary, sua moglie] hanno formato un'organizzazione chiamata Alliance for Cannabis Therapeutics o ACT, di cui ero un membro fondatore. Il nostro l'obiettivo era aiutare altri pazienti e i loro medici a presentare i protocolli di cura compassionevole e guidarli attraverso il labirinto del governo".

Irvin Rosenfeld La mia medicina: come ho convinto il governo degli Stati Uniti a fornire la mia marijuana e ho contribuito a lanciare un movimento nazionale, 2010

1981-1985 - Il governo degli Stati Uniti vende il brevetto di Marinol all'Unimed e la FDA lo approva per il trattamento della nausea

"Nel 1981, il governo ha accettato di vendere il brevetto Marinol a Unimed e Unimed ha chiesto alla FDA il permesso di commercializzare la pillola come trattamento per la nausea. Nel novembre 1984, la FDA ha respinto la domanda di Unimed perché i test clinici che erano stati fatti su il farmaco era carente. Ma Unimed raccolse altri dati e nel giugno 1985 la FDA consegnò la sua approvazione. Un anno dopo, la DEA diede il via libera".

Elsa Scott "Marinol: il piccolo sintetico che non poteva", Rivista High Times, luglio 1994

maggio 1985 - Marinol Approvato dalla FDA

"Prodotto da Unimed, Marinol è il nome commerciale del dronabinol, una forma sintetica di delta-9 tetraidrocannabinolo (THC), uno dei principali componenti psicoattivi della marijuana botanica. È stato approvato nel maggio 1985 per la nausea e il vomito associati alla chemioterapia antitumorale in pazienti che non rispondono ai trattamenti antiemetici convenzionali. Nel dicembre 1992, è stato approvato dalla FDA per il trattamento dell'anoressia associata alla perdita di peso nei pazienti con AIDS. Commercializzato come una capsula, il Marinol è stato originariamente inserito nella Tabella II. "

1986 - La legge contro l'abuso di droga aumenta le sanzioni per il possesso e lo spaccio di marijuana

Il presidente Reagan ha firmato l'Anti-Drug Abuse Act, che istituisce condanne obbligatorie per reati legati alla droga. In concomitanza con il Comprehensive Crime Control Act del 1984, la nuova legge ha aumentato le sanzioni federali per il possesso e lo spaccio di marijuana, basando le sanzioni sulla quantità di droga coinvolta. Il possesso di 100 piante di marijuana ha ricevuto la stessa pena del possesso di 100 grammi di eroina. Un successivo emendamento all'Anti-Drug Abuse Act ha stabilito una politica "tre colpi e sei fuori", che richiede l'ergastolo per i recidivi di droga e prevede la pena di morte per i "capi della droga".

Frontline "Busted: America's War on Marijuana", www.pbs.org (consultato il 21 luglio 2010)

6 settembre 1988 - Il giudice della DEA Francis Young raccomanda di inserire la marijuana nell'elenco II

"Nel 1988 la Drug Enforcement Administration chiese al giudice amministrativo Francis Young di commentare i meriti della riprogrammazione della marijuana [in risposta alla petizione della NORML del 1972]. Young suggerì che la marijuana fosse riprogrammata [dal programma I al programma II] per la nausea associata a chemioterapia per il cancro. Ha anche concluso che le prove erano insufficienti per giustificare l'uso di marijuana grezza per il glaucoma o il dolore".

Eric A. Voth, MD Richard H. Schwartz, MD "Applicazioni medicinali di Delta-9-Tetraidrocannabinolo e Marijuana", Annals of Internal Medicine, 15 maggio 1997

"Le prove in questo documento mostrano chiaramente che la marijuana è stata accettata come capace di alleviare il disagio di un gran numero di persone molto malate, e farlo con sicurezza sotto controllo medico. Sarebbe irragionevole, arbitrario e capriccioso che la DEA continuasse a resistere. tra quei malati e i benefici di questa sostanza alla luce delle prove in questo record".

30 dicembre 1989 - L'amministratore della DEA annulla Francis Young e ordina che la cannabis rimanga una sostanza controllata

"Nel dicembre 1989, l'amministratore della DEA Jack Lawn annullò la decisione di un giudice di diritto amministrativo [Francis Young] che aveva concordato con i sostenitori della marijuana che la marijuana avrebbe dovuto essere spostata dall'Allegato I all'Allegato II del Controlled Substances Act. Questa proposta di riprogrammazione della marijuana avrebbe hanno permesso ai medici di prescrivere il fumo di marijuana come trattamento legale per alcune forme di malattia.

L'amministratore Lawn sosteneva che non c'era alcun beneficio medicinale nel fumare marijuana. [e] che la marijuana dovrebbe rimanere una sostanza controllata dalla Tabella I."

US Drug Enforcement Administration (DEA) "A Tradition of Excellence: The History of the DEA from 1973-2003", sito web della DEA (consultato il 17 agosto 2010)

1990-1999

1990 - Gli scienziati scoprono i recettori dei cannabinoidi

Diagramma dei siti dei recettori dei cannabinoidi nel cervello umano.
Fonte: HowStuffWorks.com, 2001

Jon Gettman, PhD "The 1995 Marijuana Rescheduling Petition", DrugScience.org (consultato il 17 luglio 2010)

1991 - La sentenza del tribunale mette in evidenza l'applicazione della difesa per necessità medica

In Jenks v. State of Florida (1991), la Florida First District Court of Appeals pronuncia sull'applicazione di una difesa per necessità medica in risposta a un procedimento penale. Nel caso della marijuana medica, il paziente deve essere affetto da una malattia o malattia riconosciuta dal punto di vista medico, che sta causando un sintomo per il quale non esiste un trattamento efficace diverso dalla marijuana.

Rosalie Liccardo Pacula, PhD "Leggi statali sulla marijuana medica: comprensione delle leggi e dei loro limiti", Journal of Public Health Policy, 2002

giugno 1991 - Il governo federale sospende il programma IND sull'uso compassionevole della marijuana medica

"Un programma federale che ha fornito marijuana gratuita ai malati gravi è stato gradualmente eliminato dai funzionari della sanità e dei servizi umani che hanno concluso che viola la politica ufficiale dell'amministrazione Bush contro l'uso di droghe illegali, secondo i funzionari dell'HHS.

Mentre un piccolo numero di pazienti che già ricevono marijuana continuerà a farlo, i nuovi richiedenti saranno incoraggiati a provare forme sintetiche di delta-9-THC, l'ingrediente psicoattivo della marijuana, piuttosto che l'erba stessa, secondo una nuova direttiva politica firmata di James O. Mason, capo del servizio sanitario pubblico.

"Se si percepisse che il servizio sanitario pubblico va in giro a dare marijuana alla gente, ci sarebbe la percezione che questa roba non possa essere così male", ha detto Mason. 'Dà un cattivo segnale.'.

Mentre solo sei persone avevano ricevuto marijuana nell'ambito del programma, la FDA ha ricevuto 28 domande nell'ultimo anno ed era preoccupata che sarebbe stata sommersa da altre centinaia nei prossimi mesi, hanno detto i funzionari".

Michael Isikoff, MA "HHS per eliminare gradualmente il programma sulla marijuana", Washington Post, 22 giugno 1991

"Il programma IND compassionevole per la marijuana medica è stato sospeso [nel giugno 1991] dopo che il numero di domande è aumentato in risposta all'epidemia di AIDS".

American Medical Association (AMA) "Report 10 of the Council on Scientific Affairs", 1997

luglio 1991 - Il 53% degli oncologi intervistati afferma che la cannabis dovrebbe essere disponibile su prescrizione

"Nella primavera del 1990 è stato condotto un sondaggio anonimo a campione casuale dei membri dell'American Society of Clinical Oncology (ASCO) che misurava gli atteggiamenti e le esperienze degli oncologi americani riguardo all'uso antiemetico della marijuana nei pazienti chemioterapici contro il cancro.

Una sorprendente percentuale di intervistati (432, 44%) ha affermato di aver raccomandato la marijuana ad almeno un paziente.

Seicento otto intervistati (63%) hanno concordato con l'affermazione che afferma l'efficacia della marijuana nel trattamento dell'emesi. e 77 intervistati (8%) non sono d'accordo.

Dei 599 intervistati con opinioni, il 53% è favorevole a rendere disponibile la marijuana su prescrizione medica".

Mark A. R. Kleiman, PhD Richard Doblin, PhD "Marijuana as Antiemetic Medicine: A Survey of Oncologists' Experience and Attitude", Annals of Internal Medicine, luglio 1991

5 novembre 1991 - La prima iniziativa sulla marijuana medica è stata approvata a San Francisco

"La prima iniziativa sulla marijuana medica è apparsa nella città di San Francisco come Proposition P, che è passata con uno schiacciante 79% dei voti il ​​5 novembre 1991. La Proposition P ha invitato lo Stato della California e la California Medical Association a "ripristinare preparazioni mediche a base di canapa all'elenco dei medicinali disponibili in California' e per non penalizzare i medici 'dal prescrivere preparati a base di canapa per scopi medici'".

1992 - Gli scienziati scoprono il primo endocannabinoide

Anandamide molecola di neurotrasmettitore. Gli atomi sono codificati a colori come carbonio (azzurro), idrogeno (giallo), azoto (blu scuro) e ossigeno (rosso).
Fonte: SciencePhoto.com (consultato il 15 dicembre 2011)

"Ventotto anni dopo aver scoperto il THC, nel 1992, il Dr. Mechoulam, insieme al Dr. William Devane e al Dr. Lumir Hanus, ha identificato il primo cannabinoide endogeno del cervello (o endocannabinoide) - la versione naturale del THC del cervello - che hanno chiamato " anandamide", dalla parola sanscrita "ananda", che significa "beatitudine eterna" o "gioia suprema".

L'esercizio vigoroso stimola il rilascio di anandamide e il senso di euforico benessere che deriva da un sano allenamento - quello che gli appassionati di jogging chiamano "sballo del corridore" - è dovuto agli elevati livelli di endocannabinoidi. Si ritiene inoltre che il sistema endocannabinoide nel cervello aiuti a mediare le emozioni, a consolidare la memoria e a coordinare i movimenti".

David J. Brown, MS "La nuova scienza della medicina basata sui cannabinoidi: un'intervista con il dottor Raphael Mechoulam," Mavericks della medicina, 2006

19 marzo 1992 - Programma IND per l'uso compassionevole terminato ufficialmente 13 pazienti esistenti continuano a ricevere marijuana dal governo

"Nel marzo 1992, il Segretario del Dipartimento della salute e dei servizi umani ha deciso che il NIDA non avrebbe fornito marijuana per IND di un singolo paziente tranne che a quei pazienti che in quel momento stavano ricevendo marijuana.

Quando il programma è stato terminato, 27 ulteriori IND per singolo paziente che avevano ricevuto l'approvazione della FDA sono stati cancellati e ai pazienti non è stata fornita marijuana".

American Medical Association "Rapporto 10 del Consiglio per gli affari scientifici", 1997

"I tredici pazienti che ricevevano Cannabis medica dai federali sarebbero stati "consolidati" e continuerebbero a essere riforniti. Cinque avevano l'AIDS tre avevano il glaucoma Barbra Douglas aveva la MS George McMahon aveva la sindrome unghia-rotulea io avevo l'esostosi cartilaginea congenita multipla e una variante di Pseudo pseudo ipoparatiroidismo e due avevano scelto di rimanere anonimi.

Il segretario dell'HHS Louis Sullivan ha firmato l'ordine che pone fine agli IND di Compassionate Care il 19 marzo 1992."

Irvin Rosenfeld La mia medicina: come ho convinto il governo degli Stati Uniti a fornire la mia marijuana e ho contribuito a lanciare un movimento nazionale, 2010

marzo 1993 - L'American Medical Student Association approva all'unanimità la riprogrammazione della marijuana

Copertina del libro di Irv Rosenfeld. Clicca per l'immagine ingrandita.
mymedicinethebook.com (consultato il 13 ottobre 2011)

Irvin Rosenfeld La mia medicina: come ho convinto il governo degli Stati Uniti a fornire la mia marijuana e ho contribuito a lanciare un movimento nazionale, 2010

18 febbraio 1994 - Decisione finale nella battaglia giudiziaria del 1972 sulla riprogrammazione della marijuana mantiene la marijuana nell'elenco I

"Nel 1972, è stata presentata una petizione al Bureau of Narcotics and Dangerous Drugs (ora noto come Drug Enforcement Agency, o DEA) per riprogrammare la marijuana nell'elenco II, consentendo la prescrizione del medico legale. Seguì una serie di battaglie giudiziarie relative a questa petizione per i successivi 22 anni. Una decisione finale non è stata resa fino al 18 febbraio 1994, dalla Corte d'Appello degli Stati Uniti (DC Circuit) in cui è stata confermata la decisione della DEA di mantenere la marijuana nella Tabella I. Anche se alla fine la petizione è fallita, ha creato un ambiente di incertezza riguardo alla potenziale programmazione federale della marijuana che è persistita per tutti gli anni '70 e all'inizio degli anni '80."

Rosalie Liccardo Pacula, PhD "Leggi statali sulla marijuana medica: comprensione delle leggi e dei loro limiti", Journal of Public Health Policy, 2002

Metà luglio 1994 - L'assistente del segretario alla salute annuncia la decisione finale di non riaprire il programma IND sull'uso compassionevole della marijuana medica

"Come ricorderete, nel 1992, il vicesegretario alla sanità dell'amministrazione Bush, il dottor James Mason, ha chiuso il programma IND (accesso compassionevole) della FDA per i pazienti con marijuana medica perché stava diventando troppo grande, troppo visibile, troppo costoso e dispendioso in termini di tempo per essere amministrato dalla FDA. Nel corso dell'ultimo anno, l'attuale Assistente Segretario alla Sanità, il dottor Philip Lee, è stato sollecitato da vari membri del Congresso a rivedere la decisione del dottor Mason. a metà luglio al rappresentante Barney Frank e agli altri membri del Congresso e senatori che lo hanno contattato in merito a questo problema, il Dr. Lee ha annunciato di aver finalmente raggiunto una decisione sulla sua linea d'azione. Programma di accesso compassionevole Secondo il Dr. Lee, il difetto fatale di quel programma era che non generava dati che potessero essere presentati alla FDA per supportare o rifiutare l'ipotesi che la marijuana fumata avesse un ed efficace uso medico. Il dottor Lee non ha offerto fondi governativi per la ricerca, ma ha indicato che solo la ricerca approvata dalla FDA potrebbe risolvere questa controversia".

Rick Doblin, PhD "Newsletter of the Multidisciplinary Association for Psychedelic Studies", estate 1994

10 luglio 1995 - Presentata la seconda petizione per riprogrammare la marijuana

Jon Gettman, ex direttore nazionale dell'Organizzazione nazionale per la riforma delle leggi sulla marijuana (NORML), presenta una sfida legale allo stato di proibizione della marijuana Schedule I con il supporto di High Times Magazine. La petizione di 275 pagine viene depositata presso la DEA e richiede di rimuovere marijuana e THC dall'allegato I del Controlled Substances Act perché nessuno dei due ha l'alto potenziale di abuso richiesto dalla legge per questo stato proibito.

Jon Gettman, PhD "Introduzione alla riprogrammazione della marijuana", drugscience.org (consultato il 30 agosto 2010)

5 novembre 1996 - La California diventa il primo stato a legalizzare la marijuana medica

L'attivista della marijuana medica Chris Conrad e sua moglie Mikki Norris hanno sostenuto il passaggio della Prop. 215
Fonte: chrisconrad.com (consultato il 28 dicembre 2011)

"Gli elettori in California [passano] un'iniziativa statale sulla marijuana medica nel 1996. Conosciuta come Proposition 215, consente ai pazienti e ai loro assistenti primari, con la raccomandazione di un medico, di possedere e coltivare marijuana per il trattamento dell'AIDS, del cancro, della spasticità muscolare , emicranie e molti altri disturbi li protegge anche dalla punizione se raccomandano la marijuana ai loro pazienti".

Janet Joy, PhD Alison Mack Marijuana as Medicine: Beyond the Controversy, 2001

[ Nota del redattore : La Proposta di voto 215 è stata approvata il 5 novembre 1996 dal 56% degli elettori ed è entrata in vigore il 6 novembre 1996. Ulteriori informazioni sulle leggi sulla marijuana medica della California.]

30 gennaio 1997 - Il New England Journal of Medicine pubblica un editoriale che chiede di riprogrammare la marijuana

Logo per il New England Journal of Medicine, fondata nel 1812.
Fonte: NEJM.org (consultato il 14 dicembre 2011)

Jerome P. Kassirer, MD "Federal Foolishness and Marijuana", New England Journal of Medicine, 30 gennaio 1997

19 e 20 febbraio 1997 - NIH afferma che sono necessari ulteriori studi per valutare il potenziale della marijuana medica

Il 19 e 20 febbraio 1997, il National Institutes of Health (NIH) "convocò un gruppo di esperti ad hoc, che concluse che le prove scientifiche erano insufficienti per valutare in modo definitivo il potenziale terapeutico della marijuana e consigliarono che il tradizionale processo scientifico dovrebbe essere consentito di valutare l'uso del farmaco per determinati disturbi".

Tatiana Shohov Uso medico della marijuana: questioni politiche, normative e legali, 2003

settembre 1998 - Il Congresso impedisce l'attuazione della legge sulla marijuana medica in DC

L'ex membro del Congresso degli Stati Uniti (L-GA) Bob Barr a un evento del 5 settembre 2008 a Washington, DC.
Fonte: andrewsullivan.thedailybeast.com

"Nel settembre 1998, la Camera ha discusso e approvato una risoluzione (HJRes. 117) che dichiara che il Congresso sostiene l'attuale processo federale di approvazione dei farmaci per determinare se qualsiasi droga, inclusa la marijuana, è sicura ed efficace. sotto il titolo "Non legalizzare la marijuana per Uso medicinale.'

In un emendamento separato alla stessa legge, il Congresso ha impedito al governo del Distretto di Columbia di contare i voti di un'iniziativa approvata dagli elettori del 1998 che avrebbe consentito l'uso medico della marijuana. L'emendamento [noto come emendamento Barr per il suo sponsor Bob Barr della Georgia] è stato impugnato e ribaltato in tribunale distrettuale, le schede sono state contate e la misura è passata dal 69% al 31%. Tuttavia, nonostante le ulteriori contestazioni del tribunale, il Congresso ha continuato a vietare l'attuazione dell'iniziativa".

29 ottobre 1998 - I presidenti Ford, Carter e Bush esortano gli elettori a rifiutare la marijuana medica

"Prima delle elezioni [del 3 novembre 1998], gli ex presidenti Ford, Carter e Bush hanno rilasciato una dichiarazione in cui esortavano gli elettori a rifiutare le iniziative statali sulla marijuana medica perché hanno aggirato il processo standard con cui la Food and Drug Administration (FDA) testa i farmaci. per sicurezza ed efficacia. "La medicina compassionevole", hanno insistito questi leader, "deve basarsi sulla scienza, non sugli appelli politici". Tuttavia, le iniziative sulla marijuana medica hanno continuato a passare in ogni stato in cui sono apparse sulla scheda elettorale".

Janet Joy, PhD Alison Mack Marijuana as Medicine: Beyond the Controversy, 2001

3 novembre 1998 - Alaska, Oregon e Washington diventano il 2°, 3° e 4° Stato per legalizzare la marijuana medica

"Il 3 novembre 1998 il 58% degli elettori [in Alaska] ha approvato la misura elettorale n. 8. La legge è entrata in vigore il 4 marzo 1999. Rimuove le sanzioni penali a livello statale sull'uso, il possesso e la coltivazione di marijuana da parte dei pazienti. che possiedono una documentazione scritta del loro medico che informa che "potrebbero trarre beneficio dall'uso medico della marijuana".

Il 3 novembre 1998 il 55% degli elettori [in Oregon] ha approvato la Misura 67. La legge è entrata in vigore il 3 dicembre 1998. Elimina le sanzioni penali a livello statale sull'uso, il possesso e la coltivazione di marijuana da parte di pazienti che possiedono un raccomandazione firmata dal loro medico che afferma che la marijuana "può mitigare" i suoi sintomi debilitanti.

Il 3 novembre 1998 il 59% degli elettori [a Washington] ha approvato la misura 692. La legge è entrata in vigore quel giorno. Rimuove le sanzioni penali a livello statale sull'uso, il possesso e la coltivazione di marijuana da parte di pazienti in possesso di "documentazione valida" del proprio medico che affermi che soffre di una condizione debilitante e che i "potenziali benefici dell'uso medico della marijuana sarebbero probabilmente superano i rischi per la salute.'"

National Organization for the Reform of Marijuana Laws (NORML) "Active State Medical Marijuana Programs", norml.org (consultato il 26 agosto 2010)

[Nota dell'editore: leggi di più sulle leggi sulla marijuana medica in Alaska, Oregon e Washington.]

11 novembre 1998 - Il Comitato della Camera dei Lord del Regno Unito raccomanda di legalizzare la marijuana medica

"Il governo dovrebbe consentire ai medici di prescrivere la cannabis per uso medico: questa è la conclusione di un rapporto della House of Lords Science and Technology Committee, pubblicato oggi [11 novembre 1998].

Lord Perry di Walton, presidente dell'inchiesta, ha dichiarato: "Abbiamo visto prove sufficienti per convincerci che un medico potrebbe legittimamente prescrivere cannabis per alleviare il dolore o i sintomi della sclerosi multipla (SM), e che la legge penale non dovrebbe mettersi in mezzo. Lungi dall'essere un passo verso la legalizzazione generale, la nostra raccomandazione renderebbe più facile l'applicazione del divieto all'uso ricreativo. Soprattutto, mostrerebbe compassione per i pazienti che attualmente rischiano un'azione penale per ottenere aiuto.'"

gennaio 1997-marzo. 1999 - L'Istituto di Medicina (IOM) conduce uno studio completo sugli effetti medici della marijuana

Copertina del rapporto IOM
Fonte: Amazon.com (consultato il 3 gennaio 2012)

"Nel gennaio 1997, il direttore dell'Office of National Drug Control Policy (lo zar federale della droga) ha incaricato l'Istituto di Medicina (IOM) dell'Accademia Nazionale delle Scienze di rivedere le prove scientifiche sui potenziali benefici e rischi per la salute della marijuana e i suoi cannabinoidi costituenti Iniziato nell'agosto 1997, il rapporto di 257 pagine dell'OIM, Marijuana and Medicine: Assessing the Science Base, è stato pubblicato nel marzo 1999.

Per la maggior parte, il rapporto dell'OIM ha scavalcato il recinto e ha fornito spunti sonori per entrambe le parti del dibattito sulla marijuana medica. In generale, il rapporto ha sottolineato la necessità di una ricerca scientifica ben formulata sugli effetti terapeutici della marijuana e dei suoi componenti cannabinoidi su pazienti con condizioni patologiche specifiche".

[Nota dell'editore: leggi di più sul rapporto IOM e su cosa ha detto a favore e contro la marijuana medica.]

2 giugno 1999 - L'Alaska rende obbligatoria l'iscrizione nel registro statale dei pazienti

"La legge 94 del Senato [dell'Alaska], entrata in vigore il 2 giugno 1999, impone a tutti i pazienti che richiedono protezione legale ai sensi di questa legge di iscriversi al registro statale dei pazienti e di possedere una carta d'identità valida. I pazienti non iscritti nel registro non saranno più in grado di sostenere la 'difesa affermativa della necessità medica' se vengono arrestati con l'accusa di marijuana."

National Organization for the Reform of Marijuana Laws (NORML) "Active State Medical Marijuana Programs", norml.org (consultato il 26 agosto 2010)

luglio 1999 - Marinol è passato al Programma III per aumentare la disponibilità per i pazienti

Imballaggio Marinol
Fonte: deamuseum.org (consultato il 29 dicembre 2011)

"Nel luglio 1999, in risposta a una petizione di riprogrammazione dell'Unimed, [Marinol] è stato spostato amministrativamente dalla DEA all'Allegato III per renderlo più ampiamente disponibile per i pazienti. La riprogrammazione è stata concessa dopo una revisione da parte della DEA e del Dipartimento della salute e dell'uomo. I servizi hanno trovato poche prove di abuso illecito della droga. Nella Tabella III, Marinol è ora soggetto a meno controlli normativi e sanzioni penali per uso illecito".

agosto 1999 - Health Canada annuncia finanziamenti per la ricerca medica sulla marijuana

"Nell'agosto 1999, Health Canada - l'equivalente del DHHS [Department of Health and Human Services] - ha annunciato il suo sostegno a un programma di ricerca medica sulla marijuana. L'agenzia canadese fornirà marijuana di qualità per la ricerca per studi approvati e fino a $ 1,5 milioni all'anno di finanziamenti fino al 2004."

Janet Joy, PhD Alison Mack Marijuana come medicina: oltre la controversia, 2001

2 novembre 1999 - Il Maine diventa il quinto stato a legalizzare la marijuana medica

Il Maine diventa il quinto stato a legalizzare la marijuana medica quando l'iniziativa elettorale Domanda 2 viene approvata con il 61% dei voti il ​​2 novembre 1999. La legge "fornisce una difesa semplice, il che significa che l'onere è sullo stato per dimostrare che un paziente l'uso o il possesso medico non era autorizzato dalla legge".

2000-2004

14 giugno 2000 - Le Hawaii diventano il sesto stato a legalizzare la marijuana medica

"Le Hawaii hanno aperto nuove strade nel 2000, quando sono diventate il primo stato a promulgare una legge per rimuovere le sanzioni penali per i consumatori di marijuana medica tramite un'assemblea legislativa statale. Il governatore delle Hawaii [Ben Cayetano].ha presentato il disegno di legge originale e ha firmato il provvedimento finale in legge il 14 giugno [2000]. "

Il disegno di legge 862 del Senato è stato approvato con 32-18 voti alla Camera e 13-12 al Senato, rendendo le Hawaii il sesto stato a legalizzare la marijuana medica".

7 novembre 2000 - Colorado e Nevada diventano il settimo e l'ottavo stato per legalizzare la marijuana medica

"Il 54% degli elettori [in Colorado] ha approvato l'emendamento 20 il 7 novembre 2000, che modifica la costituzione dello stato per riconoscere l'uso medico della marijuana. La legge è entrata in vigore il 1 giugno 2001. Rimuove le sanzioni penali a livello statale sull'uso, il possesso e la coltivazione di marijuana da parte di pazienti in possesso di documentazione scritta del proprio medico.La legge istituisce un registro statale riservato dei pazienti che rilascia carte d'identità ai pazienti idonei.

Il 65% degli elettori [in Nevada] ha approvato la Domanda 9 il 7 novembre 2000, che modifica la costituzione degli stati per riconoscere l'uso medico della marijuana. La legge è entrata in vigore il 1 ottobre 2001. La legge rimuove le sanzioni penali a livello statale sull'uso, il possesso e la coltivazione di marijuana da parte di pazienti che hanno una "documentazione scritta" del proprio medico. La legge istituisce un registro dei pazienti gestito dallo stato confidenziale che rilascia le carte d'identità ai pazienti idonei".

National Organization for the Reform of Marijuana Laws (NORML) "Active State Medical Marijuana Programs", norml.org (consultato il 26 agosto 2010)

[ Nota dell'editore: leggi di più sulle leggi sulla marijuana medica in Colorado e Nevada.]

14 maggio 2001 - La Corte Suprema stabilisce che "non vi è alcuna eccezione per necessità medica alla legge sulle sostanze controllate"

Logo della Cooperativa di Acquirenti di Cannabis di Oakland
Fonte: IndyBay.org, 12 luglio 2006

L'Oakland Cannabis Buyers' Cooperative, organizzata per distribuire marijuana a pazienti qualificati per scopi medici, è stata citata in giudizio dal governo degli Stati Uniti per costringere la Cooperativa a cessare le operazioni. Un tribunale distrettuale ha respinto la difesa della Cooperativa secondo cui la marijuana era necessaria dal punto di vista medico, ma il suo rifiuto è stato annullato dal Nono Circuito.

Il 14 maggio 2001, la Corte Suprema degli Stati Uniti stabilisce 8-0 che "non vi è alcuna eccezione per necessità medica ai divieti del Controlled Substances Act sulla produzione e distribuzione di marijuana".

1 ottobre 2001 - Modificata la legge sulla marijuana medica del Nevada per creare un registro di stato

Il Nevada crea un registro statale per i pazienti i cui medici raccomandano la marijuana medica e incarica il Dipartimento dei veicoli a motore di rilasciare carte d'identità. Secondo l'Assembly Bill 453, nessun denaro statale sarà utilizzato per il programma, che sarà finanziato interamente da donazioni.

gennaio 2002 - Solo uno studio su pazienti con IND rileva che la marijuana medica migliora la loro qualità di vita

Primo piano dei detriti di tre sigarette di cannabis NIDA
Fonte: Journal of Cannabis Therapeutics, gennaio 2002

L'unico studio condotto sul programma IND della FDA determina che "la cannabis NIDA viene spedita ai pazienti in contenitori metallici etichettati contenenti 300 sigarette e il materiale ha spesso due o più anni al momento del ricevimento. Un'attenta ispezione del contenuto delle sigarette di cannabis fornite dal NIDA rivela che si tratta di una rozza miscela di foglie con abbondanti componenti di stelo e seme".

Lo studio conclude che "il fumo di cannabis, anche di un prodotto grezzo e di bassa qualità, fornisce un efficace sollievo sintomatico del dolore, degli spasmi muscolari e dell'aumento della pressione intraoculare." e che "i pazienti clinici di cannabis sono in grado di ridurre o eliminare altri medicinali soggetti a prescrizione e gli effetti collaterali che li accompagnano".

Secondo lo studio, "la cannabis clinica fornisce una migliore qualità della vita in questi pazienti. Il profilo degli effetti collaterali della cannabis NIDA nell'uso cronico suggerisce un lieve rischio polmonare".

Gli autori dello studio raccomandano di riaprire il programma Compassionate IND o di modificare le leggi per consentire l'accesso alla cannabis clinica.

Ethan Russo, MD "Uso cronico di cannabis nel programma IND compassionevole", Journal of Cannabis Therapeutics, gennaio 2002

settembre 2002 - La Corte DC blocca la proposta di iniziativa sulla marijuana medica

"La proposta di legge per consentire la marijuana per scopi medici è stata... bloccata a Washington, DC. Nel settembre del 2002, una corte d'appello federale ha ribaltato, senza fornire alcuna motivazione, una precedente sentenza del tribunale che aveva spianato la strada all'esame di un'iniziativa sulla marijuana medica. dagli elettori in un'elezione. È interessante notare che questa era la seconda volta che la misura veniva bloccata a Washington. Nel 1998, gli elettori approvarono un'iniziativa sulla marijuana medica con un voto dal 69% al 31%, ma il Congresso impedì che la legge entrasse in vigore ."

Clayton James Mosher, PhD Scott Akins Droga e politica sulle droghe: il controllo dell'alterazione della coscienza, 2007

29 ottobre 2002 - Regole del tribunale in Conant contro Walters Quel governo non può revocare le licenze dei medici solo per aver raccomandato la marijuana medica

Dopo che la California ha legalizzato la marijuana medica nel 1996, il governo degli Stati Uniti ha minacciato di togliere le licenze mediche ai medici che raccomandavano l'uso della marijuana. Il 29 ottobre 2002, una sentenza 3-0 della Corte d'Appello del Nono Circuito degli Stati Uniti nel caso Conant v. Walters ha proibito "al governo federale di revocare la licenza di un medico per prescrivere sostanze controllate o di condurre un'indagine su un medico che potrebbe portare a tale revoca, in cui la base per l'azione del governo è esclusivamente la "raccomandazione" professionale del medico sull'uso della marijuana medica". La Corte Suprema degli Stati Uniti ha negato un ricorso, quindi i medici hanno mantenuto il diritto di discutere di marijuana con i loro pazienti.

[ Nota del redattore: La sentenza del Nono Circuito del 29 ottobre 2002 ha confermato l'ingiunzione permanente del 7 settembre 2000 emessa dalla Corte Distrettuale degli Stati Uniti per il Distretto Settentrionale della California, che aveva già emesso un'ingiunzione temporanea il 30 aprile 1997.]

23 luglio 2003 - La Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti respinge l'emendamento per fermare i raid federali sui pazienti di marijuana medica

"Oggi [23 luglio 2003] la Camera dei Rappresentanti ha respinto un emendamento volto a fermare i raid federali contro i pazienti che usano marijuana e le persone che gliela forniscono negli stati che riconoscono il farmaco come medicinale. Sponsorizzato dal rappresentante Maurice Hinchey (DN .Y.) e Dana Rohrabacher (R.-Calif.), l'emendamento avrebbe vietato al Dipartimento di Giustizia (che include la Drug Enforcement Administration) di spendere soldi per distruggere impianti, chiudere club o arrestare pazienti o fornitori.

L'emendamento è stato respinto con 273 voti favorevoli e 152 contrari, che è più vicino di quanto ci si potesse aspettare. Il voto a favore di una risoluzione della Camera del 1998 che condanna le leggi statali sulla marijuana medica è stato di 310 contro 93".

Jacob Sullum "Growing Outrage", Reason.com, 23 luglio 2003

26 agosto 2003 - Primo paziente canadese a ricevere marijuana coltivata dal governo

Jari Dvorak, con la sua prima fornitura di marijuana medica coltivata dal governo canadese.
Fonte: LJWorld.com, 27 agosto 2003

Il 26 agosto 2003, il malato di HIV canadese Jari Dvorak, 62 anni, diventa il primo paziente canadese a ricevere marijuana coltivata dal governo. Il programma è in risposta a un'ordinanza del tribunale dell'Ontario affinché il governo canadese metta a disposizione dei pazienti autorizzati una fornitura legale di marijuana.

È "uno delle diverse centinaia di canadesi autorizzati a usare marijuana medica per il dolore, la nausea e altri sintomi di malattie catastrofiche o croniche". I pazienti qualificati vengono approvati da Health Canada e la marijuana viene distribuita tramite i medici dei pazienti.

Associated Press (AP) "Il Canada distribuisce marijuana medica", MSNBC.com, 23 agosto 2003

1 settembre 2003 - Le farmacie olandesi forniranno marijuana medica

"Più di 2.000 farmacie nei Paesi Bassi sono obbligate per legge da oggi [1 settembre 2003] a immagazzinare cannabis medica e a fornire consigli agli utenti sui meriti della preparazione della miscela di parti essiccate della pianta di canapa come un tè. Sono anche dovrebbe fornire istruzioni su come sballarsi usandolo in combinazione con un inalatore".

Isabel Conway "La marijuana medica va in vendita nelle farmacie olandesi" L'indipendente, 1 settembre 2003

7 ottobre 2003 - Il governo degli Stati Uniti riceve il brevetto sui cannabinoidi

Il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti riceve un brevetto (US 6.630.507 B1) per l'uso terapeutico dei "cannabinoidi come antiossidanti e neuroprotettori".

L'abstract dice in parte: "Si è scoperto che i cannabinoidi hanno proprietà antiossidanti. Si è scoperto che i cannabinoidi hanno un'applicazione particolare come neuroprotettori nel trattamento di malattie neurodegenerative come il morbo di Alzheimer".

2004 - Il Regno Unito sposta la cannabis in classe C, con penalità inferiori

Nel 2004, il ministro degli Interni britannico David Blunkett approva la riclassificazione della cannabis dalla Classe B (che era stata fin dal Misuse of Drugs Act del 1971) alla Classe C, che comporta sanzioni inferiori per il possesso. La decisione si basa in parte sul parere dell'Advisory Council on the Misuse of Drugs (ACMD).

British Broadcasting Corporation (BBC) "Dibattito sulla classificazione della cannabis", sito web della BBC, 31 ottobre 2009

1 gennaio 2004 - La California pone limiti al possesso di marijuana medica

La legge sulla marijuana medica della California è emendata dal Senate Bill 420. Il disegno di legge richiede al Dipartimento dei servizi sanitari di Stato di "stabilire e mantenere un programma volontario per il rilascio di carte d'identità a pazienti qualificati". Crea limiti di possesso di "non più di otto once di marijuana essiccata per paziente qualificato" e "non più di sei piante di marijuana mature o 12 immature per paziente qualificato".

SB 420 afferma inoltre che i pazienti e gli operatori sanitari qualificati "che si associano all'interno dello Stato della California al fine di coltivare in modo collettivo o cooperativo marijuana per scopi medici, non solo sulla base di tale fatto sono soggetti a sanzioni penali statali".

5 agosto 2004 - La DEA incarica HHS di rivedere la marijuana per una possibile riprogrammazione

"La Drug Enforcement Administration (DEA) questa settimana ha incaricato il Dipartimento della salute e dei servizi umani (HHS) degli Stati Uniti di condurre una valutazione scientifica e medica della marijuana come parte di una rivalutazione della sua programmazione ai sensi della legge federale sulle sostanze controllate.

La richiesta della DEA è in risposta a una petizione amministrativa presentata da una coalizione di organizzazioni per la riforma della legge sulla salute e sulla droga nell'ottobre 2002 per riclassificare la marijuana in modo che i medici possano prescriverla legalmente per scopi medicinali".

2 novembre 2004 - Il Montana diventa il decimo stato a legalizzare la marijuana medica

"Il 62% degli elettori [in Montana] ha approvato l'Iniziativa 148 il 2 novembre 2004. La legge è entrata in vigore lo stesso giorno. Elimina le sanzioni penali a livello statale sull'uso, il possesso e la coltivazione di marijuana da parte di pazienti in possesso di documentazione scritta. dai loro medici che autorizzano l'uso medico della marijuana. La legge istituisce un registro statale riservato dei pazienti che rilascia le carte d'identità ai pazienti idonei".

National Organization for the Reform of Marijuana Laws (NORML) "Active State Medical Marijuana Programs", norml.org (consultato il 26 agosto 2010)

18 dicembre 2004 - Il sondaggio AARP rileva che il 72% degli anziani sostiene la marijuana medica

Quasi tre quarti degli americani di mezza età e più anziani sostengono la legalizzazione della marijuana per uso medico, secondo un sondaggio realizzato per AARP.

Tra i 1.706 adulti di età pari o superiore a 45 anni che sono stati intervistati a novembre, le opinioni variavano lungo linee regionali e generazionali e tra il 30% degli intervistati che ha affermato di aver fumato marijuana. I membri dell'AARP rappresentavano il 37% degli intervistati.

Complessivamente, il 72% degli intervistati ha convenuto che "gli adulti dovrebbero essere autorizzati a usare legalmente la marijuana per scopi medici se un medico lo consiglia".

Associated Press (AP) "Il sondaggio dell'AARP mostra il maggior supporto per la legalizzazione della marijuana medicinale", nytimes.com, 19 dicembre 2004

26 maggio 2004 - Il Vermont diventa il nono stato a legalizzare la marijuana medica

Il Vermont diventa il nono stato a legalizzare la marijuana medica quando il governatore James Douglas consente che "Atto relativo all'uso di marijuana da parte di persone con gravi malattie" venga convertito in legge non firmato. "La legge rimuove le sanzioni penali a livello statale sull'uso, il possesso e la coltivazione di marijuana da parte di pazienti a cui è stata diagnosticata una "condizione medica debilitante". le disposizioni sull'uso nel Vermont non includono disposizioni sulla reciprocità che proteggono i visitatori da altri stati di uso medico."

2005-2009

6 giugno 2005 - La Corte Suprema degli Stati Uniti stabilisce che il Congresso può vietare l'uso di marijuana in Gonzalez contro Raich

"La legge della California [1996 sulla marijuana medica] era in conflitto con il Federal Controlled Substances Act (CSA), che vietava il possesso di marijuana. Dopo che la Drug Enforcement Administration (DEA) ha sequestrato marijuana prescritta dal medico dalla casa di un paziente, un gruppo di consumatori di marijuana medica ha fatto causa la DEA e il procuratore generale degli Stati Uniti John Ashcroft presso la corte distrettuale federale [Gonzalez v. Raich, fascicolo n° 03-1454]

I consumatori di marijuana medica hanno sostenuto che il Controlled Substances Act - che il Congresso ha approvato usando il suo potere costituzionale di regolare il commercio interstatale - ha superato il potere della clausola commerciale del Congresso. La corte distrettuale si è pronunciata contro il gruppo. La Corte d'Appello del Nono Circuito ha ribaltato e dichiarato incostituzionale il CSA. il Nono Circuito stabilì che l'uso di marijuana medica non "influiva sostanzialmente" sul commercio interstatale e quindi non poteva essere regolato dal Congresso.

In un parere 6-3 espresso dal giudice John Paul Stevens [il 6 giugno 2005], la Corte ha ritenuto che la clausola sul commercio conferisse al Congresso l'autorità di vietare la coltivazione e l'uso locali di marijuana, nonostante la legge statale contraria.

La maggioranza ha sostenuto che il Congresso potrebbe vietare l'uso locale di marijuana".

8 luglio - 18 luglio 2005 - La California sospende e riprende il programma di carte d'identità per la marijuana medica

La California sospende il suo programma di carte d'identità per la marijuana medica il 5 giugno 2005 a seguito di una sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti che il possesso e la coltivazione di marijuana è un reato federale punibile nel caso Angel v. Raich.

Il programma viene ripristinato dieci giorni dopo, dopo che una revisione da parte del procuratore generale dello stato ha rilevato che i dipendenti statali non potevano essere perseguiti per favoreggiamento o favoreggiamento della violazione di un reato mediante il rilascio delle carte d'identità.

Associated Press (AP) "Lo stato riprende il programma di carte d'identità per la marijuana medica", 19 luglio 2005

12 dicembre 2005 - Gli agenti federali eseguono raid diffusi nei dispensari di marijuana medica in California

Gli agenti della DEA hanno sequestrato marijuana durante i raid del 12 dicembre 2005.
Fonte: Associated Press/Ben Margot

"[Il 12 dicembre 2005] [f]ederal e agenti delle forze dell'ordine locali hanno condotto lunedì quello che gli attivisti hanno definito il raid più diffuso nei dispensari di marijuana medica in tutta la California.

Agenti della Drug Enforcement Administration e due agenzie di polizia della zona hanno fatto irruzione in 11 dispensari di marijuana a San Diego e due a San Marcos, interrogando dipendenti e clienti e portando via documenti. Gli agenti hanno anche sequestrato una quantità sconosciuta di marijuana.

Non sono stati effettuati arresti. Le autorità hanno affermato che l'indagine mirava a determinare la quantità di marijuana venduta e chi la forniva".

Los Angeles Times "Authorities Raid 11 Medical Pot Suppliers", latimes.com, 13 dicembre 2005

1 gennaio 2006 - Modificata la legge sulla marijuana medica dell'Oregon per escludere la difesa affermativa per il superamento dei limiti di possesso

Il 1° gennaio 2006, il Senato Bill 1085 entra in vigore in Oregon come emendamento alla legge statale sulla marijuana medica. I pazienti qualificati che possiedono cannabis in quantità superiori alle linee guida statali di 24 once di marijuana utilizzabile e 24 piante (18 immature, 6 mature) non manterranno più la capacità di sostenere una "difesa affermativa" della necessità medica al processo. I pazienti che non si registrano presso lo stato, ma che possiedono cannabis medica in quantità conformi alla legge statale, conservano comunque la possibilità di sollevare una "difesa affermativa" al processo.

La legge ridefinisce anche le "piante mature" per includere solo quelle piante di cannabis che superano i 12 pollici di altezza e diametro e istituisce un registro di stato per coloro che sono autorizzati a produrre cannabis medica per pazienti qualificati.

3 gennaio 2006 - Il Rhode Island diventa l'undicesimo stato per legalizzare la marijuana medica dopo che la legislatura ha annullato il veto del governatore

La legge 0710 del Senato del Rhode Island (l'Edward O. Hawkins e Thomas C. Slater Medical Marijuana Act) entra in vigore immediatamente dopo il passaggio il 3 gennaio 2006. La legge rimuove le sanzioni penali a livello statale sull'uso, il possesso e la coltivazione di marijuana da parte di pazienti in possesso di “certificazione scritta” del proprio medico curante. [e] istituisce un registro dei pazienti gestito dallo stato, obbligatorio e confidenziale, che rilascia le carte d'identità ai pazienti idonei. Il disegno di legge è stato approvato dalla Camera 52-10 il 24 giugno 2005 e dal Senato 33-1 il 28 giugno 2005. Il 29 giugno 2005, il Governatore Carcieri ha posto il veto al disegno di legge. Il Senato ha annullato il veto il 30 giugno 2005 (28-6) e la Camera ha annullato il veto il 3 gennaio 2006 (59-13), a quel punto la legge è entrata in vigore.

National Organization for the Reform of Marijuana Laws (NORML) "Active State Medical Marijuana Programs", norml.org (consultato il 26 agosto 2010)
Rapporto sullo stato legislativo: Bills 600-899, sito web della legislatura del Rhode Island (accessibile il 26 agosto 2010)

16 marzo 2006 - DEA busti produttori di caramelle alla marijuana

I prodotti di caramelle alla marijuana sequestrati dalla DEA includevano Puff-A-Mint Pattie e KeefKat.
Fonte: deamuseum.org (consultato il 29 dicembre 2011)

"Il 16 marzo 2006, la DEA ha arrestato 12 persone con l'accusa di distribuzione di marijuana. A seguito delle perquisizioni nell'area della Baia di San Francisco condotte al momento degli arresti, le forze dell'ordine hanno sequestrato quattro sofisticate coltivazioni di marijuana indoor, migliaia di piante di marijuana , una grande quantità di valuta statunitense, due armi semiautomatiche, un revolver e centinaia di caramelle e bibite.Questa indagine è iniziata nell'ottobre 2005, quando la DEA ha ottenuto informazioni che Beyond Bomb, un produttore di caramelle alla marijuana in Oakland, in California, era in funzione.Le caramelle alla marijuana e altri edibili prodotti dall'azienda imitavano il nome e l'aspetto di caramelle e prodotti di marca ben noti, come Stoney Ranchers, Munchy Way, Rasta Reece's. Buddafingers e Pot Tarts ."

US Drug Enforcement Administration (DEA) "A History of the DEA: 2003-2008", deamuseum.org, 1 gennaio 2010

Bruce Margolin, direttore del NORML di Los Angeles - Organizzazione nazionale per la riforma delle leggi sulla marijuana - ha definito gli arresti aggressivi e "non necessari".

"Ci sono molte persone che dipendono [dai prodotti a base di marijuana] per la loro salute, sicurezza e benessere", ha detto. "Cosa vogliono che comprino per strada?"

Los Angeles Times "12 accusati di produrre caramelle alla marijuana, soda", latimes.com, Ma. 18, 2006

20 aprile 2006 - La FDA conferma l'opposizione alla marijuana affumicata per scopi medici

Il 20 aprile 2006, la FDA ha rilasciato una dichiarazione intitolata "Consulenza inter-agenzia in merito alle affermazioni che la marijuana fumata è un medicinale". La FDA afferma che "attualmente ci sono solide prove che la marijuana fumata sia dannosa. Una valutazione passata da diverse agenzie del Dipartimento della salute e dei servizi umani (HHS) ha concluso che nessuno studio scientifico valido ha sostenuto l'uso medico della marijuana per il trattamento negli Stati Uniti, e nessun dato animale o umano ha supportato la sicurezza o l'efficacia della marijuana per uso medico generale.

La FDA, in quanto agenzia federale responsabile della revisione della sicurezza e dell'efficacia dei farmaci, la DEA in quanto agenzia federale incaricata di far rispettare il CSA, e l'Office of National Drug Control Policy, in qualità di coordinatore federale della politica di controllo dei farmaci, non supportano l'uso di marijuana fumata per scopi medici."

21 giugno 2006 - La Chiesa Presbiteriana approva la risoluzione per sostenere la marijuana medica

Simbolo Presbiteriano
Fonte: oga.pcusa.org (consultato il 20 dicembre 2011)

Il 21 giugno 2006, l'Assemblea Generale della Chiesa Presbiteriana (USA) ha votato a favore dell'accesso alla marijuana medica per le persone che hanno la raccomandazione di un medico.

"Questa risoluzione dichiara il sostegno all'uso medicinale della cannabis sativa (nota anche come marijuana) e ordina alla Chiesa presbiteriana (USA) di sollecitare attivamente il governo federale a modificare e adottare tali leggi che consentano i benefici del trattamento con marijuana per tali malattie come cancro, AIDS e distrofia muscolare".

Chiesa presbiteriana "Verbali: 217a Assemblea Generale", oga.pcusa.org, 2006

12 febbraio 2007 - Il giudice di diritto amministrativo della DEA raccomanda di consentire la ricerca di una nuova fonte di marijuana

Mary Ellen Bittner, un giudice di diritto amministrativo della DEA, emette una sentenza non vincolante del 12 febbraio 2007 che autorizza Lyle E. Craker, PhD, a coltivare marijuana per la ricerca medica presso l'Università del Massachusetts. La sentenza afferma che "attualmente c'è una fornitura inadeguata di marijuana disponibile per scopi di ricerca. Raccomando che la domanda del convenuto venga accolta".

13 marzo 2007 - Il New Mexico diventa il 12° Stato per legalizzare la marijuana medica

La legge 523 del Senato del New Mexico "The Lynn and Erin Compassionate Use Act" è stata approvata dalla Camera (36-31) e dal Senato (32-3) il 13 marzo 2007 ed entrerà in vigore il 1 luglio 2007. La legge rimuove le sanzioni penali a livello statale sull'uso e il possesso di marijuana da parte dei pazienti "in un sistema regolamentato per alleviare i sintomi causati da condizioni mediche debilitanti e dai loro trattamenti medici". Il Dipartimento della Salute del New Mexico è designato per amministrare il programma e registrare pazienti, operatori sanitari e fornitori.

Senato Bill 523 (71 KB), 13 marzo 2007
"Sessione regolare 2007: SB 523", nmlegis.gov (consultato il 14 dicembre 2011)

15 febbraio 2008 - Il secondo gruppo di medici più grande della nazione chiede la riclassificazione della marijuana e sostiene le forme non fumate di marijuana medica

In un documento pubblicato il 15 febbraio 2008, l'American College of Physicians (ACP) ha dichiarato il suo sostegno all'uso di forme non fumate di THC, alla ricerca sui benefici della marijuana medica, alla revisione della programmazione federale della marijuana e all'esenzione dal procedimento penale.

" Posizione 1: ACP sostiene programmi e finanziamenti per una rigorosa valutazione scientifica dei potenziali benefici terapeutici della marijuana medica e la pubblicazione di tali risultati. Posizione 1a: ACP sostiene una maggiore ricerca per le condizioni in cui è stata stabilita l'efficacia della marijuana per determinare il dosaggio ottimale e via di somministrazione Posizione 1b: La ricerca sulla marijuana medica non dovrebbe concentrarsi solo sulla determinazione dell'efficacia e della sicurezza del farmaco, ma anche sulla determinazione dell'efficacia rispetto ad altri trattamenti disponibili.

Posizione 2: ACP incoraggia l'uso di forme non fumate di THC che hanno dimostrato un valore terapeutico.

Posizione 3: l'ACP sostiene l'attuale processo per ottenere cannabis di livello federale per la ricerca.

Posizione 4: ACP sollecita la revisione dello stato della marijuana come sostanza controllata da un programma I e la sua riclassificazione in un programma più appropriato, date le prove scientifiche relative alla sicurezza e all'efficacia della marijuana in alcune condizioni cliniche.

Posizione 5: l'ACP sostiene fermamente l'esenzione dalla responsabilità civile dell'azione penale federale o dalle sanzioni professionali, come la perdita della licenza o delle credenziali, per i medici che prescrivono o dispensano marijuana medica in conformità con la legge statale. Allo stesso modo, l'ACP sollecita fortemente la protezione da sanzioni penali o civili per i pazienti che usano marijuana medica come consentito dalle leggi statali".

maggio 2008 - La cannabis è tornata in classe B nel Regno Unito

Il governo del Regno Unito ha annunciato nel maggio 2008 che sta riclassificando la cannabis dalla Classe C alla sua Classe B originale. Le sanzioni per il possesso di droghe di Classe B includono fino a cinque anni di carcere, più della pena di due anni per le droghe di Classe C. La riclassificazione va contro il parere dell'Advisory Council on the Misuse of Drugs (ACMD).

British Broadcasting Corporation (BBC) "Debate Over Cannabis Classification", sito web della BBC 31 ottobre 2009

22 maggio 2008 - La Corte della California stabilisce che i limiti di possesso della marijuana medica sono incostituzionali

"La Corte d'Appello del Secondo Distretto della California ha stabilito [3-0 il 22 maggio 2008] che i limiti statali al possesso e alla coltivazione di marijuana medica stabiliti dalla legge statale SB 420 sono incostituzionali.

Nel caso People v. Patrick Kelly, la corte ha annullato la condanna dell'imputato per possesso di 12 once di piante di marijuana essiccate sulla base del fatto che il pubblico ministero aveva impropriamente sostenuto che l'imputato era colpevole perché possedeva più del limite di 8 once stabilito in Health & Codice di sicurezza Sez. 11362.77 e non aveva una raccomandazione del medico che autorizzasse di più.

L'ufficio del procuratore generale ha annunciato che avrebbe impugnato la sentenza Kelly".

25 agosto 2008 - Il procuratore generale della California pubblica le linee guida statali per la marijuana medica

L'ex procuratore generale della California Jerry Brown.
Fonte: AP Photo, LAist.com, 26 luglio 2010

Il 25 agosto 2008, l'allora procuratore generale della California Jerry Brown emette linee guida per le forze dell'ordine e per i pazienti con marijuana medica per chiarire le leggi dello stato.

Il documento non vincolante di 11 pagine afferma: "Alla luce della decisione della California di rimuovere l'uso e la coltivazione della marijuana raccomandata dai medici dall'ambito delle leggi statali sulla droga, questo Ufficio raccomanda che le forze dell'ordine statali e locali non arrestino individui o sequestrino marijuana secondo la legge federale quando l'ufficiale determina dai fatti disponibili che la coltivazione, il possesso o il trasporto sono consentiti dalle leggi sulla marijuana medica della California."

settembre 2008 - Trovati due chili di cannabis sepolti in una tomba cinese di 2.700 anni

Tomba M90 delle Tombe Yanghai, in cui è stata trovata cannabis di 2.700 anni fa.
Fonte: ScienceBlogs.com, 28 marzo 2009

"Le tombe Yanghai vicino a Turpan, nella regione autonoma dello Xinjiang-Uighur, in Cina, sono state recentemente scavate per rivelare la tomba di 2700 anni di uno sciamano caucasico il cui corredo includeva una grande scorta [789 grammi, o circa due libbre] di cannabis.

La cannabis era presumibilmente impiegata da questa cultura come agente medicinale o psicoattivo, o come aiuto alla divinazione. A nostra conoscenza, queste indagini forniscono la più antica documentazione della cannabis come agente farmacologicamente attivo e contribuiscono alla documentazione medica e archeologica di questa cultura pre-Via della Seta".

Ethan Russo, MD "Analisi fitochimiche e genetiche della cannabis antica dall'Asia centrale", Giornale di Botanica Sperimentale, settembre 2008

4 novembre 2008 - Il Michigan diventa il 13° Stato per legalizzare la marijuana medica

"Il 63% degli elettori ha approvato la Proposta 1 il 4 novembre 2008. La legge è entrata in vigore il 4 dicembre 2008. Elimina le sanzioni penali a livello statale sull'uso, il possesso e la coltivazione di marijuana da parte di pazienti in possesso di documentazione scritta dal loro medici che autorizzano l'uso medico della marijuana".

National Organization for the Reform of Marijuana Laws (NORML) "Active State Medical Marijuana Programs", norml.org (consultato il 7 giugno 2011)

12 gennaio 2009 - La DEA respinge la sentenza del giudice per consentire la ricerca di una nuova fonte di marijuana

La DEA respinge la raccomandazione del 12 febbraio 2007 del giudice di diritto amministrativo Mary Ellen Bittner di consentire al professor Lyle Craker di coltivare marijuana per scopi di ricerca presso l'Università del Massachusetts. La DEA afferma che l'attuale fornitura di marijuana per la ricerca è "adeguata e ininterrotta".

Bina Venkataraman, MPP "La DEA rifiuta la richiesta di massa di coltivare marijuana medica" Boston Globe, 12 gennaio 2009

25 febbraio 2009 - Il procuratore generale degli Stati Uniti afferma che le incursioni nelle cliniche di marijuana medica non continueranno

Protestante al raid della DEA nel dispensario di marijuana medica a Hollywood, CA.
Fonte: Shay Sowden, LAist.com, 25 luglio 2007

Alex Johnson "DEA per fermare i raid medici alla marijuana", msnbc.com, 27 febbraio 2009

19 ottobre 2009 - Il procuratore generale degli Stati Uniti annuncia che il Dipartimento di giustizia non darà priorità al perseguimento dei pazienti legali di marijuana medica

Il 19 ottobre 2009 il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti (DOJ) ha emesso un memorandum, noto in seguito come il memorandum di Ogden, per "fornire chiarimenti e indicazioni ai pubblici ministeri federali negli Stati che hanno emanato leggi che autorizzano l'uso medico della marijuana".

Nel tentativo di fare un uso più efficiente delle risorse limitate, il Dipartimento di Giustizia ha annunciato che le priorità dei pubblici ministeri non dovrebbero colpire "individui le cui azioni sono in conformità chiara e inequivocabile con le leggi statali esistenti che prevedono l'uso medico della marijuana". In particolare, le persone con cancro o altre malattie gravi che usano marijuana medica e gli operatori sanitari che forniscono la marijuana medica in conformità con la legge statale non dovrebbero essere al centro dell'azione penale federale.

La nota ha chiarito che "il perseguimento delle imprese commerciali che commercializzano e vendono illegalmente marijuana a scopo di lucro continua a essere una priorità dell'applicazione". Viene anche affermato esplicitamente che il memo "non "legalizza" la marijuana né fornisce una difesa legale a una violazione della legge federale".

3 novembre 2009 - La legge sulla marijuana medica del Maine è stata modificata per provvedere ai dispensari

"Il Maine ha consentito la prescrizione e il possesso limitato di marijuana medica dal 1999, ma la legge non disponeva di alcun meccanismo di distribuzione e sono sorte questioni di non conformità con la legge federale e di come i pazienti potessero ottenere legalmente la marijuana prescritta. Il 3 novembre 2009 gli elettori del Maine hanno approvato la domanda 5 , che ha promulgato il disegno di legge promosso dai cittadini, "Un atto per stabilire il Maine Medical Marijuana Act".

Il Maine è il quinto stato a fornire dispensari di marijuana medica per persone con condizioni mediche debilitanti e croniche. Questi dispensari senza scopo di lucro saranno autorizzati e regolamentati dal Dipartimento della salute e dei servizi umani del Maine".

10 novembre 2009 - AMA ammorbidisce la posizione sulla programmazione della marijuana

L'American Medical Association ammorbidisce la sua posizione sulla marijuana medica in una dichiarazione politica rilasciata il 10 novembre 2009. La dichiarazione recitava in parte: "Il nostro AMA esorta a rivedere lo stato della marijuana come sostanza controllata dalla Tabella I federale con l'obiettivo di facilitare la condotta di ricerca clinica e sviluppo di medicinali a base di cannabinoidi e metodi di somministrazione alternativi. Ciò non dovrebbe essere visto come un'approvazione dei programmi statali di cannabis medica, la legalizzazione della marijuana o che le prove scientifiche sull'uso terapeutico della cannabis soddisfino l'attuale standard per un prodotto farmaceutico soggetto a prescrizione".

Prima della posizione del 10 novembre 2009 citata sopra, l'AMA aveva raccomandato che la marijuana fosse conservata nell'Allegato I della Legge sulle sostanze controllate in attesa dell'esito di ulteriori studi.

[ Nota dell'editore: Lisa Lecas del dipartimento Relazioni con i media di AMA ha inviato un'e-mail del 12 novembre 2009 a ProCon.org con la seguente dichiarazione che spiega il cambiamento di politica:

"Per aiutare a facilitare la ricerca scientifica e lo sviluppo di farmaci a base di cannabionoidi, l'AMA ha adottato una nuova politica che esorta il governo federale a rivedere lo stato della marijuana come sostanza della Tabella I. Nonostante più di 30 anni di ricerca clinica, solo un piccolo numero di sono stati condotti studi controllati sulla cannabis fumata.

L'approvazione federale del farmaco viene ottenuta dopo un'adeguata revisione scientifica e normativa per stabilire la sicurezza e l'efficacia. La natura limitata di rigorosi studi scientifici sull'uso terapeutico della cannabis non è sufficiente per soddisfare gli standard attuali per un farmaco soggetto a prescrizione."]

2010-2015

11 gennaio 2010 - Il New Jersey diventa il 14° Stato per legalizzare la marijuana medica

"Lunedì [11 gennaio 2011] la legislatura del New Jersey ha approvato una misura che renderebbe lo stato il 14° della nazione per legalizzare l'uso della marijuana per aiutare i pazienti con malattie croniche.

La misura - che consentirebbe ai pazienti con diagnosi di malattie gravi come cancro, AIDS, morbo di Lou Gehrig, distrofia muscolare e sclerosi multipla di avere accesso alla marijuana coltivata e distribuita attraverso dispensari monitorati dallo stato - è stata approvata dall'Assemblea Generale e dal Senato dello Stato il ultimo giorno della sessione legislativa. Il governatore Jon S. Corzine ha detto che lo firmerà come legge prima di lasciare l'incarico martedì prossimo".

David Kocieniewski, MS "Il voto del New Jersey sostiene la marijuana per i malati gravi" New York Times, 11 gennaio 2011

21 gennaio 2010 - La Corte Suprema della California afferma che i limiti di possesso sono incostituzionali

Il 21 gennaio 2010, la Corte Suprema della California afferma 7-0 la sentenza della Seconda Corte d'Appello distrettuale del 22 maggio 2008 in People v. Kelly. La sentenza originale era che i limiti di possesso fissati da SB 420 violano la costituzione della California perché la Prop. 215 approvata dagli elettori può essere modificata solo dagli elettori.

"Concludiamo come segue: nella misura in cui la sezione 11362.77 (insieme ai suoi limiti quantitativi) emenda in modo inammissibile la CUA gravando su una difesa che sarebbe disponibile ai sensi di tale statuto di iniziativa, la sezione 11362.77 non è valida ai sensi dell'articolo II, sezione 10, suddivisione della Costituzione della California (C)."

17 febbraio 2010 - Il Board of Pharmacy dell'Iowa raccomanda la riprogrammazione della marijuana

"Il Board of Pharmacy dell'Iowa ha emesso oggi una raccomandazione secondo cui la legislatura dell'Iowa riclassifica la marijuana dall'elenco I dell'Iowa Controlled Substances Act all'elenco II della legge. Un farmaco dell'elenco II include stupefacenti con un alto potenziale di abuso ma con farmaci attualmente accettati. utilizzare nel trattamento."

1 aprile 2010 - Washington amplia l'elenco dei professionisti medici autorizzati a raccomandare la marijuana medica

Il governatore di Washington Christine Gregoire dopo aver firmato un disegno di legge (non relativo alla marijuana medica) il 13 febbraio 2012.
Fonte: nbcnews.com

"Più professionisti medici potranno autorizzare l'uso di marijuana medica per pazienti qualificati in base a una misura firmata dal governatore Chris Gregoire.

Gregoire ha firmato il disegno di legge giovedì [apr. 1, 2010] ed entra in vigore il 10 giugno.

Aggiunge assistenti medici, naturopati, infermieri professionali avanzati e altri all'elenco di coloro che possono raccomandare ufficialmente la marijuana ai pazienti secondo la legge statale sulla marijuana medica.

Secondo la legge precedente, solo i medici potevano scrivere la raccomandazione.

La misura sulla marijuana medica è il Senato Bill 5798."

Associated Press (AP) "Il governatore di WA consente di più per OK Medical Marijuana," Seattle Times, 1 aprile 2010

4 giugno 2010 - Regole del giudice contro i dispensari di marijuana di Los Angeles

Il giudice della Corte Superiore della contea di Los Angeles James C. Chalfant ha aperto la strada all'entrata in vigore dell'ordinanza negando più di una dozzina di richieste di un ordine restrittivo temporaneo per impedire alla città di far rispettare la legge, che costringerebbe più di 400 negozi a chiudere le loro porte.

Victoria Kim "Il giudice apre la strada a Los Angeles per iniziare la repressione del dispensario di marijuana", latimes.com, 5 giugno 2010

7 giugno 2010 - Il Colorado aumenta la supervisione dei dispensari di marijuana medica e le raccomandazioni dei medici

La legge sulla marijuana medica del Colorado viene modificata dalla House Bill 1284 e dal Senato Bill 109

Il governatore del Colorado Bill Ritter ha firmato i progetti di legge e ha dichiarato quanto segue in un comunicato stampa del 7 giugno 2010:

"House Bill 1284 fornisce un quadro normativo per i dispensari, inclusa la possibilità per le comunità locali di vietare o porre controlli sensati e tanto necessari sul funzionamento, l'ubicazione e la proprietà di questi stabilimenti.

Il Senato Bill 109 aiuterà a prevenire frodi e abusi, garantendo che i medici che autorizzano la marijuana medica per i loro pazienti effettuino effettivamente un esame fisico, non abbiano una bandiera DEA sulla loro licenza medica e non abbiano una relazione finanziaria con un dispensario".

"Comunicato stampa: rafforza la supervisione medica sulla marijuana", Ufficio del governatore Bill Ritter, Jr., 7 giugno 2010

27 luglio 2010 - Il Dipartimento degli affari dei veterani degli Stati Uniti allenta le regole sulla marijuana per i veterinari

Targa all'ingresso del Department of Veterans Affairs.
Fonte: blogs.va.gov, 5 novembre 2010

Il 22 luglio 2010 il Dipartimento per gli affari dei veterani degli Stati Uniti ha pubblicato una direttiva della Veterans Health Administration (VHA) (15 KB) in cui si afferma che i veterani che partecipano a programmi legali di marijuana medica non saranno più squalificati da "programmi di abuso di sostanze, programmi di controllo del dolore, o altri programmi clinici."

"Direttiva VHA 2010-035" (15 KB), sito web del Department of Veterans Affairs, 22 luglio 2010

27 luglio 2010 - La marijuana medica diventa legale in DC

"La marijuana medica è ora legale [dal 27 luglio 2010] nel Distretto dopo che il Congresso controllato dai Democratici ha rifiutato di annullare un disegno di legge del Consiglio DC che consente alla città di istituire fino a otto dispensari dove i pazienti affetti da malattie croniche possono acquistare il farmaco .

Sebbene il disegno di legge abbia ora approvato il Congresso, i pazienti dovranno probabilmente aspettare almeno diversi mesi prima di poter ottenere il farmaco da un dispensario autorizzato dalla città.

La legge consente ai pazienti con cancro, glaucoma, HIV/AIDS e altri disturbi cronici di possedere fino a quattro once di farmaco.

La legge limita una lotta durata anni per agire su un referendum del 1998 in cui il 69 percento dei residenti del distretto ha votato per consentire la marijuana medica.Fino all'anno scorso, il Congresso ha bloccato la città dall'emanare il referendum".

Tim Craig "La marijuana medica ora è legale" Washington Post, 27 luglio 2010

2 novembre 2010 - Gli elettori del Sud Dakota rifiutano la misura medica sulla marijuana

Il 2 novembre 2010 gli elettori del South Dakota hanno respinto la Misura 13, che cercava di legalizzare la marijuana medica per le persone che soffrono di condizioni mediche debilitanti, dal 63% al 37%. Quattro anni prima una misura simile era stata bocciata con un margine dal 52 percento al 48 percento.

Lynn Taylor Rick Lynn Taylor Rick "Gli elettori del South Dakota dicono no alla marijuana medica" Rapid City Journal, 3 novembre 2010

2 novembre 2010 - L'Arizona diventa il quindicesimo stato per legalizzare la marijuana medica

L'Arizona diventa il quindicesimo stato a legalizzare la marijuana medica quando la Proposition 203, l'Arizona Medical Marijuana Act, passa con un margine di 4.341 voti su 1.678.351 voti espressi nelle elezioni del 2 novembre 2010.

La legge consente ai pazienti qualificati registrati di ottenere marijuana da un dispensario senza scopo di lucro registrato e di possedere e utilizzare marijuana medica per curare la condizione.

Michelle Ye Hee Lee "Gli elettori dell'Arizona hanno approvato la misura della marijuana medica" Repubblica dell'Arizona, 13 novembre 2010

1 marzo 2011 - La DEA inserisce cinque cannabinoidi sintetici nell'elenco I, citando un "pericolo imminente"

Confezione di Spice, un cannabinoide sintetico.
Fonte: themudflats.net, 26 febbraio 2011

"L'amministratore della Drug Enforcement Administration (DEA) sta emettendo questo ordine finale [1 marzo 2011] per inserire temporaneamente cinque cannabinoidi sintetici nel Controlled Substances Act (CSA) ai sensi delle disposizioni di pianificazione temporanea. Questa azione si basa su un constatando dall'Amministratore che l'inserimento di questi cannabinoidi sintetici nell'Allegato I del CSA è necessario per evitare un pericolo imminente per la sicurezza pubblica.

La popolarità di questi cannabinoidi sintetici simili al THC è notevolmente aumentata negli Stati Uniti e vengono abusati per le loro proprietà psicoattive come riportato dalle forze dell'ordine, dalla comunità medica e dalla letteratura scientifica.

Alcuni dei nomi dei prodotti includono, ma non sono limitati a, "Spice", "K2" e molti altri".

13 maggio 2011 - Il Delaware diventa il 16° Stato per legalizzare la marijuana medica

Il Delaware diventa il sedicesimo stato a legalizzare la marijuana medica quando il governatore Jack Markell (D) ha firmato la legge SB 17 il 13 maggio 2011. La legge consente agli adulti del Delaware con determinate condizioni debilitanti di possedere fino a sei once di marijuana con la raccomandazione di un medico.

Doug Denison "Il governatore Jack Markell firma un disegno di legge sulla marijuana medica", Posta di Dover, 16 maggio 2011

23 marzo - 16 maggio 2011 - Gli avvocati degli Stati Uniti inviano lettere minacciose agli Stati con marijuana medica legale

"Nel 2011 il DOJ [Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti] ha inviato lettere a funzionari in Arizona [23 marzo e 2 maggio], Colorado [26 aprile], Montana [20 aprile], Rhode Island [29 aprile], Vermont [ 3 maggio], Hawaii [12 aprile], New Hampshire [10 maggio], Maine [16 maggio] e Washington [14 aprile] che minacciano di perseguire coloro che hanno implementato programmi di coltivazione e distribuzione."

Americans for Safe Access (ASA) "ASA Sues Feds To Halt Anti-Pot Surge", sito web ASA, 4 novembre 2011

[ Nota del redattore: Leggi tutte le lettere inviate dai procuratori statunitensi .]

1 luglio 2011 - Entra in vigore la legge del Montana che richiede la residenza statale per diventare un paziente di marijuana medica

La legge 423 del Senato del Montana entra in vigore il 1 luglio 2011.

"Ora, i consumatori di marijuana medica nuovi o rinnovati devono essere residenti nel Montana e devono fornire la prova del loro dolore cronico per qualificarsi per una tessera di registrazione con quella condizione medica. Devono anche portare sempre con sé le loro carte di registrazione.

Il numero di piante di marijuana mature consentite per paziente è stato ridotto da sei a quattro e non possono essere coltivate in vista della strada o di un luogo pubblico".

Associated Press (AP) "I cambiamenti nella marijuana medica causano confusione" Bollettino bollettino, 1 luglio 2011

8 luglio 2011 - La DEA nega la richiesta del 2002 di riclassificare la marijuana fuori dall'elenco restrittivo I categoria

"La US Drug Enforcement Administration (DEA) ha stabilito venerdì [8 luglio 2011] che la marijuana non ha "uso medico accettato" e dovrebbe quindi rimanere illegale secondo la legge federale, indipendentemente dalla legislazione statale in conflitto che consente la marijuana medica e nonostante centinaia di studi e secoli di pratica medica che attestano i benefici del farmaco.

La sentenza è arrivata in risposta a una petizione del 2002 dei sostenitori della marijuana medica, che chiedeva al governo di riclassificare la cannabis, che è attualmente una droga della Tabella I - come l'eroina, illegale per tutti gli usi - e di inserirla nella Tabella III, IV o V, che consentirebbe usi medici comuni.

Il governo ha ritardato a lungo nel pronunciare una sentenza sulla petizione, ma ora che lo ha fatto, consente agli avvocati di appellarsi alla corte federale. Ora, quel processo può essere messo in moto".

Una lettera del 21 giugno dell'amministratore della DEA Michele M. Leonhart affermava che la marijuana "ha un alto potenziale di abuso", "non ha un uso medico attualmente accettato nel trattamento negli Stati Uniti" e "manca di sicurezza accettata per l'uso sotto controllo medico". La lettera è stata ufficialmente pubblicata nel Registro federale l'8 luglio 2011.

Maia Szalavitz "Perché le leggi sulla marijuana medica riducono le morti per traffico" TEMPO, 2 dicembre 2011

7 agosto 2011 - Il governo israeliano organizza la fornitura di marijuana medica

Piante di cannabis in una struttura di coltivazione per Tikun Olam, coltivatore e fornitore ufficiale di marijuana medica del Ministero della Salute israeliano.
Fonte: Haaretz.com, 22 agosto 2010

Il ministero della Sanità, in coordinamento con la polizia israeliana e l'Autorità antidroga israeliana, sovrintenderà a quanto sopra e sarà anche responsabile delle forniture dalle importazioni e della coltivazione locale".

"Il governo approva le disposizioni per l'uso della cannabis per scopi medici", sito web del primo ministro israeliano, 7 agosto 2011

[ Nota dell'editore: la marijuana medica in Israele era precedentemente fornita da coltivatori privati.]

8 agosto 2011 - La DEA respinge nuovamente la richiesta di Craker di coltivare marijuana per il governo

L'amministratore della DEA Michele Leonhart ha confermato la sua precedente decisione in una sentenza dell'8 agosto 2011, affermando: "Lyle E. Craker, PhD (convenuto) ha chiesto di riconsiderare l'ordine finale che ho emesso il 7 gennaio 2009, che ha negato la sua domanda di diventare registrato come produttore all'ingrosso di marijuana. Il convenuto non è riuscito a dimostrare che l'ordinanza finale contenga risultati materiali errati di fatto o conclusioni di diritto. Di conseguenza, la mozione di riesame del convenuto non fornisce una base per modificare la decisione nell'ordinanza finale di negare la sua domanda».

novembre 2011 - Studio trova che la marijuana medica legale riduce gli incidenti stradali mortali

"Gli Stati che legalizzano la marijuana medica vedono meno incidenti stradali mortali, secondo un nuovo studio [novembre 2011], in parte perché le persone potrebbero sostituire il fumo di marijuana per bere alcolici.

Confrontando le morti per incidenti stradali nel tempo negli stati con e senza modifiche alla legge sulla marijuana medica, i ricercatori hanno scoperto che gli incidenti stradali mortali sono diminuiti del 9% negli stati che hanno legalizzato l'uso medico, il che è in gran parte attribuibile a un calo della guida in stato di ebbrezza.

Gli autori hanno anche scoperto che negli stati che hanno legalizzato l'uso medico, non c'è stato un aumento del fumo di marijuana da parte degli adolescenti, una scoperta riscontrata anche in altri studi. Ma, in molti casi, le leggi erano collegate a un aumento del fumo di marijuana tra gli adulti tra i 20 ei 20 anni. Questo aumento è stato accompagnato da una riduzione del consumo di alcol da parte dei giovani in età universitaria, suggerendo che invece fumassero erba. "

Maia Szalavitz "Perché le leggi sulla marijuana medica riducono le morti per traffico" TEMPO, 2 dicembre 2011

1 dicembre 2011 - Riclassificazione della marijuana medica richiesta dai governatori di WA e RI

I governatori di Washington e Rhode Island hanno presentato una petizione alla US Drug Enforcement Agency (DEA) per riclassificare la marijuana dalla categoria più restrittiva della Tabella I a una sostanza della Tabella II, che se approvata, potrebbe portare a farmacie che distribuiscono marijuana. La petizione di 106 pagine, depositata il 30 novembre 2011 dal governatore democratico Christine Gregoire di Washington e dal governatore indipendente Lincoln Chafee del Rhode Island, dichiara che la classificazione della cannabis Schedule I è "fondamentalmente sbagliata e dovrebbe essere modificata".

Michael Cooper "2 governatori che chiedono agli Stati Uniti di allentare le regole sulla marijuana per consentirne l'uso medico" New York Times, 30 novembre 2011

28 febbraio 2012 - Il giudice federale respinge la causa contro il governo per le sue incursioni nelle cliniche di marijuana medica

"Quando i pubblici ministeri federali in California hanno annunciato un giro di vite sui dispensari di marijuana medica lo scorso autunno, i fornitori di marijuana e i loro sostenitori hanno affermato in una serie di azioni legali che l'amministrazione Obama ha infranto la promessa di lasciarli soli se avessero rispettato la legge statale. [Un] giudice federale a Sacramento è diventato il primo a licenziare uno di loro, dicendo che il Dipartimento di Giustizia rimane libero di far rispettare le leggi federali sulla droga.

Le cause sono state presentate a novembre da fornitori di marijuana e pazienti in ciascuno dei quattro distretti giudiziari federali dello stato. Hanno fatto affidamento sulla nota del Dipartimento di Giustizia dell'ottobre 2009 ai pubblici ministeri federali [nota come la nota di Ogden] che affermava che avrebbero dovuto concentrarsi sulle reti del traffico di droga e "non dovrebbero concentrare le risorse federali" su individui che seguivano la legge sulla marijuana medica del loro stato.

Ma il giudice distrettuale degli Stati Uniti Garland Burrell di Sacramento ha detto martedì che il memorandum del Dipartimento di Giustizia era una dichiarazione di priorità, non un impegno vincolante, e non esentava i dispensari dalle leggi federali contro la coltivazione e la distribuzione di marijuana".

Bob Egelko "La causa per la repressione della marijuana medica buttata fuori" Cronaca di San Francisco, 1 marzo 2012

"[L]e Ogden Memo non contiene una promessa di non applicare il CSA [Controlled Substances Act], l'applicazione del CSA da parte dei Convenuti [Justice Department] non è incoerente con la politica di applicazione dichiarata nel Ogden Memo."

Ordinanza che concede la mozione di licenziamento degli imputati nel caso 2:11-cv-02939 (Collettivo senza scopo di lucro di Sacramento, et. al v. Holder, Leonhart, et. al), 28 febbraio 2012

11 maggio 2012 - La Corte d'Appello degli Stati Uniti ascolta le argomentazioni orali nella causa federale di Lyle Craker contro la DEA

"L'11 maggio 2012, la Corte d'Appello del Primo Circuito degli Stati Uniti a Boston, Massachusetts, ha ascoltato le argomentazioni orali nel caso di Lyle E. Craker contro Drug Enforcement Administration. Gli argomenti sono il culmine di 11 anni di procedimenti amministrativi e legali in risposta alla negazione da parte della DEA di una licenza a Craker per avviare un impianto di produzione sotto contratto con MAPS per coltivare marijuana esclusivamente per la ricerca medica finanziata privatamente e regolamentata a livello federale. L'avvocato di Craker di Washington, D.C., lo studio legale Covington & Burling LLP, che rappresenta Craker pro bono, ha chiarito le questioni che devono affrontare il tribunale e ha esortato i giudici a richiedere alla DEA di rilasciare la licenza di Craker.

Associazione multidisciplinare per gli studi psichedelici (MAPS) "Il tribunale del primo circuito degli Stati Uniti ascolta le argomentazioni orali in Lyle Craker v. Drug Enforcement Administration," maps.org, 11 maggio 2012

31 maggio 2012 - Il Connecticut diventa il 17° stato per legalizzare la marijuana medica

Il Connecticut diventa il 17° stato a legalizzare la marijuana medica quando il governatore Dannel P. Malloy firma l'HB 5389 in legge. La legge "consente ai medici autorizzati di certificare l'uso di marijuana medicinale da parte di un paziente adulto dopo aver determinato che il paziente ha una specifica malattia o condizioni mediche debilitanti e potrebbe beneficiare del suo trattamento regolamentato". I pazienti con una certificazione scritta che si registrano presso il Dipartimento per la protezione dei consumatori "possono ottenere marijuana da farmacisti certificati presso dispensari autorizzati, che la otterranno da produttori autorizzati".

Il disegno di legge è stato approvato dalla Camera dei rappresentanti 96-51 e dal Senato 21-13.

24 luglio 2012 - Il consiglio comunale di Los Angeles vieta i dispensari di marijuana medica con voto unanime

Il capo della polizia di Los Angeles Charlie Beck (al centro) ha parlato alla riunione del consiglio comunale del divieto proposto il 24 luglio 2012. I sostenitori della marijuana medica siedono dietro di lui.
Fonte: Reuters

"[L]e [Los Angeles] City Counted ha votato 14-0 martedì [24 luglio 2012] per vietare i negozi di erba.

In base al divieto, a ciascuno dei 762 dispensari registrati presso la città verrà inviata una lettera con l'ordine di chiudere immediatamente. Coloro che non si conformano possono affrontare un'azione legale da parte della città.

Con una mossa apparentemente contraddittoria, il consiglio ha anche votato per incaricare il personale della città di redigere un'ordinanza che consentirebbe di rimanere aperti a un gruppo di circa 170 dispensari registrati presso la città diversi anni fa".

Los Angeles Times "Il consiglio comunale di Los Angeles vota 14-0 per vietare i negozi di marijuana medica", di Kate Linthicum, Los Angeles Times, 24 luglio 2012

"Dopo che il sindaco Antonio Villaraigosa ha firmato l'ordinanza come previsto, i negozi di marijuana avranno 30 giorni per chiudere.

Ben 900 dispensari saranno interessati dalla nuova ordinanza, ma non è chiaro cosa accadrà se disubbidiranno all'ordine. Le questioni legali rimangono senza risposta dalla più alta corte dello stato.

Il divieto consente agli ospizi e alle agenzie sanitarie domiciliari di fornire erba medica. Verranno inviate lettere ai dispensari informandoli del divieto.

Los Angeles ha approvato un'ordinanza due anni fa che avrebbe dovuto chiudere centinaia di dispensari di erba, limitando il numero in funzione a 70. Ma le sfide legali da parte dei collettivi e la scadenza dell'ordinanza il mese scorso hanno portato a un'altra ondata di negozi di erba.

I funzionari della città hanno affermato che 762 collettivi si sono registrati con la città e potrebbero esisterne altri 200".

Associated Press (AP) "Los Angeles Officials Vote to Ban Marijuana Shops", di Greg Risling, sito web dell'Associated Press, 25 luglio 2012

16 ottobre 2012 - La Corte Federale ascolta la causa per cambiare lo stato della marijuana nell'elenco I

"La Corte d'Appello degli Stati Uniti sta esaminando il rigetto del 2011 della Drug Enforcement Administration di una petizione del 2002 che cercava di riclassificare lo stato della marijuana nel Controlled Substances Act. La cannabis è attualmente un narcotico di Schedule I - una classificazione riservata a sostanze senza uso medico accettato e un alto potenziale di abuso.

Il gruppo di difesa dell'erba Americans for Safe Access ha aperto l'udienza a Washington, DC lunedì [ott. 16, 2012] sostenendo che la DEA ha dimostrato un "pregiudizio" contro l'erba minimizzando la sua efficacia medicinale mentre abbelliva il suo presunto pericolo.

A vari livelli, il gruppo di tre giudici si è chiesto se avessero l'autorità di ribaltare il rifiuto della DEA della petizione di riprogrammazione.

Il significato di questa revisione è accentuato dal fatto che la Corte d'Appello degli Stati Uniti è tra le corti più influenti della nazione, con il potere di stabilire un precedente legale in molti casi".

High Times Magazine "La Corte d'Appello degli Stati Uniti ascolta le argomentazioni per riprogrammare la cannabis", di Mark Miller, hightimes.com, 18 ottobre 2012

6 novembre 2012 - Il Massachusetts diventa il 18° stato per legalizzare la marijuana medica

Gli elettori del Massachusetts hanno approvato la terza domanda con un voto dal 63% al 37%, "consentendo ai medici di prescrivere il farmaco a pazienti che soffrono di gravi problemi di salute.

In Massachusetts, un medico che ha una relazione "in buona fede" con un paziente dovrebbe certificare che il paziente ha sofferto di "una condizione medica debilitante, come cancro, glaucoma, stato di sieropositività o AIDS, epatite C, morbo di Crohn, morbo di Parkinson. , SLA o sclerosi multipla.'.

E gli elettori dell'Arkansas hanno detto di no a un referendum sulla marijuana medica simile a quello passato in Massachusetts".

Cable News Network (CNN) "2 Stati legalizzano l'erba, ma non 'scoppiano ancora i Cheetos'", di Alan Duke, CNN.com, 7 novembre 2012

22 gennaio 2013 - La Corte d'Appello degli Stati Uniti nega la sfida alla riclassificazione della marijuana medica

"La Corte d'Appello degli Stati Uniti per il circuito DC ha emesso una sentenza oggi [22 gennaio 2013] nel caso di riclassificazione della marijuana medica, Americans for Safe Access contro Drug Enforcement Administration . In una decisione 2-1, la Corte ha concesso la legittimazione al caso - il diritto di proporre un ricorso contro il governo federale - ma ha negato l'impugnazione nel merito, condividendo l'affermazione del governo che "studi adeguati e ben controllati ' sull'efficacia medica della marijuana non esistono."

Americans for Safe Access (ASA) "D.C. Circuit Denies Medical Marijuana Reclassification Challenge, Advocates Vow to Appeal", sito web ASA, 22 gennaio 2013

23 luglio 2013 - Il New Hampshire diventa il 19° Stato per legalizzare la marijuana medica

Il New Hampshire diventa il 19° stato a legalizzare la marijuana medica quando il governatore Maggie Hassan firma Casa Bill 573 in legge il 23 luglio 2013.

Il disegno di legge autorizza l'uso della cannabis terapeutica nel New Hampshire, istituisce un sistema di carte d'identità del registro, consente la registrazione di un massimo di quattro centri di trattamento alternativo senza scopo di lucro nello stato e stabilisce una difesa affermativa per pazienti qualificati e caregiver designati con validi carte d'identità anagrafiche.

HB 573 chiede anche la creazione di un Consiglio consultivo sull'uso terapeutico della cannabis, che tra cinque anni sarà tenuto a "emettere un parere formale sull'opportunità di proseguire o abrogare il programma".

Marijuana Policy Project (MPP) "Gov. Hassan Signs Bill N.H. Becomes 19th State to Pass Medical Marijuana Law", mpp.org (consultato il 26 agosto 2013)

1 agosto 2013 - L'Illinois diventa il ventesimo stato per legalizzare la marijuana medica

L'Illinois diventa il ventesimo stato a legalizzare la marijuana medica quando il governatore Pat Quinn firma Conto della casa 1 in legge il 1 agosto 2013.

Il Compassionate Use of Medical Cannabis Pilot Program Act stabilisce un programma di registro dei pazienti, protegge i pazienti qualificati registrati e gli operatori sanitari designati registrati da "arresto, persecuzione o negazione di qualsiasi diritto o privilegio" e consente la registrazione dei centri di coltivazione e delle organizzazioni di distribuzione. Una volta che l'atto entra in vigore, "viene imposta una tassa sul privilegio di coltivare cannabis medica ad un'aliquota del 7% del prezzo di vendita per oncia".

House Bill 1, sito web dell'Assemblea generale dell'Illinois (consultato il 17 maggio 2013)

8 agosto 2013 - Il dottor Sanjay Gupta si schiera a favore della marijuana medica

Dott. Sanjay Gupta
Fonte: Hamilton Nolan, "Nuovo chirurgo generale: Dr. Sanjay Gupta", gawker.com, 6 gennaio 2009

"Ho creduto erroneamente che la Drug Enforcement Agency avesse elencato la marijuana come sostanza di lista 1 a causa di solide prove scientifiche.Sicuramente, devono avere un ragionamento di qualità sul motivo per cui la marijuana è nella categoria delle droghe più pericolose che non hanno "uso medicinale accettato e un alto potenziale di abuso".

Non avevano la scienza per sostenere questa affermazione, e ora so che quando si tratta di marijuana nessuna di queste cose è vera. Non ha un alto potenziale di abuso e ci sono applicazioni mediche molto legittime.

Siamo stati terribilmente e sistematicamente ingannati per quasi 70 anni negli Stati Uniti e mi scuso per il mio ruolo in questo".

Sanjay Gupta, MD "Perché ho cambiato idea sull'erba", CNN.com, 8 agosto 2013

29 agosto 2013 - Il Dipartimento di Giustizia non sfiderà le leggi statali sulla marijuana

"Oggi [29 agosto 2013], il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha annunciato un aggiornamento alla sua politica federale di applicazione della marijuana alla luce delle recenti iniziative elettorali statali che legalizzano, secondo la legge statale, il possesso di piccole quantità di marijuana e prevedono il regolamento di produzione, lavorazione e vendita di marijuana.

[T] il governo federale ha tradizionalmente fatto affidamento su autorizzazioni statali e locali per affrontare l'attività della marijuana attraverso l'applicazione delle proprie leggi sui narcotici. Questa guida continua quella politica.

Per stati come Colorado e Washington che hanno emanato leggi per autorizzare la produzione, la distribuzione e il possesso di marijuana. [Basato sulle assicurazioni che quegli stati imporranno un sistema normativo adeguatamente rigoroso, il Dipartimento ha informato i governatori di entrambi gli stati che sta rinviando il suo diritto di contestare le loro leggi di legalizzazione in questo momento".

Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti (DOJ) "Il Dipartimento di Giustizia annuncia l'aggiornamento alla politica di applicazione della marijuana", www.justice.gov, 29 agosto 2013

14 febbraio 2014 - Le nuove linee guida federali consentono alle banche di fornire servizi finanziari ai venditori legali di marijuana

"Venerdì [14 febbraio 2014] l'amministrazione Obama ha fornito alle banche una tabella di marcia per condurre transazioni con i venditori legali di marijuana in modo che queste nuove imprese possano mettere da parte i risparmi, guadagnare e pagare le tasse come qualsiasi altra impresa.

Le aziende di marijuana che non possono usare le banche potrebbero avere troppi soldi che non possono mettere da parte in sicurezza, lasciandole vulnerabili ai criminali. E i governi che consentono la vendita di marijuana vogliono un canale per ricevere le tasse.

Attualmente, l'elaborazione di denaro proveniente dalle vendite di marijuana mette le banche assicurate a livello federale a rischio di accuse di racket della droga, quindi si sono rifiutate di aprire conti per attività legate alla marijuana.

La mossa di venerdì è stata progettata per consentire agli istituti finanziari di servire tali attività garantendo al contempo che conoscano la legittimità dei propri clienti e rimangano obbligati a segnalare possibili attività criminali, ha affermato la rete di applicazione dei crimini finanziari del Dipartimento del Tesoro, o FinCEN.

Ma in risposta, l'American Bankers Association ha affermato che "la guida o la regolamentazione non alterano la sfida sottostante per le banche. Allo stato attuale, il possesso o la distribuzione di marijuana viola la legge federale e le banche che forniscono supporto per tali attività corrono il rischio di procedimenti giudiziari e sanzioni assortite.'.

La guida ha fornito alle banche più di 20 "segnali d'allarme" che potrebbero indicare una violazione della legge federale. Tra questi: se un'azienda riceve sostanzialmente più entrate rispetto ai suoi concorrenti locali, deposita più denaro di quanto sia in linea con l'importo delle entrate legate alla marijuana che dichiara ai fini fiscali federali e statali, o sperimenta un'impennata di attività da parte di terzi che offrono beni o servizi come fornitori di apparecchiature o servizi di spedizione."

Pete Yost "I federali lasciano che le banche e i venditori di marijuana facciano affari", bigstory.ap.org, 14 febbraio 2014

14 aprile 2014 - Il Maryland diventa il 21° stato per legalizzare la marijuana medica

Il Maryland diventa il 21° stato a legalizzare la marijuana medica quando il governatore Martin O'Malley firma House Bill 881 in legge il 14 aprile 2014.

La Natalie M. LaPrade Medical Marijuana Commission e il Maryland Department of Health and Mental Hygiene hanno il compito di sviluppare regolamenti per il registro dei pazienti e le carte d'identità, le licenze dei dispensari, la definizione di tariffe e limiti di possesso e altro ancora.

Le condizioni approvate per l'uso sono cachessia, anoressia o sindrome da deperimento, dolore grave o cronico, nausea grave, convulsioni e spasmi muscolari gravi o persistenti.

House Bill 881, sito web dell'Assemblea generale del Maryland, 7 aprile 2014

29 maggio 2014 - Il Minnesota diventa il 22° Stato per legalizzare la marijuana medica

Il Minnesota diventa il 22° stato a legalizzare la marijuana medica quando il governatore Mark Dayton firma SF 2470 in legge il 29 maggio 2014.

Il disegno di legge consente l'uso di olio, pillola e forme vaporizzate di marijuana medica, ma vieta la marijuana fumata.

Le condizioni approvate per l'uso sono cancro (se la condizione o il trattamento sottostante produce dolore grave o cronico, nausea o vomito grave, o cachessia o grave deperimento), glaucoma, HIV/AIDS, sindrome di Tourette, SLA, convulsioni/epilessia, muscolo grave e persistente spasmi/SM, morbo di Crohn e malattia terminale con un'aspettativa di vita inferiore a un anno.

SF 2470, sito web della legislatura del Minnesota, 29 maggio 2014

[ Nota del redattore : Leggi di più sulle leggi sulla marijuana medica in Minnesota.]

5 luglio 2014 - New York diventa il 23° Stato per legalizzare la marijuana medica

New York diventa il 23° stato a legalizzare la marijuana medica quando il governatore Andrew Cuomo firma l'Assemblea Bill 6357 in legge il 5 luglio 2014.

Il disegno di legge vieta la marijuana fumata e tasserà la marijuana medica con un'aliquota del 7%. La legge scade automaticamente dopo sette anni.

Le condizioni approvate per l'uso includono cancro, HIV/AIDS, SLA (morbo di Lou Gehrig), morbo di Parkinson, sclerosi multipla, danni al midollo spinale che causano spasticità, epilessia, malattie infiammatorie intestinali, neuropatie e malattia di Huntington.

AB 6357, sito web dell'Assemblea dello Stato di New York, 5 luglio 2014

[ Nota del redattore : Leggi di più sulle leggi sulla marijuana medica a New York.]

28 ottobre 2014 - Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti non applicherà le leggi federali sulla marijuana sulle riserve dei nativi americani

"Aprendo le porte a quella che potrebbe essere una nuova industria redditizia e controversa in alcune riserve dei nativi americani, il Dipartimento di Giustizia dirà agli avvocati statunitensi di non impedire alle tribù di coltivare o vendere marijuana nelle terre sovrane, anche negli stati che vietano la pratica. La nuova guida, pubblicata in un memorandum, sarà implementata caso per caso e le tribù devono ancora seguire le linee guida federali, ha affermato Timothy Purdon, procuratore statunitense per il Nord Dakota e presidente della sottocommissione del procuratore generale sulle questioni dei nativi americani Purdon ha dichiarato in un'intervista che la maggior parte delle tribù di nativi americani, consapevoli della dolorosa eredità dell'abuso di alcol nelle loro comunità, sembra essere contraria all'uso di marijuana sul loro territorio.Il governo federale continuerà a sostenere legalmente quelle tribù che desiderano vietare la marijuana, anche negli stati che ora ne consentono la vendita, ha detto Purdon".

Los Angeles Times Timothy M. Phelps, "Gli Stati Uniti non fermeranno i nativi americani dalla crescita e dalla vendita di erba nelle loro terre", latimes.com, 11 dicembre 2014 Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, "Dichiarazione politica sui problemi nel paese indiano", , 28 ottobre 2014

17 dicembre 2014 - Una nuova legge vieta al dipartimento di giustizia di utilizzare fondi contro la marijuana medica negli Stati in cui è legale

"Il disegno di legge da 1 trilione di dollari approvato la scorsa settimana [ed è stato convertito in legge dal presidente Obama il 17 dicembre 2014] includeva una disposizione che impedisce al Dipartimento di Giustizia di spendere denaro per imporre un divieto federale alla coltivazione o alla vendita di marijuana nel 23 stati che si sono mossi per legalizzarlo per uso medico. Segna un enorme cambiamento per il Congresso, che per anni si era schierato con i pubblici ministeri federali nella loro battaglia con gli stati sulla liberalizzazione delle leggi sulla droga. Il rappresentante Dana Rohrabacher, un repubblicano della California, era uno degli autori della disposizione sull'uso medico, e ha presentato il caso ai suoi colleghi sulla base di motivi che molti conservatori possono comprendere: i diritti degli stati. In una dichiarazione, ha affermato che il suo emendamento costringerebbe il governo federale a "rispettare la sovranità statale" sulla questione della marijuana medica".

Russell Berman "Perché il Congresso ha ceduto alla marijuana medica" L'Atlantico, 17 dicembre 2014

[ Nota dell'editore: Il 18 dicembre 2015, il Congresso ha approvato l'esercizio 2016 Legge sugli stanziamenti omnibus e il presidente Obama lo ha firmato in legge. Una disposizione del disegno di legge ha esteso la protezione della marijuana medica per un altro anno.]

3 maggio 2015 - Il governatore di Porto Rico legalizza la marijuana medica nel territorio degli Stati Uniti

"Domenica [3 maggio 2015] il governatore di Porto Rico ha firmato un ordine esecutivo per autorizzare l'uso di marijuana medica nel territorio degli Stati Uniti in una mossa inaspettata dopo un lungo dibattito pubblico. Il governatore Alejandro Garcia Padilla ha detto che il segretario alla salute dell'isola ha tre mesi emettere un rapporto che descriva in dettaglio come sarà attuato l'ordine esecutivo, l'impatto che avrà e quali misure future potrebbero essere intraprese. L'ordine è entrato in vigore immediatamente".

Associated Press (AP) "Il governatore del Porto Rico firma l'ordine per legalizzare l'erba medica", ap.org, 3 maggio 2015

22 giugno 2015 - Il governo federale rimuove gli ostacoli alla ricerca sulla marijuana

"Un antico ostacolo burocratico alla ricerca sulla marijuana medica finanziata da privati ​​è stato appena rimosso, con effetto immediato.

[Il processo di revisione del servizio sanitario pubblico] è stato oggetto di particolare costernazione tra ricercatori e sostenitori. Questo passaggio non è richiesto per la ricerca su nessun'altra droga, inclusi cocaina ed eroina. La revisione PHS è quasi identica a quella eseguita dalla FDA. A volte, possono volerci mesi per essere completati".

Washington Post "L'amministrazione Obama ha appena reso più facile la ricerca sulla marijuana medica", di Christopher Ingraham, Washington Post, 22 giugno 2015

"Annuncio dell'eliminazione della revisione del servizio sanitario pubblico (PHS) dei protocolli di ricerca non finanziati dalla federazione che coinvolgono la marijuana.

Il 21 maggio 1999, il processo di revisione PHS è stato istituito in risposta al maggiore interesse della comunità di ricerca biomedica nel determinare i potenziali benefici terapeutici della marijuana. Il processo di revisione IND [Investigational New Drug] della FDA considera caratteristiche di ricerca simili. Sulla base di queste considerazioni, e al fine di snellire i processi di richiesta e approvazione per la ricerca sulla cannabis, il comitato che conduce la revisione PHS deve essere eliminato".

2016-presente

4 aprile 2016 - La DEA considera di trasferire la marijuana a un programma di farmaci meno restrittivo

"In una lettera che l'agenzia ha inviato ai legislatori federali questa settimana [il 4 aprile 2016], la DEA afferma che prevede di rilasciare una decisione sulla riprogrammazione della marijuana 'nella prima metà del 2016'. La cannabis è attualmente classificata nelle leggi federali sulla droga sotto il livello più restrittivo Schedule I. Spostare la marijuana a un programma meno restrittivo stimolerebbe la ricerca sul farmaco e lo sviluppo di farmaci a base di marijuana che i medici potrebbero prescrivere, hanno detto gli esperti.Ma sarebbe improbabile per rendere il possesso o la coltivazione di marijuana grezza da parte di individui meno illegale secondo la legge federale. E probabilmente farebbe ben poco per porre fine allo stallo tra i federali e gli stati che hanno legalizzato la cannabis".

Denver Post "La DEA potrebbe presto annunciare una decisione importante sulla riprogrammazione della marijuana", di John Ingold, denverpost.com, 6 aprile 2016

18 aprile 2016 - La Pennsylvania diventa il 24° stato degli Stati Uniti a legalizzare la marijuana medica

La Pennsylvania diventa il 24° stato a legalizzare la marijuana medica quando il governatore Tom Wolf (D) firma il Senato Bill 3 in legge il 18 aprile 2016.

Il disegno di legge vieta la marijuana fumata.

Le condizioni approvate per l'uso includono cancro, HIV/AIDS, SLA, Parkinson, sclerosi multipla, epilessia, malattia di Huntington, morbo di Crohn, disturbo da stress post-traumatico, convulsioni intrattabili, glaucoma, autismo e altro.

8 giugno 2016 - L'Ohio diventa il 25esimo Stato degli Stati Uniti a legalizzare la marijuana medica

L'Ohio diventa il 25esimo stato a legalizzare la marijuana medica quando il governatore John Kasich (R) firma l'House Bill 23 in legge l'8 giugno 2016. Il disegno di legge vieta la marijuana fumata. Le condizioni approvate per l'uso includono AIDS/HIV, morbo di Alzheimer, SLA, cancro, encefalopatia traumatica cronica, morbo di Crohn, epilessia, fibromialgia, glaucoma, epatite C, malattia infiammatoria intestinale, sclerosi multipla, dolore cronico, grave o intrattabile, morbo di Parkinson, Disturbo da stress post-traumatico, anemia falciforme, malattia o lesione del midollo spinale, sindrome di Tourette, trauma cranico e colite ulcerosa.

11 agosto 2016 - La DEA rifiuta di riprogrammare la marijuana ma apre le porte alla ricerca

"La DEA [Drug Enforcement Administration] ha negato due petizioni per riprogrammare la marijuana ai sensi del Controlled Substances Act (CSA). La DEA ha annunciato un cambiamento di politica progettato per promuovere la ricerca espandendo il numero di produttori di marijuana registrati dalla DEA. Questo cambiamento dovrebbe fornire ai ricercatori un fornitura di marijuana più varia e robusta. Questo cambiamento illustra l'impegno della DEA a collaborare con la FDA e il NIDA per facilitare la ricerca sulla marijuana e i suoi componenti".

US Drug Enforcement Administration (DEA) "DEA annuncia azioni relative alla marijuana e alla canapa industriale", dea.gov, 11 agosto 2016

8 novembre 2016 - Arkansas, Florida, North Dakota Vota per legalizzare la marijuana medica

Tutti e tre gli stati con misure elettorali per la marijuana medica (Arkansas, Florida, North Dakota) hanno votato per legalizzare la marijuana medica il giorno delle elezioni, l'8 novembre 2016, rendendoli il 26°, 27° e 28° stato legale per la marijuana medica.

Il 53,2% degli elettori dell'Arkansas ha approvato l'emendamento costituzionale che consente l'uso di marijuana medica per condizioni quali cancro, glaucoma, HIV/AIDS, epatite C, SLA, sindrome di Tourette, morbo di Crohn, colite ulcerosa, disturbo da stress post-traumatico, artrite grave, fibromialgia, morbo di Alzheimer e di più.

Il 71,3% degli elettori della Florida approva la modifica della costituzione statale per consentire la marijuana medica per condizioni tra cui cancro, epilessia, glaucoma, HIV/AIDS, PTSD, SLA, morbo di Crohn, morbo di Parkinson e sclerosi multipla.

Il 63,7% degli elettori del Nord Dakota ha approvato la misura che consente l'uso di marijuana medica per condizioni tra cui cancro, HIV/AIDS, epatite C, SLA, PTSD, morbo di Alzheimer, demenza, morbo di Crohn, fibromialgia e altro.

[ Nota dell'editore: leggi di più sulle leggi sulla marijuana medica in Arkansas, Florida e North Dakota.]

19 aprile 2017 - La Virginia Occidentale diventa il 29° Stato degli Stati Uniti a legalizzare la marijuana medica

La Virginia Occidentale diventa il 29° stato a legalizzare la marijuana medica quando il Governatore Jim Justice (D) firma il Senato Bill 386 in legge il 19 aprile 2017.

Il disegno di legge vieta la marijuana fumata.

Le condizioni approvate per l'uso includono anoressia, dolore grave o cronico che non trova un sollievo efficace attraverso farmaci antidolorifici standard, convulsioni di nausea grave, PTSD e altro.

19 giugno 2017 - Il Messico legalizza la marijuana medica

"Il presidente messicano Enrique Peña Nieto ha firmato un decreto questa settimana [il 19 giugno 2017] che legalizza la marijuana medica. La misura ha anche classificato l'ingrediente psicoattivo del farmaco come "terapeutico". La nuova politica non apre esattamente le porte ai dispensari di marijuana medica ad ogni angolo, ma chiede al Ministero della Salute di elaborare e attuare regolamenti e politiche pubbliche che regolino "l'uso medicinale dei derivati ​​farmacologici della cannabis sativa, indica e americana o marijuana, compreso il tetraidrocannabinolo». La misura ha avuto un ampio sostegno dal Senato e dalla Camera del Congresso del Messico, dove è stata approvata con 347-7 ad aprile".

Washington Post "Il Messico ha appena legalizzato la marijuana medica", di Amanda Erickson, Washington Post, 21 giugno 2017

4 gennaio 2018 - Il procuratore generale degli Stati Uniti pone fine alle linee guida sulla marijuana dell'era Obama

"[Il procuratore generale Jeff] Sessions ha annullato la politica del Dipartimento di Giustizia del presidente Barack Obama che ha generalmente vietato alle forze dell'ordine federali di interferire con le vendite di marijuana negli stati in cui la droga è legale. La politica di Sessions [annunciata il 4 gennaio 2018] consentirà Gli avvocati degli Stati Uniti in tutto il paese decidono che tipo di risorse federali dedicare all'applicazione della marijuana in base a ciò che considerano prioritario nei loro distretti.I funzionari non potrebbero dire quale sarà l'impatto finale sull'industria legale o se porterà a più erba Né è chiaro come il memo potrebbe influenzare gli stati in cui la marijuana è legale per scopi medici. Un emendamento del Congresso impedisce al Dipartimento di Giustizia di interferire con i programmi di marijuana medica negli stati in cui è consentito. Funzionari della giustizia hanno detto che avrebbero rispettato la legge, ma non precluderebbe la possibilità di procedimenti giudiziari relativi alla marijuana medica".

Associated Press (AP) "Il procuratore generale Jeff Sessions to End Policy That Let Legal Pot Flourish", cnbc.com, 4 gennaio 2018

25 giugno 2018 - La FDA approva il suo primo farmaco a base di marijuana

"La Food and Drug Administration degli Stati Uniti oggi [25 giugno 2018] ha approvato la soluzione orale di Epidiolex (cannabidiolo) [CBD] per il trattamento delle convulsioni associate a due forme rare e gravi di epilessia, la sindrome di Lennox-Gastaut e la sindrome di Dravet, in pazienti di due anni di età e oltre. Questo è il primo farmaco approvato dalla FDA che contiene una sostanza farmacologica purificata derivata dalla marijuana. "Questa approvazione serve a ricordare che l'avanzamento di validi programmi di sviluppo che valutino correttamente i principi attivi contenuti nella marijuana può portare a importanti terapie mediche E la FDA è impegnata in questo tipo di attenta ricerca scientifica e sviluppo di farmaci", ha affermato il commissario della FDA Scott Gottlieb, MD"

Food and Drug Administration (FDA) statunitense "La FDA approva il primo farmaco costituito da un principio attivo derivato dalla marijuana per il trattamento di forme rare e gravi di epilessia", fda.

26 giugno 2018 - L'Oklahoma diventa il 30° stato degli Stati Uniti a legalizzare la marijuana medica

L'Oklahoma diventa il 30° stato a legalizzare la marijuana medica quando gli elettori approvano la domanda 778 nelle elezioni del 26 giugno 2018. La legge consente ai pazienti con licenza medica di marijuana di possedere 6 piante mature e 6 immature e crea una tassa del 7% sulle vendite al dettaglio di marijuana medica. L'Oklahoma è il primo stato legale che non dispone di un elenco di condizioni approvate, consentendo invece di raccomandare la marijuana "secondo gli standard accettati che un medico ragionevole e prudente seguirebbe nel raccomandare o approvare qualsiasi farmaco".

20 dicembre 2018 - Il presidente Trump firma un disegno di legge che legalizza la canapa industriale

"La canapa industriale è ora legale negli Stati Uniti, il che sostiene che la speranza potrebbe eventualmente allentare le leggi sul popolare estratto di marijuana CBD. Il presidente Donald Trump ha firmato la legge agricola del 2018 giovedì [20 dicembre 2018] pomeriggio, che ha legalizzato la canapa, una varietà di cannabis che non produce la componente psicoattiva della marijuana. Per ora, tuttavia, sembra che il CBD rimarrà in gran parte off-limits. La Food and Drug Administration ha rilasciato una dichiarazione affermando che nonostante il nuovo status della canapa, il CBD è ancora considerato una droga ingrediente e rimane illegale aggiungere al cibo o ai prodotti sanitari senza l'approvazione dell'agenzia".

Max A. Cherney, MFA "La canapa è ora legale negli Stati Uniti, quindi cosa significa questo per le aziende di marijuana?", marketwatch.com, 23 dicembre 2018

"L'Agriculture Improvement Act del 2018 modifica alcune autorità federali relative alla produzione e alla commercializzazione della canapa, definita cannabis (Cannabis sativa L.), e dei derivati ​​della cannabis con concentrazioni estremamente basse (meno dello 0,3 percento su base secca) di il composto psicoattivo delta-9-tetraidrocannabinolo (THC). Queste modifiche includono la rimozione della canapa dal Controlled Substances Act, il che significa che non sarà più una sostanza illegale secondo la legge federale. Tuttavia, il Congresso ha esplicitamente preservato l'attuale autorità dell'agenzia di regolamentare i prodotti contenenti cannabis o composti derivati ​​dalla cannabis."

Food and Drug Administration (FDA) statunitense "FDA and Marijuana: Questions and Answers", fda.gov (consultato il 27 dicembre 2018)

19 settembre 2019 - Il governo degli Stati Uniti stanzia 3 milioni di dollari per la ricerca su CBD e dolore

Martin A. Lee, "Miti e malintesi del CBD", projectcbd.org, 2 febbraio 2019

"Il governo degli Stati Uniti spenderà 3 milioni di dollari per scoprire se la marijuana può alleviare il dolore, ma nessuno dei soldi verrà utilizzato per studiare la parte della pianta che fa sballare le persone.

Nove borse di ricerca annunciate giovedì [sett. 19, 2019] sono per lavoro sul CBD, l'ingrediente alla moda che compare nei cosmetici e negli alimenti, e centinaia di sostanze chimiche meno familiari. La ricerca sul THC è stata esclusa.

La scienza è più forte per il dolore cronico, la ragione più comune che le persone danno quando si iscrivono a programmi di marijuana medica approvati dallo stato. Ma si sa poco su quali parti della marijuana siano utili e se gli effetti inebrianti del THC possono essere evitati".

Associated Press (AP) "Gli Stati Uniti assegnano 3 milioni di dollari per colmare le lacune nella ricerca sulla marijuana medica", statnews.com

3 novembre 2020 - Mississippi e South Dakota legalizzano la marijuana medica

Gli elettori del Mississippi e del South Dakota hanno votato per legalizzare la marijuana medica nelle elezioni del novembre 2020. Il South Dakota ha anche legalizzato la marijuana ricreativa, diventando così il primo stato a legalizzare entrambi nelle stesse elezioni.

Anche altri tre stati hanno legalizzato la marijuana ricreativa (Arizona, Montana e New Jersey). Tutte le iniziative sulla marijuana in ballottaggio il 3 novembre 2020 sono state approvate.

Steve Hawkins, JD, Direttore Esecutivo del Marijuana Policy Project, ha dichiarato: "Con il passaggio di queste iniziative, un terzo della popolazione vive ora in giurisdizioni che hanno legalizzato la cannabis per uso adulto e il 70% di tutti gli stati ha abbracciato la cannabis per uso medico».

Ryan Bort, "Ogni singola iniziativa sull'erba è stata approvata il giorno delle elezioni", rollingstone.com, 4 novembre 2020

2 dicembre 2020 - La Commissione delle Nazioni Unite riclassifica la marijuana medica

La Commissione per gli stupefacenti ha votato per rimuovere la marijuana medica dall'allegato IV della Convenzione unica sugli stupefacenti del 1961. Altri farmaci di Tabella IV includono gli oppioidi, compresa l'eroina.

Dei 53 paesi membri votanti, l'Ucraina si è astenuta, 27 hanno votato a favore, inclusi Stati Uniti, Francia e Regno Unito, e 25 hanno votato contro, inclusi Cina, Egitto, Nigeria, Pakistan e Russia.

New York Times giornalista, Isabella Kwai, ha osservato: "Gli esperti affermano che il voto non avrà un impatto immediato sull'allentamento dei controlli internazionali perché i governi avranno ancora giurisdizione su come classificare la cannabis. Ma molti paesi guardano alle convenzioni globali come guida e il riconoscimento delle Nazioni Unite è un vittoria simbolica per i sostenitori del cambiamento della politica sulla droga che affermano che il diritto internazionale non è aggiornato".

Isabella Kwai, "L'ONU riclassifica la cannabis come una droga meno pericolosa", nytimes.com, 2 dicembre 2020

4 dicembre 2020 - La Camera degli Stati Uniti approva la legge sulla depenalizzazione della marijuana

La Camera ha approvato una legge sulla depenalizzazione della marijuana (228-164) che eliminerebbe la marijuana dal Controlled Substances Act, oltre ad aggiungere una tassa del 5% sulla marijuana per aiutare le persone più colpite dalla criminalizzazione della marijuana e per finanziare sovvenzioni comunitarie e piccole imprese.

Anche se è improbabile che il disegno di legge venga approvato dall'attuale Senato controllato dai repubblicani, è la prima volta che una delle due camere approva un atto del genere. La legislazione è stata guidata dal rappresentante Jerry Nadler (D-NY) con il senatore e vicepresidente eletto Kamala Harris (D-CA).

Catie Edmondson, "House passa Landmark Bill Depenalizing Marijuana", nytimes.com, 4 dicembre 2020

14 maggio 2021 - Mississippi Medical Marijuana Sforzo contrastato da requisiti costituzionali obsoleti

La Corte Suprema del Mississippi ha annullato un provvedimento elettorale sostenuto da quasi il 69% degli elettori del Mississippi per legalizzare la marijuana medica.

La corte ha respinto l'iniziativa perché la sezione 273 della costituzione dello stato del Mississippi richiede che i sostenitori delle misure elettorali raccolgano le firme da tutti e cinque i distretti congressuali.

Tuttavia, il Mississippi ha attualmente solo quattro distretti congressuali, avendone perso uno dopo il censimento del 2000. La disposizione, aggiunta negli anni '90, non è stata modificata.

Il giudice Josiah Coleman, che rappresenta la maggioranza di sei giudici, ha scritto: "Se con l'intento, per svista o per qualche altra ragione, gli estensori della sezione 273 (3) hanno scritto un processo di iniziativa elettorale che non può funzionare in un mondo in cui il Mississippi ha meno di cinque rappresentanti al Congresso. Per funzionare nella realtà di oggi, avrà bisogno di emendamenti, qualcosa che va oltre il potere della Corte Suprema".

Il giudice James Maxwell, dissenziente, ha scritto che la costituzione così com'è "uccide giuridicamente il processo di iniziativa dei cittadini del Mississippi".


Cosa sta succedendo a Washington, DC: 22 giugno 2015 - Ricette

Foto sopra per Rey Lopez

Abbiamo guardato durante le nostre passeggiate quotidiane come Truluck's è stato costruito poco prima che la pandemia colpisse nel 2020. Un anno dopo e ora si sta aprendo!

  • Branzino mediterraneo cotto con olio d'oliva, limone, olive e taramasalata

  • Capesante del New England scottate in padella con pesto di barbabietola dorata e olio alle erbe

  • Ricciola olandese scottata in padella con pomodoro, uva, menta, aneto e lime

  • Tonno hawaiano crudo impreziosito da medley di uva fresca e pomodorini

  • I tagli di carne di prima scelta sono selezionati a mano da veri artigiani con oltre 100 anni di esperienza e arrostiti a 1.200 ° F

DLeña Cocina messicana a legna & Mezcaleria apre lunedì 10 maggio (476 K St NW)

Tutte le foto per gentile concessione di dLeña

dLeña, un ristorante Richard Sandoval, aprirà le sue porte per la cena lunedì 10 maggio al 476 K St NW. Questo è l'edificio in mattoni all'angolo sud-est della 5th e K St NW che include il guardaroba ai piani superiori. Di seguito riportiamo alcune parti selezionate del comunicato stampa:

dLeña offrirà ai commensali oltre 250 posti a sedere nei suoi 5.000 piedi quadrati di spazi interni ed esterni. Il nuovo ristorante è progettato per fondere forme del vecchio mondo e un raffinato design moderno. I commensali sentiranno i tradizionali e rustici focolari di cottura a legna del tempo passato in tutto lo spazio.

I commensali viaggeranno a Oaxaca, in Messico, attraverso un'esperienza multisensoriale in ogni boccone dei grandi piatti affumicati dello chef Camacho, grigliati sulla griglia a legna del ristorante. I piatti includono Wagyu Steak a la Piedra ($ 48) servito con pepe poblano, cipolle caramellate, salse fatte in casa e tortillas su ordinazione Camarónes a la Diabla ($ 30) gamberi marinati al peperoncino affumicato con salsa chipotle e cipollotto grigliato Coliflor a la Leña ($ 16) cavolfiore carbonizzato con insalata di limoni chimichurri e crescione.

Abbracciando la sua eredità messicana e latinoamericana, dLeña presenterà anche un programma di bevande che metterà in evidenza i distributori di vino, tequila e mezcal. I commensali possono aspettarsi offerte di bevande come il Ceviche de Setas ($ 14) ai voli verticali o orizzontali Tequila / Mezcal (che vanno da $ 22 a $ 27), il programma di bevande eleva collettivamente qualsiasi piatto nel menu di dLeña e introduce i commensali a sapori realizzati ad arte.


Field Day è l'open house dei radioamatori. Ogni giugno, più di 40.000 radioamatori in tutto il Nord America installano stazioni trasmittenti temporanee in luoghi pubblici per dimostrare la scienza, l'abilità e il servizio dei radioamatori alle nostre comunità e alla nostra nazione. Combina servizio pubblico, preparazione alle emergenze, sensibilizzazione della comunità e competenze tecniche in un unico evento. Il Field Day è un evento annuale dal 1933 e rimane l'evento più popolare nei radioamatori.

Preparati per il Field Day dell'ARRL 2021 (Video di YouTube), creato da J. Mitch Hopper, K9ZXO, QSL Manager -- Sangamon Valley Radio Club. Vedi anche una versione con Sottotitoli in spagnolo.

Diamo il benvenuto al pubblico per saperne di più sulla radio amatoriale! Usa il nostro Localizzatore di giorni sul campo per cercare un sito Field Day vicino a te.

Vuoi vedere cosa? Giornata campale È tutto basato su? Guarda il nostro 2019 Annuncio di servizio pubblico Field Day o guarda cosa diversi gruppi caricato su Youtube dalle attività del Field Day 2018. Puoi anche ascoltare/scaricare i nostri 30 sec. annuncio radiofonico per il Field Day 2019 (mp3).


Le persone

Dal 1° dicembre 2020 l'Italia detiene la Presidenza del G20, il forum internazionale che riunisce le principali economie mondiali.

Nel 2021 la comunità internazionale dovrà mostrare coraggio e ambizione per superare le grandi sfide di oggi: dalla ripresa dalla pandemia all'affrontare il cambiamento climatico, dal sostegno all'innovazione al superamento della povertà e delle disuguaglianze.

L'agenda della Presidenza si basa su tre pilastri principali: Persone, Pianeta, Prosperità. Dobbiamo prenderci cura delle persone e del nostro pianeta, garantendo al contempo una ripresa economica forte, inclusiva e sostenibile.

Il G20 culminerà nel Vertice dei Leader, che si terrà a Roma il 30 e 31 ottobre. La Presidenza italiana e la Commissione Europea hanno inoltre organizzato congiuntamente il Global Health Summit, tenutosi il 21 maggio, ai massimi livelli, consentendoci di rispondere alle grandi sfide legate alla crisi sanitaria.


Tracce di sessione

Ibrido e multicloud

Ottieni le ultime tendenze, best practice e know-how per creare la tua strategia cloud! Partecipa a sessioni guidate da esperti su casi d'uso e approfondimenti tecnici su come accelerare la migrazione al cloud, migliorare la continuità aziendale e unificare l'automazione e la gestione IT in ambienti privati, pubblici, ibridi e multicloud. Scopri come Nutanix può aiutarti nel tuo viaggio verso il cloud con una piattaforma cloud semplice, flessibile ed economica.

HCI e cloud privato

Non importa dove ti trovi nell'evoluzione del tuo data center, la piattaforma cloud Nutanix è una scelta eccellente per modernizzare la tua infrastruttura, eseguire applicazioni business-critical o creare un cloud privato che può estendersi all'ibrido quando sei pronto. Questo percorso ti aiuterà a formare una solida base con la soluzione HCI leader del settore, in modo da poter costruire un futuro più luminoso per i tuoi cloud e data center.

Creazione, esecuzione e modernizzazione di app

Che tu stia aggiornando, modernizzando o distribuendo applicazioni e database greenfield, hai bisogno di una soluzione infrastrutturale in grado di ottimizzare i risultati IT e aziendali per tutte le tue applicazioni e carichi di lavoro. Ottieni suggerimenti utili e best practice per un'ampia varietà di casi d'uso, tra cui End-User Computing (EUC), database, big data, applicazioni business-critical, ROBO/edge, Kubernetes e altro ancora.

Partner Xchange

Creato appositamente per le sessioni dei partner Nutanix Channel, OEM, Alliance e GSI Le sessioni Partner Xchange forniscono contenuti personalizzati per aiutarti a ottenere maggiori opportunità con Nutanix.


Eventi

Consiglio Tribale/Interno del Bilancio

7 giugno 2021 - 11 giugno 2021
Vedi link di registrazione qui sotto

Conferenza di metà anno 2021

20 giugno 2021 - 24 giugno 2021
Evento virtuale

Webinar trimestrali Lifeline per i partner tribali nel 2021

1 set 2021
Evento virtuale

Convegno annuale 2021 e Marketplace

9 ottobre 2021 - 15 ottobre 2021
Sacramento Convention Center, Sacramento, CA

Sessione invernale del Consiglio esecutivo del 2022

13 febbraio 2022 - 17 febbraio 2022
Hilton National Mall, Washington, DC

Altri elenchi di eventi

Eventi Nazionali - NCAI elenca anche importanti eventi nazionali relativi ai governi tribali e agli sforzi di advocacy.

Eventi di consultazione tribale - Un elenco di consultazioni tribali come annunciato dal governo federale per conformarsi all'ordine esecutivo 13175, "per stabilire consultazioni e collaborazioni regolari e significative con i funzionari tribali nello sviluppo di politiche federali che hanno implicazioni tribali".

Eventi giovanili - Un elenco completo di eventi incentrati sul miglioramento e il miglioramento dell'istruzione dei giovani indiani d'America e nativi dell'Alaska.


Cosa sta succedendo a Washington, DC: 22 giugno 2015 - Ricette

"Stay tuned" è stato uno dei più importanti risultati di un incontro di martedì in cui i membri di una commissione statale hanno discusso dello stato di un nuovo programma di assistenza a lungo termine gestito dallo stato e finanziato da una nuova imposta sui salari dei lavoratori.

Le regole della legge sono ancora in fase di stesura da parte del Dipartimento per la sicurezza dell'occupazione ed è stato approvato un nuovo comitato di ammissibilità per affrontare alcuni degli aspetti più controversi del programma, che ora si chiama WA Cares Fund. Questa mossa è benvenuta. Verrà creato un secondo comitato per lavorare con i fornitori di assicurazioni per perseguire soluzioni per l'assicurazione complementare, poiché il beneficio dello stato è insufficiente per coprire le esigenze di assistenza a lungo termine della maggior parte delle persone.

Il lavoro e le industrie aggiungono ulteriori restrizioni al passaporto per i vaccini alle imprese

Martedì, durante un webinar aziendale dell'Associazione di Washington, Craig Blackwood, il vicedirettore aggiunto del lavoro e dell'industria (L&I) ha fornito alcune indicazioni aggiuntive sulle regole del passaporto del vaccino L&I per le aziende che operano senza distanziamento sociale e maschere.

Il documento del sovrintendente statale afferma che la massima priorità per la spesa dei soldi federali COVID saranno i programmi di tipo Critical Race Theory, non l'apprendimento degli studenti

La scorsa settimana ho riferito che il sovrintendente statale aveva proposto un elenco di progetti burocratici favoriti, come "l'equità e la formazione antirazzista", "le pratiche di inclusione", le "pratiche informate sul trauma", e l'"apprendimento sociale ed emotivo" e tutti gli aspetti delle controverse sessioni di allenamento della corsa critica &ndash per essere finanziato dai fondi federali COVID (ESSR I, II e III) destinati ai bambini con bisogni speciali. I genitori di bambini con bisogni speciali si sono opposti e hanno affermato che il denaro dovrebbe essere utilizzato per servizi di recupero e compensazione per aiutare gli studenti, come previsto dal governo federale.

Non sorprende che l'ufficio del sovrintendente statale si sia opposto vigorosamente a questa divulgazione, affermando che il finanziamento sarebbe andato ai distretti per il programma di bisogni speciali. Da allora ho imparato che questa è una schivata fuorviante.

Il documento del sovrintendente statale, "Priorità OSPI per i fondi ESSER", modificato l'ultima volta il 25 giugno 2020, delinea quattro priorità che i distretti scolastici devono seguire. [Ecco il link, e poiché i siti web del governo hanno l'abitudine di cambiare improvvisamente senza preavviso, ho postato uno screenshot qui sotto.] Come puoi vedere, Priority One sta spendendo in sessioni di tipo Critical Race Theory.


Quilt Show

Guarda oltre 600 trapunte moderne in mostra da produttori di tutto il mondo.

Ottieni tutti i dettagli su come inserire la tua trapunta nello spettacolo, comprese le categorie, le scadenze e le regole ufficiali.


Informazioni sui nostri eventi

BeerAdvocate (BA) ha organizzato e ospitato centinaia di incontri sociali, degustazioni, cene e raccolte fondi, oltre a fondare due settimane della birra, sin dal suo inizio nel 1996. Ciò include oltre 70 festival della birra con biglietto dal 2003, che vanno da degustazioni intime a più giorni festival che hanno accolto oltre 15.000 partecipanti da tutto il mondo.

Gli inviti sono esclusivi per i birrai artigianali indipendenti, la cui presenza è richiesta per garantire il più alto livello di rappresentanza e formazione per i nostri partecipanti. E, come sempre, paghiamo la loro birra e rinunciamo al costo dello stand. Abbiamo speso milioni di dollari per aiutare a sostenere la birra indipendente.

BeerAdvocate | Rispetta la birra.®

BeerAdvocate Fest passate e future:

30 aprile + 1 maggio 2021
IPA Fest nel Cyberspazio
in linea

5-6 febbraio 2021
Festa della birra estrema nel cyberspazio
La nostra prima festa della birra virtuale!

31 gennaio + 1 febbraio 2020
Festa della birra estrema: Boston
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

14 settembre 2019
IPA Fest
Brooklyn EXPO Center, Brooklyn, New York

14-15 giugno 2019
FUNK Boston
Il Ciclorama, Boston, Massachusetts

1-2 febbraio 2019
Festa della birra estrema: Boston
Seaport World Trade Center, Boston, Massachusetts

15 dicembre 2018
IPA Fest
Flynn Cruiseport Boston, Massachusetts

23 giugno 2018
Festa della birra belga: giorno delle birre ispirate
Il Ciclorama, Boston, Massachusetts

22 giugno 2018
Festa della birra belga: la notte del funk
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

2-3 febbraio 2018
Festa della birra estrema: Boston
Seaport World Trade Center, Boston, Massachusetts

9 dicembre 2017
Festa della birra estrema: Los Angeles
California Market Center, Los Angeles, California

23 settembre 2017
La birra incontra il legno
The Portland Company, Portland, Maine

2-3 giugno 2017
BeerAdvocate Microbrew Invitational
Seaport World Trade Center, Boston, Massachusetts

3-4 febbraio 2017
Festa della birra estrema: Boston
Seaport World Trade Center, Boston, Massachusetts

17 settembre 2016
Ritorno del Belgian Beer Fest
The Portland Company, Portland, Maine

3-4 giugno 2016
BeerAdvocate Microbrew Invitational
Seaport World Trade Center, Boston, Massachusetts

5-6 febbraio 2016
Festa della birra estrema
Seaport World Trade Center, Boston, Massachusetts

29-30 maggio 2015
Festa della birra artigianale americana
Seaport World Trade Center, Boston, Massachusetts

20-21 marzo 2015
Festa della birra estrema
Seaport World Trade Center, Boston, Massachusetts

13 settembre 2014
Birra per Bestie
The Bell House, Brooklyn, New York

30-31 maggio 2014
Festa della birra artigianale americana
Seaport World Trade Center, Boston, Massachusetts

21-22 marzo 2014
Festa della birra estrema
Seaport World Trade Center, Boston, Massachusetts

14 settembre 2013
Festa della birra belga
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

13 settembre 2013
La notte del funk
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

31 maggio-1 giugno 2013
Festa della birra artigianale americana
Seaport World Trade Center, Boston, Massachusetts

6 aprile 2013
Birra per Bestie
The Bell House, Brooklyn, New York

16 marzo 2013
Festa della birra estrema
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

15 marzo 2013
La notte delle botti
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

8 settembre 2012
Festa della birra belga
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

7 settembre 2012
La notte del funk
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

1-2 giugno 2012
Festa della birra artigianale americana
Seaport World Trade Center, Boston, Massachusetts

31 marzo 2012
Birra per Bestie
The Bell House, Brooklyn, New York

4 febbraio 2012
Festa della birra estrema
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

3 febbraio 2012
La notte delle botti
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

10 settembre 2011
Festa della birra belga
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

9 settembre 2011
La notte del funk
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

3-4 giugno 2011
Festa della birra artigianale americana
Seaport World Trade Center, Boston, Massachusetts

26 marzo 2011
Birra per Bestie
The Bell House, Brooklyn, New York

12 marzo 2011
Festa della birra estrema
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

11 marzo 2011
La notte delle botti
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

6 novembre 2010
Festa della birra belga
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

5 novembre 2010
La notte del funk
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

18-19 giugno 2010
Festa della birra artigianale americana
Seaport World Trade Center, Boston, Massachusetts

20 febbraio 2010
Festa della birra estrema
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

19 febbraio 2010
La notte delle botti
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

17 ottobre 2009
Ritorno del Belgian Beer Fest
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

16 ottobre 2009
La notte del funk
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

19-20 giugno 2009
Festa della birra artigianale americana
Seaport World Trade Center, Boston, Massachusetts

21 febbraio 2009
Festa della birra estrema
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

20 febbraio 2009
La notte delle botti
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

27 settembre 2008
Ritorno del Belgian Beer Fest
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

26 settembre 2008
La notte del funk
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

20-21 giugno 2008
Festa della birra artigianale americana
Seaport World Trade Center, Boston, Massachusetts

16 febbraio 2008
Festa della birra estrema
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

15 febbraio 2008
La notte delle botti
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

27 ottobre 2007
Ritorno del Belgian Beer Fest
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

26 ottobre 2007
La notte del funk
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

22 settembre 2007
Festa della birra tedesca
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

16 giugno 2007
Festa della birra americana
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

15 giugno 2007
La notte dei lager
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

10 febbraio 2007
Festa della birra estrema
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

9 febbraio 2007
La notte delle botti
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

27-28 ottobre 2006
Ritorno del Belgian Beer Fest
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

16-17 giugno 2006
Festa della birra americana
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

11 febbraio 2006
Festa della birra estrema
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

29 ottobre 2005
Festa della birra del New England
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

17 giugno 2005
Festa della birra americana
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

29 gennaio 2005
Festa della birra estrema
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

6 novembre 2004
Festa della birra belga
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

8 maggio 2004
Festa dell'Arte della Birra
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

17 gennaio 2004
Festa della birra estrema
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

23 settembre 2003
Stammtisch (AOBF)
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts

24 maggio 2003
Festival dell'Arte della Birra (AOBF)
Il Cyclorama, Boston, Massachusetts


Guarda il video: QAnon Shaman Pleads Guilty In Federal Court For Role in January 6 Riot (Settembre 2021).