Altro

Trandafirata


Lavate i petali di rosa poi metteteli in una ciotola e versateci sopra lo zucchero.

Mescolateli bene e versateci sopra ancora un po' di zucchero per tenerli coperti.

Lasciare la pentola coperta per qualche giorno, fino a quando si sarà formato lo sciroppo di rose, che si scola e si diluisce con alcool, nelle proporzioni desiderate.


Affinché la rosa esca profumata e naturalmente colorata, usa i petali

rose rosse, vellutate, dall'odore molto forte.

Buona fortuna e salute! :)


Succo acido di Rose & # 8211 dai petali di rosa

La scorsa settimana ho testato una nuova ricetta. Non so se questo nome esiste davvero, ma l'ho chiamato rosa, cioè succo di petali di rosa. Un succo fatto non dallo sciroppo di petali di rosa come si potrebbe pensare a prima vista ma direttamente dai petali di rosa.

Voglio dire, mi sono ispirata alla vecchia ricetta shock di mia nonna (che puoi vedere qui) e ho usato petali di fiori di rosa invece di fiori shock.

Ho pensato che comunque qualcosa di brutto non sarebbe uscito perché in fondo sono ancora dei fiori, non shock ma rose. E avevo ragione. Voglio dire, la mia rosa è uscita quasi come lo shock. C'è una piccola differenza di acido. Lo shock sembrava un po' più aspro della rosa.

Alla rosa 150 grammi di petali di rosa apposta per la marmellata, cioè della varietà Rosa Damascena, ma penso che l'aroma delle rose sarebbe stato ancora più forte se avessi avuto più petali di rosa. Quindi, se lo hai, ti consiglio di usare più di 150 grammi.


Quali proprietà ha la rosa

I ricercatori hanno riportato numerose proprietà farmacologiche della rosa di Damasco, la principale specie utilizzata per scopi medicinali:

  • antibatterici
  • Antiossidanti
  • tosse
  • ipnotici
  • antidiabetico
  • rilassante nella trachea
  • antipiretici
  • cementazione
  • antisettico

La rosa di Damasco contiene terpeni, flavonoidi, glucosidi, antociani, mircene, vitamina C, quercetina e kamepferolo, principi amari, acidi organici e olio grasso.

Gli scienziati hanno scoperto oltre 95 micro e macronutrienti nell'olio essenziale di rosa.

La maggior parte dei benefici della rosa sono attribuiti al contenuto di composti fenolici. Hanno mostrato effetti antiossidanti, antitumorali, antimutageni, antinfiammatori e antidepressivi.

Nella medicina tradizionale, la rosa di Damasco era usata per dolori al petto, dolori addominali, sanguinamento mestruale, stitichezza e altri problemi digestivi.

Era anche considerato un tonico per il cuore. Le tribù indiane d'America usavano il tè dalla radice della pianta per la tosse dei bambini.

L'olio di rosa è utile in caso di depressione, tensione, stress, nervosismo e forti disturbi. Le inalazioni con olio di rosa possono alleviare allergie, mal di testa ed emicranie.


INGREDIENTI

6 litri, 10 minuti di preparazione e 48 ore di macerazione

  • i petali di 25 dolci rose
  • 6 litri di acqua
  • 500 g di zucchero
  • 350 ml di succo di limone (io ho usato 5 limoni)
  • 2 limoni a fette

Rompete i petali di rosa e lavateli bene, poi fateli scolare.

In una ciotola (io ne ho usata una di vetro, con rubinetto, ma potete usare un barattolo), aggiungete lo zucchero insieme al succo di limone e mescolate un po'.

Aggiungere i petali di rosa, poi l'acqua e le fettine di limone. Mescola di nuovo, quindi sposta il barattolo in un luogo soleggiato, come un davanzale.

Coprire il barattolo con un piatto, non un coperchio ben chiuso, per permettere al liquido di respirare durante la macerazione.

Usando un cucchiaio a coda lunga, aggiungi la rosa una volta al giorno.

Dopo 48 ore, la rosa è buona solo da bere tal quale, o per riempire un bicchiere di gin con molto ghiaccio.

Metti in frigorifero il piatto per goderti questa bevanda al gusto estivo rosa per diversi giorni.


TRANDAFIRATA (con miele o alcool) - un liquore rinfrescante e tonico come la SOCATA

La rosa è un fiore medicinale eccezionale, la cui dolcezza può essere sfruttata anche in gastronomia, preparando dai suoi petali sciroppo o marmellata.

Per scopi culinari e terapeutici viene utilizzata la rosa dolce, fortemente profumata, ricca di sostanze dalle proprietà antiossidanti, antisettiche e sedative. Non usare rose di fioristi, che possono essere trattate con vari prodotti chimici.

I fiori vengono raccolti con tempo soleggiato. Utilizzare solo petali (sani), subito dopo la raccolta, o dopo l'essiccazione (che dura circa 7 giorni).

Rosa - ricetta con miele

ingredienti

• 1 manciata di petali di rosa fresca
• 1-2 limoni
• 4 cucchiai di miele
• 2 litri di acqua

La rosa può essere preparata da petali di rosa freschi o secchi. Metti l'acqua in un barattolo di vetro. Spremere il succo di limone e aggiungere la buccia, lavata prima con aceto e tritata finemente. Aggiungi il miele. Mescolare fino a quando non si scioglie, quindi inserire i petali di rosa. Mescolare e avvitare il coperchio.

Lasciare i petali in ammollo per 2-4 giorni, o finché non acquisiscono un sapore aspro, quindi filtrare. Il succo ottenuto viene conservato in bottiglie ermeticamente chiuse in frigorifero. Servire così, freddo.

Trandafirata (liquore alla rosa) - ricetta con alcool

ingredienti

• 20 fiori di rosa freschi
• alcool doppio raffinato o vodka
• zucchero grezzo a piacere

Lavate i petali di rosa e fateli scolare in un colino. Poi metteteli in un barattolo di vetro. Aggiungere qualche cucchiaio di zucchero e mescolare fino a quando non diventa succoso.

Quindi ricoprire il composto con lo zucchero e mettere il coperchio. Lasciare i petali in ammollo per qualche giorno, finché lo zucchero non si trasforma in sciroppo.

Lo sciroppo filtrato viene diluito con alcool (ed eventualmente 2 parti di acqua), a piacere.

* I consigli e le eventuali informazioni sanitarie disponibili su questo sito sono a scopo informativo, non sostituiscono la raccomandazione del medico. Se soffri di malattie croniche o segui farmaci, ti consigliamo di consultare il tuo medico prima di iniziare una cura o un trattamento naturale per evitare interazioni. Rimandando o interrompendo le cure mediche classiche puoi mettere in pericolo la tua salute.


Salsiccia e salsicce rosa affumicate fatte in casa

Una volta terminato il ripieno, porteremo queste salsicce rosa in un luogo freddo, con un massimo di 5 C. Non facciamo saltare i prodotti a base di carne caldi o vicino a fonti di calore! Il calore è il nemico numero 1 della carne cruda! Le salsicce sono appese su pali di legno, con spazi tra le coppie, non sopra la pila!

Ecco come appare un bastone con salsicce e salami disposti correttamente. Non ci avvolgiamo sopra metri di salsicce non separate (come nella bobina) perché il punto in cui la salsiccia è attaccata all'asta NON si sbiadisce!

Potete mettere queste rose di salsiccia in forno e in frigo, ma non su teglie ma su griglie (griglie) che permettano la circolazione dell'aria.

Il fumo segue. Senza fumare non si può parlare di salsicce rosa! L'ho affumicata FREDDA utilizzando una griglia speciale (la chiamiamo "locomotiva") recentemente acquistata da Mömax (si trovano anche in altri negozi & #8211 Vedere qui). Ha un coperchio, un termometro e un camino e puoi creare fumo al suo interno: è una griglia con un affumicatore.


Ricetta della settimana: Rose

Ti interessano ricette deliziose e non le trovi? Vuoi imparare a cucinare e stupire?


petali di rosa
zucchero
doppio alcol raffinato, vodka,
Pepe macinato.
Metodo di preparazione:
Lavate i petali di rosa, poi metteteli in una ciotola e versateci sopra lo zucchero. Mescolate bene e versateci sopra ancora un po' di zucchero in modo che rimangano coperte. Lasciare la pentola coperta per qualche giorno, fino a quando si sarà formato lo sciroppo di rose, che si scola e si diluisce con alcool, nelle proporzioni desiderate. Affinché la rosa esca profumata e naturalmente colorata, usa i petali di rose rosse, vellutate, che hanno un profumo molto forte.


Portale generale che include una directory web, una rivista di stampa, articoli e annunci in vari campi, giochi online, gallerie di immagini e un forum di discussione.


Quanto è facile preparare albicocche, lamponi e rose?

Molto facile! Ma fino ad arrivare ai liquori eleganti, profumati e colorati nelle foto sopra, tutto inizia prosaicamente in cucina, con un barattolo vuoto (hanno Selgros e basta, ho visto!), Frutta o fiori e un po' di zucchero. Come nella foto qui sotto.

Il fenomeno è semplice: i frutti oi fiori, posti a strati alternati con lo zucchero, vengono lasciati in ammollo per alcuni giorni, durante i quali scuotiamo i vasetti almeno una volta al giorno per aiutare lo zucchero a sciogliersi. I barattoli non devono essere coperti con un coperchio stretto durante questo periodo perché lì avviene un processo di fermentazione e i gas risultanti devono poter fuoriuscire. Copriteli con uno strato di garza o un piattino.

Frutta e fiori lasceranno sciroppo. Più o meno, ciascuno secondo i suoi poteri. Ovviamente i lamponi o le albicocche ben mature lasceranno più sciroppo dei petali di rosa. Qualsiasi frutto succoso lascia più sciroppo di quelli secchi, pensa ad esempio alle ciliegie contro le mele cotogne.

Versare su questo sciroppo senza pietà & # 8230alcool. Una vodka a 40 gradi è perfetta. Mia madre metteva sull'amarena alcol doppio raffinato, di cui dubitava con l'acqua. Ho preferito una buona vodka, distillata dalla segale e & # 8220non battezzata & # 8221 in seguito. Lasciare i vasetti in dispensa ancora qualche giorno, unire i sapori, quindi filtrare i liquori attraverso un colino spesso e riporli in belle bottiglie con coperchio o tappo a chiusura ermetica. Più spesso è il setaccio, più limpidi saranno i liquori. Eventualmente si possono passare attraverso una garza disposta in più strati. Non mi sono preoccupato, mi piacciono i liquori più densi. Sono mantenuti freschi, ad esempio nella stanza, e da quello che sono, migliorano sempre di più.

Lascio di seguito la video ricetta per le ciliegie. Dopotutto, qualsiasi liquore ha all'incirca la stessa preparazione, quindi aiuta sicuramente a vedere come ho fatto la ciliegia. E se continui a venire su YouTube, ti suggerisco di iscriverti al canale perché abbiamo un sacco di ottime ricette lì. Clicca qui per iscriverti.

Per la ricetta delle ciliegie, clicca sulla foto qui sotto.

Dei tre liquori che ho preparato, il mio preferito sono le rose. È la più limpida, è leggermente oleosa, molto profumata e dal colore delicato. Quello lampone è rosso come il fuoco, e quello albicocca ha un colore vivido e meraviglioso ed è & # 8220più spesso & # 8221 degli altri due.

Con lo stesso principio puoi fare il liquore da qualsiasi frutto o fiore commestibile: mele, pere, mele cotogne, banane, fiori di acacia, fiori d'urto o anche liquore alla menta o al basilico. La procedura è la stessa. Scatena la tua creatività e porta i liquori ad un altro livello aggiungendo al barattolo, insieme alla frutta, alcune delle tue spezie preferite: bastoncini di vaniglia, semi di cardamomo, anice stellato, bastoncini di cannella, ecc. Ho aggiunto alcuni semi di cardamomo al liquore all'albicocca, che ha completato in modo superbo il sapore dell'albicocca.

Lascio di seguito gli ingredienti che ho utilizzato e la quantità di liquore ottenuta. Diminuiscili o moltiplicali in base ai frutti e ai fiori che hai a disposizione.

Preciso che non ci sono quantità inchiodate, ma in generale si devono osservare alcune proporzioni. Se metti meno zucchero, otterrai meno sciroppo nel barattolo, quindi la quantità di alcol dovrà essere regolata. Se metti un po' più o meno vodka, non è sbagliato. Il tuo liquore uscirà solo più alcolico o meno alcolico, più saporito o meno profumato & #8230 capisci l'idea.


Potete leggere la ricetta scritta qui sotto o andare direttamente alla video ricetta qui:

Le rose sono scelte tra quelle rosa, da cui si ricava la marmellata. È bene essere il più organici possibile, non essere spruzzati con prodotti chimici. Vengono raccolti al mattino, ma non dopo la pioggia. Agitare bene, per evitare gas, quindi sciacquare con acqua corrente, agitare nuovamente, quindi lasciare in tavola, su un tovagliolo, a scolare bene.

Scegli i petali (non serve tagliare la parte bianca, come facciamo per la marmellata. Metti i petali in un barattolo e versaci sopra l'aceto. Metti il ​​coperchio e vai in dispensa. Lascia per 2 settimane, agitando di tanto in tanto . .

Trascorso questo tempo, filtratelo con una garza, mettetelo in piccole bottiglie, mettete un tappo ermetico, etichettatelo e andate in dispensa.

Si conserva per 3 anni, senza problemi.

Lo uso per l'emicrania, mi massaggio le tempie, o dopo la spiaggia, quando ho lievi ustioni. O soprattutto mi piace aggiungere un cucchiaino di questo aceto profumato nell'acqua in cui sciacqui dopo aver lavato la testa & # 128578

Vi invito a farlo anche voi e tornate a dirmi come è andata a finire & # 128578


Bevande analcoliche ai fiori di stagione: rosa con miele e limone, sciroppo di sciroppo di papavero e shock

Siamo a metà maggio, l'esplosione di verde intorno a noi è travolgente, e ogni volta che usciamo nella natura rimaniamo stupiti dai profumi e dai colori delle piante. Quella piacevole sensazione di inizio estate ci riempie di ottimismo e buon umore. Ma cosa accadrebbe se sfruttassimo maggiormente i momenti trascorsi in mezzo alla natura e in qualche modo ci spostassimo su un altro livello? Come possiamo farlo? Raccogliere fiori che verranno poi utilizzati per preparare bibite. Ecco tre esempi che, quando li pronunciamo, produrranno quell'effetto chiamato "e-lascia l'acquolina in bocca": rosa con miele e limone, sciroppo di papavero e shock.

Il nostro collaboratore Mona Petre, dal blog Erbe dimenticate, ci darà qualche informazione sulla rosa al miele e limone e sullo sciroppo di petali di papavero. Queste sono deliziose bevande a base di piante che fioriscono durante questo periodo. E alla fine dell'articolo presenteremo il modo per preparare lo shock.

Rosa con miele e limone

& quotTutto ciò di cui hai bisogno per preparare questa bevanda sono:

  • un barattolo capiente di acqua fresca di una fontana o di una sorgente (io ne ho usata una da otto litri). Puoi anche usare acqua semplice, ma sconsiglio l'acqua del rubinetto, perché contiene cloro e impedisce il processo di fermentazione.
  • 800 grammi di miele
  • due limoni
  • 12-14 fiori di rosa (essiccati o meno).

Passaggio 1. Lavare bene i petali freschi. Se hai intenzione di asciugare i petali, assicurati di lavarli prima di stenderli sulla carta. È necessario lasciarle all'ombra per alcuni giorni, mescolandole a mano ogni giorno, in modo che non marciscano e si asciughino in modo uniforme. Quindi puoi conservarli in sacchetti o scatole e puoi utilizzarli in qualsiasi momento nelle settimane successive.

Passaggio 2. Aggiungere i petali, il succo dei limoni spremuti, il miele e versare acqua sufficiente a coprire il tutto. Lasciare questa miscela in ammollo per un giorno.

Passaggio 3. Il giorno successivo riempire il barattolo con acqua e coprire con un piattino (non un coperchio) in modo che il contenuto del barattolo possa respirare. Lasciarli fermentare per circa tre giorni (fino a quando non ci si accorge che i petali hanno perso il colore), mescolando due volte al giorno con un cucchiaio di legno.

Passaggio 4. Filtrare la rosa attraverso un colino o un panno e versarla in bottiglie con coperchi, che si fanno raffreddare.

Sciroppo di petali di papavero

& quot; Questa vecchia ricetta è ancora attuale in Turchia, dove può essere acquistata nei negozi, ma molti la fanno in casa. Chiamano questo sciroppo gelincik serbeti. Altri che lo fanno con piacere sono dall'altra parte dell'Europa. Riguarda i francesi, che lo chiamano sciroppo di papavero.

Alcuni lo fanno con acqua bollita e poi zuccherata, finché non si addensa. Altri lo mettono a bagno per circa due giorni in acqua fredda, quindi aggiungono miele o zucchero a piacere. E anche in base al gusto, le quantità variano. Più petali significano un aroma più intenso.

Bastano due o tre mani di petali (da cui viene rimossa la parte nera, considerata da molti tossica), il succo di un limone, acqua (più o meno a seconda della consistenza che si vuole) e il vostro dolcificante preferito. nella quantità che ti soddisferà.

Abbiamo campi pieni di papaveri rossi (Papaver rhoes), compresi i cosiddetti papaveri da giardino (Papaver somniferum), la cui coltivazione è regolamentata per legge e riservata a un ristretto numero di agricoltori con speciale esenzione. Ufficialmente, non possiamo piantare o vendere semi di papavero senza alcune approvazioni.

Forse questa riluttanza verso il papavero da giardino è il motivo per cui non ci siamo fatti prendere dall'abitudine di usare i bellissimi petali di papavero, che hanno un profumo speciale e che colorano lo sciroppo di un rosso forte e bello.

Di tutte e tre le bevande, la socata è la più popolare. È molto facile da preparare. Supponiamo che tu voglia preparare circa otto litri di shock, per questo hai bisogno di:

  • un barattolo da dieci litri
  • 10-15 fiori shock
  • un chilo di miele
  • due o tre limoni
  • otto litri di acqua di pozzo o semplice.

Passaggio 1. Lavare i fiori d'urto, scuotere l'acqua e posizionarli sul fondo del barattolo.

Passaggio 2. Aggiungere il miele, il succo di limone e le bucce affettate.

Passaggio 3. Metti abbastanza acqua per coprire gli ingredienti, ma senza riempire il barattolo, e lascia in ammollo fino al giorno successivo.

Passaggio 4. Il giorno successivo riempire il barattolo con acqua fredda e mescolare. Copri il barattolo e lascialo per altri due o tre giorni in un luogo caldo e soleggiato.

Passaggio 5. Ogni giorno il liquido dovrà essere miscelato. Assaggialo di tanto in tanto, e quando raggiunge l'acidità desiderata, filtra lo shock e mettilo in frigo.

Siamo sicuri di aver suscitato il vostro interesse con queste meravigliose ricette, in questo caso non mi resta che realizzarle.


Video: Cum să faci trandafirată. Mazilique (Dicembre 2021).